Masterplan, Signorino: "Serve una visione di sistema e un'interlocuzione forte col Governo" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Masterplan, Signorino: “Serve una visione di sistema e un’interlocuzione forte col Governo”

Masterplan, Signorino: “Serve una visione di sistema e un’interlocuzione forte col Governo”

martedì 01 Dicembre 2015 - 16:45
Masterplan, Signorino: “Serve una visione di sistema e un’interlocuzione forte col Governo”

"Il Masterplan non deve essere un mero esercizio accademico ed il Patto non può essere ridotto ad un mero affastellamento della progettazione disponibile senza che questa venga ricondotta ad un coerente disegno di sistema". Il vicesindaco Guido Signorino interviene in merito al Piano per il sud e chiede l'avvio di un'interlocuzione forte con il governo. Anche sull'Autorità portuale.

Il vicesindaco e assessore con delega alla Città Metropolitana, Guido Signorino, in una nota ha evidenziato che: “Il Masterplan per il Mezzogiorno e' un contenitore di fondi, pensato per realizzare interventi realmente efficaci nella direzione dello sviluppo delle regioni e città metropolitane del sud Italia, evitando la dispersione delle risorse. Il metodo scelto e' quello di strutturare ''patti'' per lo sviluppo dei territori, che abbiano le caratteristiche di attività condivise, coinvolgendo amministrazioni locali, forze economiche e attori culturali e sociali in grado di disegnare percorsi sostenuti e sostenibili per lo sviluppo dei territori. A ragione di ciò devono contenere una ''visione'' del territorio che, tenuto conto delle sue caratteristiche, delle identità che esso ospita, delle sue vocazioni, delinei prospettive di sviluppo credibili e coerenti, articolate nel breve, medio e lungo periodo. La città metropolitana di Messina può sviluppare questa ''visione'', agendo in maniera attenta e coordinata. Attenta, cioè rispettosa del carattere policentrico e differenziato del territorio della città metropolitana; coordinata, ovvero capace di valorizzarne e mettere a sistema la varietà. Bisogna, nel ''patto'' per il masterplan, interpretare le caratteristiche del territorio, i suoi punti di forza e le sue debolezze, facendo da questi discendere le opportunità di attrazione di risorse su cui catalizzare gli interventi infrastrutturali da implementare. Se è certamente vero che i progetti di breve periodo (o quelli perseguibili nell’immediato) devono avere le caratteristiche della più prossima ''cantierabilità'', è altrettanto vero che, per rientrare in una strategia coerente di sviluppo, questi non possono tradursi in una sommatoria disarticolata e autoreferenziale. Il territorio della città metropolitana è articolato in più ''zone omogenee'' che, orientativamente, potrebbero coincidere con le aree dei PIST: Nebrodi, Patti-Barcellona, Milazzo-Villafranca, Messina, Jonio-Alcantara. Ognuna di queste aree esprime una capacità di progettazione condivisa ed elementi di vocazione che, a valere sull’utilizzo dei fondi comunitari, hanno definito programmi di sviluppo del territorio. Occorre un lavoro intenso ed efficace di condivisione che, partendo da quanto già consolidato, esprima la visione unitaria necessaria a dare coerenza agli interventi da programmare. Gli interventi infrastrutturali da sviluppare dovranno valorizzare le vocazioni del territorio (dalla portualità alla logistica, dall’industria al turismo, dall’agricoltura alle risorse naturali), utilizzando nell’immediato la progettualità già cantierabile, purché inserita in una logica coerente di sistema e nell’ottica di uno sviluppo sostenibile. A titolo di esempio, possiamo citare per la città di Messina i progetti di sviluppo dell’attività portuale, con il completamento del porto di Tremestieri, la realizzazione della ''piastra logistica'' e degli assi viari per la connessione tra le strutture portuali, la progettazione di un approdo per le navi da crociera presso la cittadella fieristica da trasformare in una ''cittadella del made in Sicily'' e di promozione di attività creative e culturali. Mentre il territorio della Valle del Mela attende da anni una valutazione da parte della Regione del ''piano di risanamento'' per l’area ad elevato rischio di crisi ambientale, con gli interventi per la mitigazione del rischio ambientale e l’avvio in prospettiva di un rilancio sostenibile e alternativo dello sviluppo industriale del territorio. Esiste poi una fragilità che accomuna e caratterizza l’intera città metropolitana: il dissesto idrogeologico e l’esposizione al rischio sismico; collegata con la vetustà del patrimonio edilizio (e dell’edilizia pubblica in particolare) tale fragilità costituisce una minaccia alla sicurezza e alla stessa vita dei cittadini. Il masterplan offre una grande opportunità per realizzare la vera ''grande opera'' di cui il sistema locale ha necessità: la prevenzione del rischio sismico e idrogeologico, innescando un processo di stimolo e rilancio dell’attività economica che sia diffuso su tutto il territorio e che trasformi una grave minaccia in grande opportunità produttiva. Partendo dai censimenti che gli enti locali hanno realizzato, si può pianificare un intervento massivo e diffuso di messa in sicurezza del patrimonio immobiliare pubblico, che passi per una preliminare azione di formazione delle maestranze. Il livello quantitativo di questo intervento potrà consentire una importante interazione con l’Università e gli enti per la ricerca scientifica e l’innovazione tale da porre all’avanguardia tecnologica il comparto locale dell’edilizia nel segmento degli interventi di prevenzione antisismica, realizzando per le nostre imprese una specializzazione esportabile. La protezione del territorio potrà anche interagire e supportare lo sviluppo di altri settori produttivi, come quelli della forestazione e dell’agricoltura. Allo stesso tempo sarà opportuno programmare gli interventi per l’innovazione e le telecomunicazioni, con la valutazione (ad esempio) della estensione della banda larga e ultra-larga. In questa ottica complessiva si potrebbe definire per il masterplan la visione di una ''città resiliente per uno sviluppo sostenuto e sostenibile''. Se, come recitano le ''linee-guida'' del Governo, il masterplan non può consistere in un ''esercizio accademico'', nemmeno il ''patto'' può venire ridotto al mero affastellamento della progettazione disponibile, senza che questa venga ricondotta ad un coerente disegno di sistema. È dunque necessario negoziare con il Governo un’adeguata estensione temporale per definire una visione che sia realmente ''di sistema'' e che consenta il compimento di un ampio percorso di condivisione, con il coinvolgimento di tutti gli attori istituzionali, sociali, economici del territorio. È in questa prospettiva che riteniamo necessario attivare una interlocuzione forte col Governo, nella quale ridiscutere anche scelte in itinere che coinvolgono il futuro istituzionale del territorio, come (ad esempio) quelle relative all’Autorità Portuale in cui collocare l’area dello Stretto di Messina”.

