I precari del Comune in stato di mobilitazione permanente - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

I precari del Comune in stato di mobilitazione permanente

I precari del Comune in stato di mobilitazione permanente

mercoledì 05 Ottobre 2011 - 10:20
I precari del Comune in stato di mobilitazione permanente

Per Cisl e Uil l’atteggiamento tenuto dall’amministrazione in Consiglio è stato una “farsa”. Chiesta una decisa accelerazione sulla stabilizzazione

Una farsa. Così i segretari generali e aziendali di Fp Cisl e Uil Fpl, rispettivamente Calogero Emanuele e Rosario Contestabile (Cisl) e Giuseppe Calapai ed Emilio Di Stefano (Uil), definiscono quanto accaduto ieri sera in consiglio comunale quando il dibattito si è concentrato sulla vicenda dei precari di Palazzo Zanca. E questo perché la Giunta, nel corso della seduta, avrebbe rispolverato quanto proposto da tempo alle organizzazioni sindacali in merito all’integrazione oraria e alla stabilizzazione degli oltre trecento contrattisti in forza al Comune. «La proposta della Fp Cisl e dalla Uil Fpl – si legge in una nota – prevedeva infatti la destinazione delle risorse destinate dall’assessorato regionale per l’autonomia locali della funzione pubblica con decreto n. 525 del 15 settembre scorso dell’importo di 458.509 euro, all’integrazione oraria da ottobre a dicembre (36 ore per tutti). Soluzione da perseguire per tempo, al fine di evitare di giungere alla scadenza mensile, accaduto da gennaio ad oggi senza avere decurtazioni. Tale soluzione, respinta dall’Amministrazione in sede di tavolo tecnico, è stata malamente ripresa ieri senza alcuna chiarezza, gettando i lavoratori nell’ennesima giungla di indecisione ed incertezza anche in merito all’organizzazione dell’orario settimanale, con forte penalizzazione ai servizi che la maggioranza dei contrattisti che responsabilmente porta avanti da oltre 20 anni. Riguardo la stabilizzazione, pur apprezzando la manifestata volontà dell’Amministrazione di iniziare i procedimenti necessari, le scriventi organizzazioni ritengono che i lavori procedano a rilento e che non è più pensabile accumulare ulteriori e pericolosi ritardi, consumati in vuote sedute dalle quali non vengano fuori, carte alla mano, indirizzi certi e concreti, programmati nel tempo. Non saranno quindi tollerate ulteriori giustificazioni su ritardi, sostituzioni di dirigenti, questioni di bilancio, di pianta organica o di mancata quantificazione del fabbisogno di personale».

«Per tali motivi – continuano i sindacalisti – queste organizzazioni sindacali sempre propositive e consapevoli del proprio ruolo, nel dichiarare lo stato di mobilitazione permanente dei dipendenti a tempo determinato del Comune di Messina, comunicano l’avvio di forti iniziative per una corretta informazione dei dipendenti da sprone a dissipare ogni possibile titubanza e superficialità dell’Amministrazione. Amministrazione che dovrebbe perseguire obiettivi di stabilità occupazionale in risposta alle legittime aspettative dei lavoratori, e delle oggettive esigenze dei servizi erogati dall’ente in linea con la responsabilità affidata dai cittadini, e non su input di sterili contestazioni». Va ricordato che ieri un buon numero di precari ha assistito alla seduta del consiglio comunale fino a quando, per le troppe “intemperanze”, non sono stati sgomberati. Con loro era presente il segretario della Fp Cgil Clara Crocè, che ha annunciato l’intenzione di chiedere un incontro al sindaco per avere chiarezza su un percorso di stabilizzazione che «deve partire subito, non tra un anno».

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. l’articolo e’ ben fatto rimane a mio avviso da cambiare l aggettivo FARSA espresso dai sindacalisti in VERGOGNA.
    Questo perche’ durante la votazione erano presenti n.25 consiglieri votanti…si vota! 13 FAVOREVOLI 12CONTRARI….pochi secondi e si aggiunge per incanto il voto di un PIANISTA 13 PARI!!i pianisti..coloro i quali illegalmente votano per un assente…a quel punto minacce a destra e manca..di denunce sta di fatto che tutti i consiglieri escono per discutere il da farsi.Al rientro “MANCA” la consigliera GIOVANNA GRIFO’ invitata evidentemente dal suo partito…a non votare, risultato?13 contrari e 12 favorevoli questa volta senza pianisti…quanto da me espresso e facilmente verificabile essendoci durante la seduta in oggetto decine di persone presenti.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007