Bilanci falsi: indagati l'ex sindaco Accorinti, ex assessori, dirigenti e revisori - Tempo Stretto

Bilanci falsi: indagati l’ex sindaco Accorinti, ex assessori, dirigenti e revisori

Rosaria Brancato

Bilanci falsi: indagati l’ex sindaco Accorinti, ex assessori, dirigenti e revisori

lunedì 14 Ottobre 2019 - 09:13
Bilanci falsi: indagati l’ex sindaco Accorinti, ex assessori, dirigenti e revisori

Messina- Nel mirino i bilanci dal 2014 al 2016 compreso il Piano di riequilibrio

L’ipotesi di reato è falso in bilancio, il periodo è quello dal 2014 al 2016, i destinatari sono l’ex sindaco Accorinti e gli ex assessori della sua giunta, l’ex dg e segretario generale Le Donne, ex revisori dei conti e dirigenti di Palazzo Zanca.

24 avvisi di garanzia

A tre anni dall’avvio dell’indagine, il Pm Antonio Carchietti ha notificato 24 avvisi di conclusione indagine ad ex amministratori e dirigenti.

Dissimulare il dissesto

L’inchiesta è la prosecuzione di quella che ha portato al processo nei confronti dell’ex amministrazione Buzzanca e si basa sul presupposto che le azioni fatte e i bilanci predisposti in modo tale da allontanare il dissesto di Palazzo Zanca o scongiurarlo o sminuirne la portata, siano reato.

Dal 2014 al 2016

Le informazioni di garanzia sono quindi per falso ideologico in atto pubblico in concorso relativamente agli anni 2014-2015 e 2016.

Gli indagati

I provvedimenti sono stati notificati al sindaco Renato Accorinti, agli assessori Guido Signorino (che è stato anche vicesindaco), Gaetano Cacciola, Luca Eller Vainicher, Daniele Ialacqua, Nino Mantineo, Nina Santisi, Sergio De Cola, Filippo Cucinotta, Sebastiano Pino, Patrizia Panarello.

Indagato anche l’ex dg Antonio Le Donne, i dirigenti Cama (che all’epoca era ragioniere generale), De Francesco, Pagano, Maria Canale, Manna, Schiera, Bruno, Antonella Cutroneo, Ferlisi, il collegio dei revisori (Zaccone, Basile e Zingales).

Atti ideologicamente falsi

In base all’inchiesta ognuno di loro, in concorso tra loro, con più condotte esecutive in un medesimo disegno criminoso, nelle rispettive qualità e funzioni avrebbero predisposto atti pubblici “ideologicamente falsi”.

Bilancio falso, entrate sovrastimate

Come già per il precedente processo (quello per il quale, peraltro l’ex giunta Accorinti si presentò in giudizio come parte civile), l’ipotesi d’accusa è aver determinato: “un bilancio ideologicamente falso teso a rappresentare un equilibrio di bilancio in realtà insussistente, poiché recante previsioni di entrata chiaramente sovrastimate e stanziamenti insufficienti a fare fronte ai ‘debiti fuori bilancio’ già censiti.

Gli assessori indagati cambiano in base all’avvicendamento nelle giunte nel corso dei 3 anni finiti nell’indagine.

Quel “pelo nell’uovo”

Quanto ai revisori dei conti viene contestato l’aver autorizzato i bilanci, sebbene in quegli anni il collegio rilevò una serie di criticità al punto che nel 2016 l’allora presidente Zaccone si dimise (ed infatti non è indagato relativamente a quel periodo). Erano i giorni della famosa diatriba con l’ex assessore Eller sul pelo nell’uovo.

Zaccone finì nel mirino di Eller ma a distanza di anni vinse anche la causa e l’assessore chiese pubblicamente scusa.

Anche il Piano di riequilibrio

Nel provvedimento di conclusione indagini finiscono non solo i bilanci ma soprattutto il Piano di riequilibrio pluriennale definito per l’appunto ideologicamente falso, ovvero predisposto con cifre tali da allontanare il dissesto (entrate sovrastimate quando non del tutto irrealizzabili, vedi caso Amam).

Piano di riequilibrio e bilanci finirono al centro di botta e risposta tra il sindaco De Luca e l’ex vice sindaco Signorino.

Fin qui l’inchiesta, ma si aprono una serie di riflessioni sul piano politico, nonchè su questi filoni d’inchiesta volti a colpire amministrazioni (Buzzanca ed Accorinti) che hanno provato ad allontanare il default di Palazzo Zanca.

L’iter fotocopia….

Accorinti all’epoca si volle costituire come parte civile, senza accorgersi che stava percorrendo lo stesso iter- fotocopia come Tempostretto a suo tempo evidenziò. Altra riflessione: come mai mancano gli anni 2012-2013?

Rosaria Brancato

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. Com’era la barzelletta? “La colpa è di quelli che c’erano prima!”. Santi subito, mi raccomando…
    A quanto pare, chiacchiere superflue e fatti pochi a parte, l’attuale sindaco tutti i torti a criticare la precedente giunta non li aveva e non li ha. Ovviamente senza condannare nessuno prima che lo abbiano fatto gli Enti preposti…

    9
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007