Conte vuole i pieni poteri. In Parlamento tutti zitti. Difendiamo democrazia e Costituzione - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Conte vuole i pieni poteri. In Parlamento tutti zitti. Difendiamo democrazia e Costituzione

Rosaria Brancato

Conte vuole i pieni poteri. In Parlamento tutti zitti. Difendiamo democrazia e Costituzione

domenica 12 Luglio 2020 - 09:10
Conte vuole i pieni poteri. In Parlamento tutti zitti. Difendiamo democrazia e Costituzione

Storicamente i pieni poteri li ottenne Mussolini, li chiesero ma non li ottennero Crispi e Amato. La differenza la fa il Parlamento con la schiena dritta

Art. 1- L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Le forme e i limiti indicati dalla Costituzione affinchè il popolo eserciti la sovranità passano attraverso la Repubblica parlamentare e la separazione dei poteri. In Italia, dal 1948 il potere legislativo spetta al Parlamento, quello esecutivo al governo e quello giudiziario alla magistratura.

Conte e i pieni poteri

In barba a tutto ciò il presidente Conte ha annunciato di voler prorogare lo stato d’emergenza fino al 31 dicembre 2020, ovvero altri sei mesi. Lo stato d’emergenza giustificherebbe l’uso (e l’abuso) dei DPCM (decreti del presidente del consiglio dei ministri) con i quali ha governato, insieme al suo staff di tecnici, per tutta la pandemia SENZA IL PARLAMENTO. In sintesi Conte vuole PIENI POTERI per altri 6 mesi senza l’orpello del Parlamento, non in virtù di un’emergenza in atto ma nell’ipotesi in cui dovesse tornare. Siamo ai pieni poteri preventivi.

L’uso e abuso dei DPCM

Con questi potrebbe tornare ad emettere DPCM come se non ci fosse un domani. Tra le possibilità, vi sarebbe anche quella di cancellare le elezioni (regionali e amministrative di settembre e ottobre) senza dover dare spiegazioni a nessunocausa improvviso nuovo focolaio Covid”. Non mi preoccupa il fatto che si sia abituato all’ebbrezza del potere assoluto, mi inquieta che il Parlamento glielo consenta. Sembra che i suoi alleati Pd e Italia Viva qualche perplessità l’abbiano espressa, al punto che Conte ha precisato che la proroga è un’ipotesi e che comunque passerebbe dal voto delle Camere. Il costituzionalista Ceccanti (Pd), che con il gruppo del Comitato per la legislazione ha fatto approvare un odg che “invita” ad un passaggio dei DPCM in Parlamento, si dice preoccupato. E propone che la proroga passi da Camera e Senato per porre limiti e tempi.

In Italia l’abito fa il monaco

Un anno fa Salvini, al Papeete, parlò di pieni poteri e finì come sappiamo. Ora li chiede Conte e nessuno fiata. Certo, Salvini è rozzo, razzista e di destra, mentre Conte è belloccio, elegante, colto, diplomatico. Salvini utilizza La Bestia, il premier ha dalla sua le “bimbe di Conte”. I pieni poteri mi preoccupano indipendentemente dall’abito che indossa chi li vuole, se ha la cravatta o la felpa. I pieni poteri nazionali non sono simpatici se li ottiene Conte e antipatici se a livello locale a cascata li avrà Cateno De Luca. L’abito non fa il monaco, a maggior ragione non giustifica l’autoritarismo.

I Parlamenti esautorati

Però il Parlamento ha in mano le sorti del Paese. La STORIA infatti insegna che i pieni poteri sono stati consegnati da Parlamenti. Non mi preoccupano ambizioni da Napoleone, mi preoccupano quelli che, per una poltrona, li avallano in silenzio. La democrazia cessa di esistere quando il Parlamento abdica al suo ruolo fondamentale che è quello LEGISLATIVO e di controllo dell’esecutivo.

