Coronavirus: dal 25 Messina si allinea all'Italia. Fine del coprifuoco, ecco chi apre - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus: dal 25 Messina si allinea all’Italia. Fine del coprifuoco, ecco chi apre

Rosaria Brancato

Coronavirus: dal 25 Messina si allinea all’Italia. Fine del coprifuoco, ecco chi apre

martedì 21 Aprile 2020 - 16:59
Coronavirus: dal 25 Messina si allinea all’Italia. Fine del coprifuoco, ecco chi apre

Il sindaco firma l'ordinanza che allinea Messina a quanto previsto dal DPCM Conte del 10 aprile. Cessa il coprifuoco alle 18

Dalla mezzanotte di venerdì finisce il “regno di Cateno” e Messina si allinea ai provvedimenti in vigore nel resto del Paese. Con l’ordinanza sindacale firmata oggi De Luca ha disposto nuovi provvedimenti eliminando alcune restrizioni, prima fra tutte il COPRIFUOCO Dal 25 infatti varrà anche per Messina quel che è stato stabilito dal DPCM di Conte entrato in vigore il 14, nonché quanto disposto dal governatore Musumeci.

I divieti di spostamento

Sono pertanto consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute e, in ogni caso, è fatto divieto di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Resta il divieto di ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale comprese le seconde case utilizzate per vacanza. Sono consentiti gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé. Gli spostamenti dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e nel rispetto di tutte le prescrizioni di tipo sanitario (esclusione dello spostamento nel caso di persone in quarantena, positive, immunodepresse), nonché secondo le modalità previste dal Tribunale con i provvedimenti di separazione o divorzio o secondo quanto concordato tra i genitori.

Uscire una sola volta al giorno

Sì alla cura dell’orto e del giardino. Sono infatti consentite l’attività non imprenditoriale finalizzata a sopperire alle esigenze alimentari ed ai lavori di manutenzione per la prevenzione degli incendi e l’attività non imprenditoriale necessaria per la conduzione di terreni agricoli e per la cura degli animali. L’uscita nell’ambito del medesimo Comune o verso un Comune diverso da quello in cui attualmente si trova l’interessato, è consentita una sola volta al giorno e ad un solo componente del nucleo familiare. È, altresì, autorizzata l’attività di manutenzione di aree verdi e naturali, pubbliche e private. Tutte le superiori attività sono consentite solo nei giorni feriali. E’ fatto divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus; è fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità.

Sì a passeggiate terapeutiche

E’ vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico e l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici; non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto. E’ consentito svolgere individualmente attività motoria, nei limiti e secondo le precisazioni di cui alla Circolare del Ministro dell’Interno che esclude l’assimilazione dell’attività motoria all’attività sportiva generalmente intesa – in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona. I familiari di soggetti diversamente abili siano autorizzati ad accompagnare i loro cari in “passeggiate terapeutiche” nel rispetto delle misure previste dai sopra richiamati DPCM, in quanto nella fattispecie in questione si configura la possibilità di circolazione per “situazioni di necessità”.

Sospesi eventi e cerimonie

Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati; altresì le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, all’interno degli impianti sportivi di ogni tipo; le manifestazioni organizzate, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura. L’apertura dei luoghi di culto è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. Sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri.

Messina come l’Italia

Anche a Messina dal 24 a mezzanotte oltre agli esercizi di generi alimentari potranno essere aperti anche gli altri esercizi in deroga come da DPCM nazionale, finora non recepito. Per l’elenco delle attività autorizzate leggere il link del DPCM. Tra questi ad esempio i negozi di computer, elettronica, elettrodomestici. E ancora ferramenta, lavanderie, tintorie, negozi di vernici, profumerie (rimaste escluse dalle aperture del 5), cartolerie, librerie, negozi di abbigliamento per bambini. I giorni e gli orari di apertura delle sono regolati dalle rispettive licenze secondo le tipologie commerciali e le disposizioni vigenti in tema di apertura nei giorni feriali e festivi. Ancora sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. Restano sospese le attività inerenti servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti).

Fine del coprifuoco

Tutti gli esercizi commerciali dovranno rispettare quanto previsto sia in materia di misure di sicurezza che in materia di sanificazione e contingentamento dei clienti.le mani al momento dell’accesso. Cade quindi il coprifuoco che era previsto alle 18 per gli esercizi commerciali. Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agroalimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi; è ammessa la vendita al dettaglio di semi, piante e fiori ornamentali, piante in vaso, fertilizzanti anche mediante l’apertura dei punti di vendita specializzati in tali prodotti. E’ ammesso il servizio di consegna a domicilio sia dei generi alimentari, che deve essere esercitato nel rispetto delle condizioni igienico sanitarie previste dalla normativa vigente tanto per il confezionamento che per il trasporto, che degli altri prodotti non alimentari.

Chi resta chiuso fino al 4 maggio

Sono ammesse tutte le attività produttive, commerciali, professionali e industriali elencate nell’Ordinanza allegata. I giorni e gli orari di apertura delle sotto elencate attività sono regolati dalle rispettive licenze secondo le tipologie commerciali e le disposizioni vigenti in tema di apertura nei giorni festivi. Tranne quindi le attività previste dal Decreto Conte, restano fino al 4 maggio i divieti . Restano quindi chiusi, ad esempio bar, pub, ristoranti, pizzerie, barbieri, parrucchieri, estetisti. In attesa che nei prossimi giorni il governo annunci in che modo e con quali articolazioni si procederà dal 4 maggio alla Fase 2 delle riaperture.

Tag:

2 commenti

  1. Il coprifuoco! strumento di propaganda per De Luca ma a danno della collettività! Bye bye???

    0
    1
  2. violazioni governative delle libertà costituzionali… a quello dovete pensare no a de luca

    3
    1

Rispondi a roberto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x