Città Metropolitana, 181 lavoratori a De Luca: "Non giochi sulla nostra pelle" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Città Metropolitana, 181 lavoratori a De Luca: “Non giochi sulla nostra pelle”

Francesca Stornante

Città Metropolitana, 181 lavoratori a De Luca: “Non giochi sulla nostra pelle”

giovedì 07 Febbraio 2019 - 20:49
Città Metropolitana, 181 lavoratori a De Luca: “Non giochi sulla nostra pelle”

De Luca ha bloccato gli stipendi e ha deciso di mettere in ferie d'ufficio i dipendenti della Città Metropolitana per protestare contro Stato e Regione per le condizioni dell'Ente. 181 lavoratori hanno firmato una lettera per chiedere che non si calpestino i loro legittimi diritti

181 firme. 181 nomi e cognomi che chiedono al sindaco metropolitano Cateno De Luca di non calpestare dignità e diritti dei lavoratori. I dipendenti della Città Metropolitanahanno risposto così ai provvedimenti che il sindaco ha messo in campo per accendere i riflettori regionali e nazionali sulla drammatica situazione finanziariadell’ex Provincia. In principio lo stop al pagamento degli stipendi, poi la decisione di mettere in ferie d’ufficioben 700 lavoratori sugli 840 della Città Metropolitana. Per i lavoratori però non può essere questo il modo di fare una protesta, seppur giusta e sacrosanta.

Oggi De Luca, tra l’altro, ha rotto il suo silenzio da ritiro spirituale rilanciando proprio le decisioni prese sulla Città Metropolitana. E dunque 181 lavoratori hanno deciso di rispondere con una lettera inviata anche al Prefetto.

I dipendenti considerano gli atti adottati dal sindaco De Luca “quantomeno inopportuni” perché ledono legittimi diritti, come stipendi e ferie, riconosciuti e sanciti dalla Carta Costituzionale e dalla Legge. Condividono le motivazioniche spingono il sindaco ad una giusta e opportuna azione di protesta, che però ritengono debba caratterizzarsi solo ed esclusivamente sul piano politico/istituzionalee non sulla “pelle” dei dipendenti. Dicono no alla strumentalizzazione della sofferenza e del malcontento dei dipendenti. Chiedono di non essere esasperati “oltre ogni limite e decenza”.

La richiesta a De Luca è chiarissima: revocare gli atti con cui sono stati bloccati gli stipendi e sono state ordinate le ferie d’ufficio.

Si rivolgono anche ai dirigenti di Palazzo dei Leoni, diffidandoli a dare seguito a quegli atti di indirizzo che “non trovano alcun fondamento nell’interesse legittimo delle funzioni dell’Ente. Sono pronti a tutelare i propri diritti in ogni sede e se servirà chiederanno ogni legittimo risarcimento morale e materiale per i danni subiti o che potrebbero scaturire da queste scelte.

F.St.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007