I pieni poteri a Mussolini

Storicamente l’unico che ebbe pieni poteri nel 1922, fu Mussolini, e glieli diede il Parlamento. Poi Mussolini ne fece l’uso che ne sappiamo, esautorò il Parlamento, abolì i partiti e le libertà. Quei pieni poteri li ebbe dal dicembre 1922 al dicembre 1923 in base ad una legge che “appariva innocua”. Ecco il testo dell’articolo 1 di quella legge del 1922: “Delegazione di pieni poteri al Governo del Re per il riordinamento del sistema tributario e della pubblica amministrazione. Per riordinare il sistema tributario allo scopo di semplificarlo, di adeguarlo alle necessità del bilancio e di meglio distribuire il carico delle imposte; per ridurre le funzioni dello Stato, riorganizzare i pubblici uffici ed istituti, renderne più agili le funzioni e diminuire le spese”.

Quel che disse Matteotti

Non so ai lettori, ma a me leggere questo articolo, un secolo dopo, PREOCCUPA per via delle analogie. In sostanza Mussolini chiedeva di emanare norme senza l’avallo del Parlamento per sveltire il Paese. Poi, scaduto l’anno, prese il vizio, gli piacque assai e decise di abolire tutto. Riuscì a farlo perché gliel’avevano permesso la prima volta. Si erano auto-esautorati. Com’è noto, ad opporsi fu Matteotti che nella relazione a un certo punto disse: “i problemi traggono inizio quando, dalla dichiarazione di guerra in poi, cessò di funzionare il Parlamento e la legislazione anziché conforme alla norma costituzionale, fu affidata all’esecutivo ed all’alta burocrazia. Anche leggere queste parole, un secolo dopo, mi preoccupa. E sempre per via delle analogie.

I no a Crispi e Amato

Sempre Matteotti ricordò che nel 1894 anche Crispi aveva chiesto i pieni poteri ad una maggioranza che era totalmente dalla sua parte. Eppure non li ottenne. Più di recente, nel 1992, li chiese, per risanare la situazione economica, l’allora premier Giuliano Amato, ma non li ottenne. La differenza tra il chiedere e l’ottenere i pieni poteri quindi la fa il Parlamento. Mussolini non se li è presi da solo, glieli ha concessi un Parlamento (come fu per Salandra). Sempre un Parlamento li negò a Crispi e Amato.

La differenza la fa il Parlamento

Quindi siamo in mano ai nostri deputati che finora hanno dimostrato che pur di tenersi le poltrone sarebbero pronti a tutto. Spiace che la sinistra che ha sempre avuto a cuore i diritti e la libertà stia accettando questa deriva autoritaria senza battere ciglio. Renzi, che pure ha detto poche settimane fa: “non abbiamo negato pieni poteri a Salvini per darli a Conte” non alzerà un dito. Spero che il presidente Mattarella, che è saggio e conosce la storia, rifletta e consigli. Il Pd teme che Conte voglia farsi un suo partito, mentre invece il premier sa che con i pieni poteri non ne ha bisogno.

Gli alleati del giorno prima

A Conte non serve un partito se può fare e disfare da solo con il suo staff di tecnici e affini esattamente come accaduto finora. Anzi, un partito gli sarebbe d’impiccio. Invece il Parlamento non può abdicare al suo ruolo. In autunno, qualora dovessero ricominciare a “piovere” DPCM impedendo libertà, mobilità, elezioni, diritti, che faranno i deputati? E che faranno i deputati quando la fame, la miseria, la voglia di riaffermare i diritti della Costituzione spingeranno la gente in piazza? Davvero vogliamo rischiare di finire come Belgrado? C’è un vecchio detto: chi pecora si fa lupo se la mangia. Chi ha ottenuto i pieni poteri il giorno dopo dimentica gli amici e gli alleati. Non gli servono più.

Difendiamo la Costituzione

Spero che 72 anni di Repubblica parlamentare non siano cancellati con un colpo di penna. Rischiamo di passare nel giro di pochi mesi dalla mascherina al bavaglio. E nessuno potrà dire “non lo sapevo”. Questa battaglia non ha un colore politico, è una battaglia in difesa della Costituzione che tanto sangue è costato ai nostri padri e di una democrazia parlamentare costruita con fatica e sacrifici. #wlademocrazia #nessunotocchilacostituzione.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

14 commenti

  1. Lui lo può fare, mica è un semplice sindaco. Meno male che Mattarella vigila. O no? Boh.

    1
    5
    1. Con i dovuti rapporti mi pare che De Luca abbia già svilito in più occasioni il suo personale parlamento, ovvero il consiglio comunale che considera solo una palla al piede.