Guido Signorino

Tag:

14 commenti

  1. bla blaa blaaa e blaaaaa e non sapi chi fari…Ma u sinnaccu mancu ni capisci di masticariuplan?

    0
    0
  2. bla blaa blaaa e blaaaaa e non sapi chi fari…Ma u sinnaccu mancu ni capisci di masticariuplan?

    0
    0
  3. ma che bella intuizione …..e come mai in questi due anni e mezzo non avete provveduto visto che era così chiaro?

    0
    0
  4. ma che bella intuizione …..e come mai in questi due anni e mezzo non avete provveduto visto che era così chiaro?

    0
    0
  5. Il nostro vice Sindaco ha le idee chiarissime sul MASTERPLAN per il Mezzogiorno d’Italia, fa piazza pulita delle speculazioni politiche di chi è sempre in campagna elettorale, di chi è ostile all’interesse generale dei messinesi, è uomo serio e leale, professore fra i più preparati e stimati della nostra Università, come pochi capace in finanza locale, ritenuto dal Governo, in particolare dal ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio, interlocutore credibile su cui fare affidamento. Con l’intervento di Guido SIGNORINO e gli articoli della redazione di TEMPOSTRETTO i messinesi sanno tutto di questo benedetto MASTERPLAN, se avessimo aspettato di essere informati dai Consiglieri Comunali camperebbe cavallo che ……..

    0
    0
  6. Il nostro vice Sindaco ha le idee chiarissime sul MASTERPLAN per il Mezzogiorno d’Italia, fa piazza pulita delle speculazioni politiche di chi è sempre in campagna elettorale, di chi è ostile all’interesse generale dei messinesi, è uomo serio e leale, professore fra i più preparati e stimati della nostra Università, come pochi capace in finanza locale, ritenuto dal Governo, in particolare dal ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio, interlocutore credibile su cui fare affidamento. Con l’intervento di Guido SIGNORINO e gli articoli della redazione di TEMPOSTRETTO i messinesi sanno tutto di questo benedetto MASTERPLAN, se avessimo aspettato di essere informati dai Consiglieri Comunali camperebbe cavallo che ……..

