Atm Messina, per Cgil e Uil la liquidazione è stata una scelta sbagliata” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Atm Messina, per Cgil e Uil la liquidazione è stata una scelta sbagliata”

.

Atm Messina, per Cgil e Uil la liquidazione è stata una scelta sbagliata”

. |
martedì 22 Ottobre 2019 - 15:30
Atm Messina, per Cgil e Uil la liquidazione è stata una scelta sbagliata”

Mastroeni e Tripodi: "Unica via d'uscita ritirare la delibera di liquidazione in autotutela"

MESSINA – “La scelta della messa in liquidazione dell’Atm, contenuta all’interno del “Salva Messina”, è la cartina di tornasole del bluff del piano dell’Amministrazione comunale”. Lo dichiarano i segretari generali di Cgil Uil Messina, Giovanni Mastroeni Ivan Tripodi.

“Conti che non tornano sullo stato economico – sottolineano Mastroeni e Tripodi – e denunce alla Corte dei Conti dell’organo revisore di Atm, blitz della Guardia di Finanza nei locali della partecipata e fondati sospetti su mandati, delibere e consulenze del nuovo management con la probabile incompatibilità degli organi liquidatori. Ben due commissioni bilancio, volute dal Consiglio, per fare chiarezza su denunce gravissime dei revisori, volutamente disertate dal sindaco e dalla sua giunta che vorrebbe però continuare il dibattito sui social scappando dalle sedi istituzionali”.

“Al Consiglio comunale – dicono i segretari di Cgil e Uil – si chiede di affrontare la tematica e decidere di ritirare in autotutela la delibera di liquidazione di Atm”.

“Non siamo qui a rivendicare la primogenitura di dubbi e incongruenze che abbiamo posto dal primo momento su un percorso con troppe ombre e poche luci – proseguono i sindacalisti – che ha portato frettolosamente alla liquidazione di Atm. Quanto sta oggi venendo a galla è tutto scritto nelle dichiarazioni di Cgil e Uil nei verbali del “Salva Messina”.

“Oggi però – osservano Mastroeni e Tripodi – a fronte dei gravissimi dubbi sulla legittimità di atti e bilanci non ci si può voltare dall’altra parte aspettando l’ennesimo compitino politico confezionato dai liquidatori perché in gioco vi è il futuro di centinaia di lavoratori, il servizio pubblico di trasporto della città con la responsabilità oggettiva di chi si appresta a liquidare un’azienda”.

“Incaricare un’agenzia terza per verificare i conti dell’azienda”

Per Cgil e Uil “non c’è altra via, alla luce dell’intrigata situazione generatasi da evidenti interessi di parte e con la posizione assunta dall’organo revisore e il conseguente intervento dell’organo giudiziario, che ritirare la delibera di liquidazione in autotutela e incaricare un’agenzia terza di verificare i conti dell’azienda e solo dopo decidere del futuro dell’Atm. Il ricorso a professionisti esterni, lo hanno chiesto da subito Cgil e Uil, lo ha votato il Consiglio comunale in un emendamento allo stesso “Salva Messina”. Ad oggi – concludono i sindacalisti – senza fare sconti a nessuno, quella appare la via obbligata per chi ha a cuore realmente la cosa pubblica”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x