      6
      0
  2. il malpensante 12 Luglio 2020 11:33

    Anche Hitler divenne fuhrer legalmente e senza grossi ostacoli, basando la sua ascesa sulle paure diffuse nella società.
    Si tratta di un dèjà-vu; nulla di nuovo sotto il sole.

    1
    11
    1. Un paragone tra Hitler e qualsiasi politico italiano attuale (Conte o altri) e tra la Germania degli anni ’30 e l’Italia del 2020 è un pò azzardato …

      15
      3
      1. il malpensante 14 Luglio 2020 08:12

        Gentile Sig. Alberto, detto che ritengo giuste le sue osservazioni, Le chiarisco che nel mio ricordare (richiamare al cuore) l’episodio non vi era l’intenzione di accostare le due persone ma si voleva sottolineare che il metodo è identico. Dal mio punto di vista è inaccettabile che un Parlamento abdichi. Nutro, come tutti, la speranza che si possa trattare di un nuovo L.Q. Cincinnato.
        Cordialmente

        1
        1
  3. Carissimi legaioli come fatto notare dalla signora Brancato, Conte sta ottenendo nei fatti, quello che Salvini ha solo saputo auspicare a chiacchiere come suo solito. Forse è lui che dovreste votare alle prossime elezioni, non il mangiatore di nutella pentito perché prodotta con nocciole turche.
    Pensate bene, uno agisce l’altro chiacchiera. Io un pensierino al posto vostro lo farei.

    7
    8
  4. L’avvocato degli italiani e il difensore della Costituzione coppia perfetta,penso che andremo molto lontani,sempre più uniti sempre più stretti.Auguroni.

    2
    7
  5. Credo che l’uomo forte non piaccia quasi a nessuno.
    Certamente non piace a nessuno un uomo forte di parte politica diversa dalla propria ….

    0
    0
  6. Ennesimo articolo di propaganda preelettorale che mette insieme mezze verità e falsità: a quando la sua candidatura? Le ricordo che la democrazia è sospesa in paesi come l’Ungheria, la Turchia, l’Egitto, il Brasile, non l’Italia. E che una democrazia è tale in quanto ha in sé stessa la capacità di rimanere viva!

    26
    3
    1. il malpensante 13 Luglio 2020 07:53

      Non ritengo che la giornalista abbia le velleità che le si attribuiscono; L a giornalista esprime un proprio pensiero evidenziando che concedere poteri ampi sia pericolosissimo e chiederli, in un momento di pausa, sia osceno.
      Esiste un Parlamento che potrebbe giornalmente esaminare proposte ritenute urgenti ed indifferibili.
      Veramente Voi credete che un Parlamento avrebbe mai votato di combattere l’epidemia comperando monopattini elettrici o comperando centomila euro di biglietti aerei in business class per i rappresentanti del governo? Io credo che molti provvedimenti di spesa di un conto che ricadrà come debito anche sui miei pronipoti sarebbero stati bocciati.
      Cordialmente.

      1
      1
  7. L’eroina della stampa di sinistra in rivolta contro il suo governo?
    Non c’è più religione!!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  8. Ma fatela finita.
    Dire che Conte chieda pieni poteri è assurdo.
    O non capite cosa stia succedendo o, peggio, lo capite però trovate meglio fare un articolo sensazionalistico.
    Un perfetto articolo diretto a persone poco informate.

    0
    0
  9. Bellissimo disamina , non vedo nessuna propaganda elettorale , semplicemente la confutazione di due richieste identiche fatte da uomini diversi , uno in pantaloncino e l’altro in abito blu . Per coloro che fanno similitudini con Cateno , ricordo che il rapporto è uno a mille , ricordo pure che nel parlamento cittadino da due anni non andiamo oltre la sfiducia e le dimissioni .

    1
    4
  10. Articolo da ridere ,forse colpa del caldo o del virus? Mi faccia il piacere,democrazia in pericolo ma da chi? dei mao mao?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007