Boom di multe per gli incivili dei rifiuti: beccati i colpevoli delle discariche abusive - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Boom di multe per gli incivili dei rifiuti: beccati i colpevoli delle discariche abusive

Francesca Stornante

Boom di multe per gli incivili dei rifiuti: beccati i colpevoli delle discariche abusive

lunedì 10 Febbraio 2020 - 17:36
Boom di multe per gli incivili dei rifiuti: beccati i colpevoli delle discariche abusive

Ecco i numeri del primo mese e mezzo del 2020. Quasi 200 multe della Polizia Municipale a chi sbaglia a conferire i rifiuti e a chi butta spazzatura e ingombranti per strada

Continua la lotta contro gli incivili per l’abbandono o l’errato conferimento dei rifiuti. Lo dicono i numeri delle sanzioni scattate nel primo mese e mezzo del 2020. Dal primo gennaio ad oggi sono state elevate 153 multe da 450 euro per errato conferimento e 38 sanzioni da 600 euro per abbandono di rifiuti. Eseguiti anche vari controlli nei condomini e attività commerciali per errato conferimento.  

Gli incivili dei rifiuti

In particolare negli ultimi giorni, la Polizia Municipale ha multato con le sanzioni da 600 euro cittadini beccati ad abbandonare anche in piena notte su suolo pubblico, pur avendo i cassonetti a pochi metri, i loro sacchetti dei rifiuti o addirittura ingombranti e altro materiale non conforme a rifiuto urbano. 

Le discariche abusive

Dopo vari appostamenti per esempio sono stati finalmente sanzionati gli autori delle discariche abusive della via Reggio Calabria. Un uomo è stato in flagranza un cittadino alla 3.45 di notte intento a depositare i suoi sacchetti dei rifiuti. Mentre in via Borelli, nella centralissima Via Tommaso Cannizzaro, sanzionati cittadini intenti a conferire i propri rifiuti lungo il marciapiede, nonostante la discarica abusiva fosse stata bonificata poche ore prima da MessinaServizi. 

Inoltre dopo varie segnalazioni si è riusciti a cogliere in flagranza di reato, alcuni cittadini intenti a caricare mobilia di vario genere su un furgone, risultato privo di assicurazione e pertanto sequestrato. E’ stato inoltre riscontrato che gli stessi utilizzavano un magazzino non di loro proprietà, né soggetto a regolare contratto di affitto, per stoccare vario materiale tra cui anche alimentare che, con tutta probabilità veniva spedito in un paese d’origine. 

Le indagini relative a questa intensa attività da parte della Polizia municipale sono in corso ma, come constatato, questi cittadini erano soliti abbandonare gli scarti di ingombranti o raee, lungo le vie del Torrente Trapani o di chissà quale altra via cittadina.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Controllate Strada Provinciale discesa da Faro Superiore a Tono… Trovasi suppellettili poco usate e gratuite, ottime per allestimento mini-appartamento … V E R G O G N A !!!

    2
    0
  2. Continuo a segnalare la situazione di pericolo e degrado esistente in Vico Pennisi.

    Nonostante le diverse denunce, anche a mezzo PEC, al Comune, al Quartiere e al Nucleo Operativo Ecologico di Catania, non è stato effettuato alcun intervento.
    Gli incivili continuano a scaricare di tutto, compreso Eternit e carcasse di pecore morte (!).

    La situazione è notevolmente peggiorata anche rispetto all’ultimo articolo di Tempostretto del 09/03/2019 (che riporto di seguito):

    https://www.tempostretto.it/news/immondizia-e-degrado-il-torrente-larderia-fa-paura-la-strada-trasformata-in-discarica-foto.html?refresh_ce

    Invito il Sindaco De Luca a visitare la zona e farsi qualche selfie in mezzo alla spazzatura (ps. Non ci sono strisce pedonali, stia tranquillo)

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x