Nuovo cedimento sul viale Annunziata presa di posizione del V quartiere - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Nuovo cedimento sul viale Annunziata presa di posizione del V quartiere

Nuovo cedimento sul viale Annunziata presa di posizione del V quartiere

mercoledì 15 Giugno 2011 - 00:32

Parla il presidente Alessandro Russo: è lo stesso punto in cui nel 2004 venne rattoppata un'altra buca. Quali sono le intenzioni dell'amministrazione?

Una buca tira l’altra. E la cosa grave è che non ci si stupisce più, non ci si indigna più. Una nuova voragine si è aperta in città e sempre in un viale ormai groviera, l’Annunziata, proprio a ridosso della precedente ed enorme voragine che per due mesi ha occupato un’intera carreggiata del controviale nei pressi della scuola “Vittorini” e che soltanto qualche giorno fa era stata ricoperta. Una vergogna indicibile, che fa gridare l’ennesimo grido d’allarme al consiglio della quinta Circoscrizione. «La nuova buca – evidenzia il presidente Alessandro Russo – che si apre nello stesso identico punto sul quale, nel novembre 2004, si aprì un’analoga, profonda e pericolosissima voragine, che poi venne rattoppata in “somma urgenza” nei mesi invernali a cavallo del 2004 e 2005, è ancora una volta apparsa improvvisamente, su un punto evidentemente assai delicato del torrente Annunziata, ancora una volta a ridosso di una popolatissima scuola media e di decine di abitazioni, transitata da migliaia di automobilisti ogni giorno».

Ci sono, a questo punto, degli interrogativi che sorgono spontanei e diventano quantomeno inquietanti. «Chi vigila sulla buona esecuzione dei lavori che vengono realizzati da parte di ditte incaricate dall’amministrazione comunale? Chi sono i responsabili tecnici della macchina comunale, in quali dipartimenti sono collocati, quali dirigenti sono chiamati a controllare che i lavori, per i quali si spendono soldi pubblici, in quantità ingente, siano progettati, eseguiti e collaudati a regola d’arte? Che questi signori, vengano chiamati a pagare, in termini di responsabilità, una volta per tutte. Anche di fronte alla Corte dei Conti, perché non si può sopportare che i soldi pubblici vengano mal spesi così come è stato fatto sinora».

E ancora: «Chi assicura che i lavori di manutenzione effettuati ed eseguiti in maniera così raffazzonata, pasticciata ed affrettata siano effettivamente a piena prova di sicurezza per i cittadini? Non si deve e non si vuole che, al fine di eseguire l’ennesimo non risolutivo rattoppo per “dare un segnale” alla città, i lavori vengano eseguiti senza le necessarie condizioni di sicurezza per la circolazione stradale e per i cittadini stessi. Questo tratto del viale Annunziata – prosegue Russo – ha visto speso, nell’arco di questi ultimi 5 anni e mezzo, poco meno di 200 mila euro, tra interventi del 2004/05 e interventi di quest’anno. Per lo stesso evidente problema: sifonamento del torrente sottostante. Ad ogni intervento eseguito, l’amministrazione comunale ha assicurato il “superamento definitivo” del problema. Puntualmente smentita dai fatti, che – con cattiveria – si ripresentano sul medesimo tratto di strada. Ad oggi, pertanto, di quasi 200 mila euro di denaro pubblico spesi, mentre le ditte hanno lavorato ed hanno ricavato ciò che era loro dovuto, la città non ha avuto che disagi, danni e il problema di fondo ancora non risolto. A chi giova questo scriteriato e illogico modo di operare? A che serve “rattoppare”, spendendo ingenti risorse di denaro, per non risolvere alcunché? Che segnale di responsabilità politica si lancia alla cittadinanza tutta?».

Un’altra domanda viene posta dal Quartiere: «Perché l’amministrazione cittadina non procede, come chiede da oltre tre anni questa Circoscrizione, ad eseguire un monitoraggio delle urgenze stradali e delle manutenzioni per concentrare le poche risorse a disposizione su queste poche ma pressanti emergenze? Non si risolveranno tutti i problemi, è evidente, ma si avranno dei lavori che, effettuati con serietà e con la giusta spesa, potranno durare a lungo, senza ripresentarsi a distanza di pochi anni o addirittura di pochi giorni, come queste ormai consuetudinarie buche sul viale Annunziata». E infine: «Il viale Annunziata sarà svincolo autostradale di qui a pochi mesi. Davvero l’amministrazione Buzzanca ritiene che sia pensabile e idoneo in termini di sicurezza dei cittadini aprire al flusso di traffico maggiorato che ne deriverà questo viale che è diventato un budello pieno di buche, avvallamenti, voragini che si aprono d’improvviso e strettoie? Il Consiglio della V Circoscrizione ritiene di no. E ritiene che, in occasione di questa ennesima buca, che costituisce la più beffarda delle beffe, l’amministrazione cittadina smetta l’atteggiamento di distacco dai problemi delle periferie, e ponga mano, una volta per tutte, agli interventi di messa in sicurezza stradale del viale Annunziata, che sono, è evidente, non più rinviabili in alcun modo».