    0
    0
  7. Mi pare lo spazio commenti giusto per informare i messinesi visto che non lo fanno i Consiglieri Comunali. Vi fornisco in ANTEPRIMA l’ultimo aggiornamento sulla Ricognizione della Dotazione Organica al 30 novembre 2015, tratta anche della Programmazione Triennale 2015-2016-2017 del Fabbisogno Finanziario per le Assunzioni. In questa delibera c’è tutto quello da sapere sulle posizioni di lavoro dei cosiddetti PRECARI, quindi invito questo personale a leggerla, ma anche chi aspira a lavorare a Palazzo Zanca. Informatevi da soli, non aspettate la mediazione dei politici o dei sindacalisti, vi chiederanno qualcosa in cambio per il loro interessamento. http://www.comune.messina.it/repository/archivio-atti/allegati/2015/Docs40828/718.pdf

    0
    0
  8. Mi pare lo spazio commenti giusto per informare i messinesi visto che non lo fanno i Consiglieri Comunali. Vi fornisco in ANTEPRIMA l’ultimo aggiornamento sulla Ricognizione della Dotazione Organica al 30 novembre 2015, tratta anche della Programmazione Triennale 2015-2016-2017 del Fabbisogno Finanziario per le Assunzioni. In questa delibera c’è tutto quello da sapere sulle posizioni di lavoro dei cosiddetti PRECARI, quindi invito questo personale a leggerla, ma anche chi aspira a lavorare a Palazzo Zanca. Informatevi da soli, non aspettate la mediazione dei politici o dei sindacalisti, vi chiederanno qualcosa in cambio per il loro interessamento. http://www.comune.messina.it/repository/archivio-atti/allegati/2015/Docs40828/718.pdf

    0
    0
  9. Inviato da burrascanu il Mar, 01/12/2015 – 18:10 bla blaa blaaa e blaaaaa e non sapi chi fari…Ma u sinnaccu mancu ni capisci di masticariuplan?

    Voglio proprio vedere se UNO e TRINO ha il coraggio di digitare sui ” contenuti ” del suo commento, NON MI PIACE.

    0
    0
  10. Inviato da burrascanu il Mar, 01/12/2015 – 18:10 bla blaa blaaa e blaaaaa e non sapi chi fari…Ma u sinnaccu mancu ni capisci di masticariuplan?

    Voglio proprio vedere se UNO e TRINO ha il coraggio di digitare sui ” contenuti ” del suo commento, NON MI PIACE.

    0
    0
  11. Quindi? I fatti

    0
    0
  12. Quindi? I fatti

    0
    0
  13. Caro STIGNINO le linee guida definitive del Governo Nazionale sono del 6 nov 2015,mentre è con la legge di Stabilità 2016 che RENZI ha attivato la clausola investimenti,con la quale gli stanziamenti diventano spesa effettiva.Il Governo,da poco,ha costituito la Cabina di Regia Stato-Regioni per costruire i 16 PATTI per il SUD,con l’obiettivo di definire gli interventi prioritari e trainanti,le azioni da intraprendere per attuarli e gli ostacoli da rimuovere,la tempistica e la responsabilità. Sfido chi è accecato dal pregiudizio politico contro RENATO sindaco, anzitutto perché non può utilizzare MASTERPLAN per raccogliere voti nelle urne, a smentire questa mia affermazione: NESSUNO, ripeto NESSUNO, ha firmato UNO DEI SEDICI PATTI.

    0
    0
  14. Caro STIGNINO le linee guida definitive del Governo Nazionale sono del 6 nov 2015,mentre è con la legge di Stabilità 2016 che RENZI ha attivato la clausola investimenti,con la quale gli stanziamenti diventano spesa effettiva.Il Governo,da poco,ha costituito la Cabina di Regia Stato-Regioni per costruire i 16 PATTI per il SUD,con l’obiettivo di definire gli interventi prioritari e trainanti,le azioni da intraprendere per attuarli e gli ostacoli da rimuovere,la tempistica e la responsabilità. Sfido chi è accecato dal pregiudizio politico contro RENATO sindaco, anzitutto perché non può utilizzare MASTERPLAN per raccogliere voti nelle urne, a smentire questa mia affermazione: NESSUNO, ripeto NESSUNO, ha firmato UNO DEI SEDICI PATTI.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x