Assurdo. In piena crisi Covid l'Ars aumenta lo stipendio alla portavoce di Musumeci - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Assurdo. In piena crisi Covid l’Ars aumenta lo stipendio alla portavoce di Musumeci

Pippo Trimarchi

Assurdo. In piena crisi Covid l’Ars aumenta lo stipendio alla portavoce di Musumeci

sabato 27 Marzo 2021 - 11:02

Lo stipendio di Michela Giufffrida, ex eurodeputata PD, passerebbe da 100 mila Euro a 160.000 Euro. Una beffa per i tanti siciliani stretti nella morsa della crisi legata alla pandemia.

In una fase in cui le persone normali guardano al loro presente e al loro futuro con l’ansia della crisi economica legata alla pandemia, i politici riescono a prendere decisioni che assumono il sapore amaro della beffa. Tra queste rientra senz’altro quella assunta ieri pomeriggio, 26 marzo 2021, dall’Assemblea Regionale Siciliana.

Con una norma nascosta tra le pieghe della legge di stabilità finanziaria, l’ARS, tra le urla di protesta dei deputati regionali di opposizione, ha aumentato, e non di poco, lo stipendio della portavoce del Presidente Nello Musumeci. Con questa deliberazione, come riporta BlogSicilia, la giornalista ed ex eurodeputata del PD Michela Giuffrida, chiamata, non senza polemiche, al ruolo di portavoce del presidente nel gennaio scorso, otterrebbe un compenso lordo che dagli attuali 100 mila Euro passerebbe a 160 mila euro con uno stellare aumento del 60%.

Lungi da noi ogni pulsione demagogica. Tuttavia non si può fare a meno di sottolineare come la maggioranza di governo nella nostra regione, abbia, con questa decisione, assecondato una pulsione di privilegio nettamente in contrasto con il momento drammatico attraversato da tanti siciliani. La crisi che, purtroppo, ha trascinato nell’area di indigenza molte famiglie, impone scelte di continenza da parte della politica che dovrebbe dimostrare maggiore rispetto verso i sacrifici di tanti cittadini in difficoltà.

Insomma la scelta è stata davvero infelice. Tuttavia c’è ancora modo di rimediare a questa caduta di stile. Speriamo, dunque, che l’Assemblea Regionale Siciliana abbia il buon senso di tornare sui suoi passi, dimostrando con i fatti che la deliberazione assunta è stata un incidente di percorso e non già la manifestazione di un’inaccettabile arroganza di casta.

Per tutti i particolari leggi l’articolo su BlogSicilia

11 commenti

  1. Sergio Catanzaro 27 Marzo 2021 11:53

    Prendere esempio da Papa Francesco no! Che in periodo di crisi ha abbassato gli stipendi di cardinali, preti ecc…Sempre a mangiare sulla pelle degli Italiani, in Sicilia le autostrade cadono a pezzi, il governo dei mangioni che fa? Si aumentano gli stipendi, puah! Solo schifo! Bravi.

    20
    2
  2. A chi criticava che a Messina qualcuno faceva solo campagna elettorale, questo è Musumeci…..tenetevelo stretto anche per la prossima legislatura.

    12
    0
  3. Parole sante……la scelta è stata davvero infelice in un momento di crisi economica gravissimo,ma io aggiungerei come cittadina alla parola infelice che è molto perbene, la parola vergognosa, e vergognatevi ai 27 che l’avete approvata ,quando magari ci sono emendamenti urgenti relativi a tematiche serie o vi astenete o non raggiungete il numero …… siete patetici……una proposta del genere non doveva minimamente avanzare visto lo stipendio lauto già percepito ….che poi parliamoci chiaro non è che i soldi aggiunti a questa portavoce sono materialmente i nostri ,ma potrebbero esserlo se si adoperasse la stessa velocità di questa decisione quando si va a discutere di imprese,di cittadini in difficoltà e invece là guarda caso pure quando si decidono a stanziare gli aiuti la burocrazia stoppa tutto e qua ? Nessun intralcio se non l’ indignazione di chi ha assistito a questa “farsa”e di chi lo ha saputo tramite questo giornale che non tralascia nessuna informazione al cittadino comune per tenerlo informato e aggiornato…..notizie che corrodono il fegato come questa ne faremmo volentieri a meno ,specie chi è “condannato” ad arrancare a fine mese per colpa delle decisioni scellerate dei poteri forti che penalizzano sempre le fasce deboli……i signori politici ancora non hanno capito che è venuto il momento di abbandonare i privilegi…… l ‘ era delle “vacche grasse ” è finita perché ora è l ‘ era delle “vacche magre che “esigono” adesso loro di diventare grasse

    10
    0
  4. Diventerà bellissima! ahahahah

    7
    1
  5. Ancora vi indignate sentendo queste notizie? Possibile che ancora credete che i politici siano al servizio del popolo?
    La Signora forse ha un figlio da sposare e i soldi servono per il viaggio di nozze .
    Loro sono loro e voi non siete un c…. come diceva Sordi
    Se volete inutilmente protestare fatelo capire in ben altre maniere

    10
    1
  6. Caro Tempostretto, visto che riesci a pubblicare le schifezze di quello che viene fatto all’ARS , ti saremmo tutti grati che facessi i nomi di chi ha votato questa delibera. Non credo che ci sia la privacy ,così sapremo da chi siamo rappresentati .

    9
    0
  7. Musumeci, Miccichè… l’elite della politica siciliana. Ricordate quando andate a votare..

    6
    0
  8. Queste azioni non hanno tendenza politica. Destra, sinistra, verdi, gialli, a strisce in questi frangenti dimenticano di essere avversari, sono invece uniti quando all’unanimità vengono approvati certi emendamenti o provvedimenti come questo. La politica a nazionale ne è esempio e in Sicilia ovviamente non possono essere da meno. Gridare allo scandalo non porta a nulla, tantomeno rendere pubblico chi lo ha votato.

    0
    2
    1. E invece si che bisogna gridare allo scandalo e magari sapere anche i nomi perché non è giusto che venga omesso coprendo l’ ennesimo sopruso al danno della cittadinanza e dire la nostra è l unica cosa che ci è rimasta, perché la voce ha una risonanza notevole tant’è che prima di Tempostretto non se ne parlava e adesso anche altre testate giornalistiche stanno dando risalto a questo fatto deplorevole in un momento di estrema crisi in tutti i settori…..serve dare risalto alle ingiustizie affinché il ricco non diventi sempre più ricco con la sua avidità e il povero non diventi sempre più povero con la sua umiltà.

      2
      0
  9. ma lo sapete chi è il portavoce? Siccome nello musumeci non sa parlare è
    muto in certe situazioni…… si pregia della voce di una donna in questo caso poichè
    noi donne abbiamo la lingua lunga e ci facciamo sentire… è una vergogna miserabili farabutti…abbiate un poco di cuore x le persone che stanno morendo
    di fame………

    2
    0
  10. non è cambiato e non cambierà niente. ormai i poveri fessi siciliani si devono rassegnare. bla bla bla. e niente altro .inutile far credere che alle prossime elezioni……sempre bla bla bla ed avremo tutti il contentino per farci stare zitti. e come disse leonardo sciascia ……..u populo curnutu era e curnutu resta.

    2
    0

Rispondi a hermann Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x