Classifica Censis. Università di Messina ultima tra i grandi atenei - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Classifica Censis. Università di Messina ultima tra i grandi atenei

Marco Ipsale

Classifica Censis. Università di Messina ultima tra i grandi atenei

martedì 14 Luglio 2020 - 09:18
Classifica Censis. Università di Messina ultima tra i grandi atenei

17esimo posto su 17 tra i grandi atenei, quelli da 20mila a 40mila iscritti

L’Università di Messina è all’ultimo posto (17esimo su 17, con 75.5 punti) tra i grandi atenei (da 20mila a 40mila iscritti) nell’edizione 2020/21 della classifica del Censis (Centro studi investimenti sociali) sulle Università italiane. Punteggio in calo, dopo la lieve crescita degli scorsi anni. Dal 2015 al 2017 Unime aveva 77 punti, nel 2018 79 punti, nel 2019 80.5, quest’anno cinque in meno. L’anno scorso e due anni fa Messina era al 12esimo posto su 16.

Al vertice resta l’Università di Perugia, ottenendo un punteggio complessivo di 92,7. Sale di due posizioni l’Università di Pavia (90,3), che passa dal quarto al secondo posto. Terza Parma (90.0), quarta Cosenza (89.5), quinta Cagliari (88.5).

Tra i mega atenei statali (quelli con oltre 40.000 iscritti) nelle prime quattro posizioni si mantengono stabili, rispettivamente, l’Università di Bologna, prima con un punteggio complessivo pari a 91,5, inseguita come lo scorso anno dall’Università di Padova, con un punteggio pari a 88,5, poi al terzo e al quarto posto l’Università di Firenze e La Sapienza di Roma, con i punteggi complessivi di 86,2 e 85,7.

Anche quest’anno è l’Università di Trento a guidare la classifica dei medi atenei statali (da 10.000 a 20.000 iscritti), con un punteggio complessivo pari a 98,7. Con un punteggio complessivo di 96,0 punti l’Università di Sassari scala due posizioni rispetto allo scorso anno, collocandosi al secondo posto e sorpassando così l’Università di Siena, che retrocede in terza posizione con 94,8 punti.

Nella classifica dei piccoli atenei statali (fino a 10.000 iscritti) difende la sua prima posizione l’Università di Camerino, con un punteggio complessivo pari a 93,5. Scala la classifica di quattro posizioni l’Università Mediterranea di Reggio Calabria che, grazie a un incremento di 20 punti dell’indicatore relativo alle strutture, realizza un punteggio complessivo di 83,8 sorpassando così l’Università di Foggia, quest’anno terza in classifica con 83,7 punti.

La classifica dei politecnici, guidata anche quest’anno dal Politecnico di Milano (con un punteggio complessivo di 94,3 punti), vede al secondo posto lo Iuav di Venezia (91,2 punti), che fa retrocedere in terza posizione il Politecnico di Torino (89,5), seguito dal Politecnico di Bari (83,0), che chiude la classifica.

Gli indicatori

Si tratta di un’articolata analisi del sistema universitario basata sulla valutazione degli atenei (statali e non statali, divisi in categorie omogenee per dimensioni) relativamente a: strutture disponibili, servizi erogati, borse di studio e altri interventi in favore degli studenti, livello di internazionalizzazione, comunicazione e servizi digitali, occupabilità.

Borse di studio

Qui l’Università di Messina è decima su 17, con 77 punti, gli stessi di due anni fa, ma l’anno scorso il punteggio era molto più alto, 99. Prima l’Università di Cagliari con 110 punti, ultima Roma Tre con 67 punti.

Comunicazione e servizi digitali

Unime 14esima su 17 con 91 punti. Nonostante la bassa posizione, è il settore con il punteggio più alto, in costante aumento, nel 2015 erano 78 punti. Perugia al vertice con 110 punti, ultima Chieti e Pescara con 81 punti.

Internazionalizzazione

Unime ultima con 70 punti, uno in meno di Chieti e Pescara. Prima ancora Perugia con 90 punti. Dato in lievissima crescita: erano 67 punti nel 2017 e 2018, 69 nel 2019, sono 70 nel 2020.

Servizi

Unime penultima con 68 punti, gli stessi di Ferrara, uno in più di Caserta (Campania Vanvitelli). Prima l’Università di Cosenza, con 110 punti. Dal 2015 al 2018 l’Università di Messina aveva raccolto 70 punti, 69 nel 2019, sono 68 nel 2020.

Strutture

Unime di nuovo ultima con 77 punti, punteggio in crollo rispetto agli anni scorsi. Dal 2015 al 2018 tra 89 e 91 punti, 86 punti nel 2019, sono 77 nel 2020. Penultima Cosenza con 80. Prima Parma con 105 punti.

Occupabilità

Anche in questa sezione Messina è ultima con 70 punti (l’anno scorso erano 72), penultima Caserta con 72. Prima Modena e Reggio Emilia con 107.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA COME SEMPRE non volete capire che va chiusa

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007