Tag:

7 commenti

  1. rossetti mariano 15 Giugno 2011 04:15

    Messina è una ex città, destinata a sparire.
    Ma la colpa non è dei politici.
    Questi vengono eletti. L
    a colpa è di tutta una cittadinanza, imbelle ed ignava, che lascia scorrere tutto per il piccolo guadagno del proprio orticello.
    Di Messina non resterà niente.
    In fin dei conti, è meglio una morte dignitosa che una vita inutile.

    0
    0
  2. bisognerebbe prendere a calci volanti sia le ditte che i responsabili

    0
    0
  3. ma sarebbe bello vedere uno dei nostri capoccia cascarci dentro.sono la vergogna di messina ed ancora vogliono governarci.li spazzeremo via con il vento del nord.

    0
    0
  4. luigi paragone 15 Giugno 2011 07:20

    Quando si effettuano dei lavori pubblici, deve essere sempre presente un tecnico del Comune che controlla.
    O non c’era (ed ha sottoscritto il falso) o è in malafede.

    0
    0
  5. SaltaLaMacchia 15 Giugno 2011 08:15

    Che pirtuso! Complimenti

    0
    0
  6. Se posso, abito all’Habitat, fronte vittorini.
    Non è ammissibile che succedano certe cose , principalmente davanti a una scuola. E’ un torrente chiaramente coperto molto male. Si deve assolutamente internvenire , chiudere tutto il torrente annunziata e farlo BENE. Anche piu in basso, vicino alla rotonda che va verso la panoramica la situazione è li perl li…ci sono avvallamenti incredibili e sicuro che a breve si apre una bella buca pure li. Io mi sono fatto una chiara idea di quello che sta succedendo e onestamente non capisco come nessuno lo dica o faccia finta di niente. Ogni giorno transitano dei pulmann giganteschi che fanno le “navette” per l’università. Ora , sovraccaricare questa strada di queste condizioni piu del dovuto, con mezzi del genere prima di fare appositi invterventi , è da pazzi. C’è NECESSITA DI far transitare ogni 10 minuti degli mezzi cosi pesanti per fare le navette??? un autobus normale no…. è assurdo. è da circa un anno che passano ripetutamente e vorrei far notere, a chi abita in zona che sono dei pazzi gli autisti, si attaccano al clacson come dei matti solo perche non riescono a passare perche c’è una macchina in seconda fila. Non è civile ed è folle sovraccaricare l’annunziata, cosi come sarebbe aprire lo svincolo prima della chiusura del torrente. La messa in sicurezza non è solo tappare le buche ora ma anche bloccare il transito di mezzi pesanti (come hanno fatto nel boccetta per tanto tempo). Ci deve scappare per forza il morto??

    0
    0
  7. ….le strade di Messina sprofondano nella totale indifferenza dei signorotti della politica! vogliamo parlare pure della famosa alluvione del 1° marzo? ci sono alcune strade lasciate abbandonate al loro destino e a rischio di collassare da un momento all’altro! io come tanti altri che percorriamo queste strade siamo a rischio di vita! bisogna che ci scappi di nuovo il morto affinchè si riesca a mettere in sicurezza e sistemare tutto?…. mi riferisco anche alla famosa strada portella – san michele – salice – marmora (dimenticata da troppo tempo..VERGOGNA!!!) Vorrei aggiungere una cosa: se un uomo non sa fare il proprio dovere ne dovrebbe dare atto e rassegnare le dimissioni e fare lavorare chi è competente e chi ha voglia di fare veramente per il bene comune di tutta la collettività! ..mi chiedo poi un’altra cosa: ma tutte le denunce presentate da anni e anni, sia da privati cittadini e consiglieri vari, per risalire ai responsabili del non fare,che fine fanno? buona giornata a tutti e spero in un futuro migliore!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007