Messina. Biblioteca dell'Università, finalmente può partire il restauro - Tempostretto

Messina. Biblioteca dell’Università, finalmente può partire il restauro

Marco Ipsale

Messina. Biblioteca dell’Università, finalmente può partire il restauro

mercoledì 15 Maggio 2019 - 12:43
Messina. Biblioteca dell’Università, finalmente può partire il restauro

Chiusa dal 1997, sarà uno dei poli librari più grandi d'Italia, che comprenderà i volumi del settore giuridico, da condividere con la Biblioteca regionale, oggi suddivisa in tre sedi

MESSINA – Contratto firmato. Possono partire i lavori per il restauro conservativo e il consolidamento dell’ex Biblioteca regionale di via dei Verdi, all’interno del polo centrale dell’Università.

Chiusa dal 1997, solo a novembre 2015 è stato pubblicato il bando da 3 milioni e 300mila euro, di cui 2 milioni 250mila a carico dell’Università e 1 milione 50mila a carico della Regione.

Ma ci sono voluti ancora tre anni e mezzo prima di arrivare alla firma del contratto e, quindi, all’avvio dei lavori. Tutto rientra in un progetto più ampio, l’ateneo ha stanziato totalmente 6 milioni e 900mila euro, per la realizzazione di un polo librario che comprenderà i volumi del settore giuridico.

In un primo momento, era prevista la condivisione con la Biblioteca regionale, oggi suddivisa in tre sedi. Invece il patrimonio librario regionale avrà una nuova sede ma non in via dei Verdi, poiché la Sovrintendenza ha rinunciato ad utilizzare questi locali.

Francesco Bonanno (direttore generale Unime), Salvatore Cuzzocrea (rettore Unime), Gaetano Armao (vicepresidente Regione e assessore all’economia), Giovanni Moschella (prorettore vicario Unime)

IL PROGETTO ORIGINARIO

Il piano cantinato disporrà di un tunnel sotterraneo che collegherà l’intero sistema di deposito librario. Speciali apparecchiature verranno utilizzate per il trattamento e la conservazione dei fondi antichi (i libri di maggiore pregio). Al piano terrà sorgerà il front office, insieme agli uffici di catalogazione ed accettazione di prestito e distribuzione. Al primo piano, verranno mantenute due aule didattiche con atrio libero per la fruizione studentesca. Vi sarà un’ampia area lettura. Al secondo piano è stata predisposta una doppia area di consultazione, con spazi specifici per i ricercatori. Al piano superiore sarà possibile consultare i fondi antichi, tramite un collegamento con le zone di deposito e vi sarà uno spazio di volta in volta adattabile alle esigenze (convegni, mostre, assemblee). Sul terrazzo sorgerà un punto caffè-ristoro con anche un velario per la lettura all’aperto. Il 60 % dell’edificio sarà aperto al pubblico, il 30 % per depositi e locali di supporto riservati al personale, il 10 % per locali tecnici e collegamenti.

Alla luce della scelta della Regione di trovare un’altra sede, però, l’Università di Messina ha allo studio una parziale rimodulazione del progetto originario.

Tag:

Un commento

  1. Venerabile Jorge 15 Maggio 2019 17:14

    La prima buona notizia dopo il 1997, epoca della sua chiusura. Ci auguriamo che, in breve, noi si possa ritornare a poterne usufruire, come avevamo fatto fino al 1996. Dopo tante traversie, dopo tante vicissitudini. Quando succederà, la sua completa riapetura, rappresentera’ l’ulteriore prova che MESSINA NON E’ MORTA , MA ANZI, VUOLE VIVERE E SVILUPPARSI.

    1
    0

Rispondi a Venerabile Jorge Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007