Coronavirus. De Luca dichiara guerra allo Chanel n°5: "Non aprite prima del 4" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus. De Luca dichiara guerra allo Chanel n°5: “Non aprite prima del 4”

Rosaria Brancato

Coronavirus. De Luca dichiara guerra allo Chanel n°5: “Non aprite prima del 4”

sabato 18 Aprile 2020 - 18:55
Coronavirus. De Luca dichiara guerra allo Chanel n°5: “Non aprite prima del 4”

La diretta del sindaco sabato 18 aprile, tra family card ed esposti

Nel pomeriggio la notizia della presentazione dell’esposto da parte di 3 associazioni nei suoi confronti. Esposto che si aggiunge a quelli precedenti ed alla denuncia della ministra Lamorgese. Di seguito la diretta facebook e la diretta on line

TRA UN ESPOSTO E L'ALTRO NOI ANDIAMO COMUNQUE AVANTI!

Publiée par De Luca Sindaco di Messina sur Samedi 18 avril 2020

LA DIRETTA

I numeri della Family card

Il sindaco ha dedicato parte della diretta alla Family card ed al fatto che lunedì e martedì saranno riaperti i termini di presentazione istanze per quei disabili gravi che usufruiscono di assegno d’assistenza. Nei giorni a seguire sarà pubblicato il bando per gli affitti e le bollette. Sono oltre 11 mila le istanze presentate finora per la Family card, sebbene vi sia stato un elevato numero di autoannullamento da parte degli utenti che si sono accorti di non averne diritto oppure sono intervenuti i controlli dell’amministrazione.

I tetti di spesa

L’assessore Alessandra Calafiore si è poi soffermata su alcuni dettagli relativi alla Family card come ad esempio i tetti di spesa. Ogni settimana infatti c’è una soglia, però qualora non venga raggiunta i residui di risorsa possono essere spesi nella successiva. C’è un tetto minimo di spesa di 20 euro (ma al panificio è di 5 euro). Sono già 141 gli esercizi convenzionati con il comune che accettano la Family card.

Guerra allo Chanel n°5

De Luca è poi tornato sulla questione traghettamento nello Stretto facendo riferimento ad un anziano che sarebbe rientrato da una città del nord per trascorrere un periodo di tranquillità vicino al mare. In ultimo il sindaco ha minacciato le profumerie di una catena regionale che da lunedì vuole aprire ma a quanto pare De Luca non è d’accordo e quindi annuncia multe. La nuova guerra sarà quindi al profumo….

Tag:

Un commento

  1. Scusate dico io il profumo lo compro in tabaccheria ma vorrei capire perché le profumerie devono rimanere chiuse?

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x