Coronavirus, i pendolari della sanità e delle Forze dell'ordine trattati come nullità - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus, i pendolari della sanità e delle Forze dell’ordine trattati come nullità

Francesca Stornante

Coronavirus, i pendolari della sanità e delle Forze dell’ordine trattati come nullità

venerdì 10 Aprile 2020 - 08:00
Coronavirus, i pendolari della sanità e delle Forze dell’ordine trattati come nullità

E' il Siulp, il sindacato di Polizia, a lanciare un nuovo appello. Per i pendolari dello Stretto i disagi ogni giorno sono innumerevoli

Essere pendolari dello Stretto di Messina in emergenza Coronavirus. Operatori sanitari ed appartenenti delle Forze dell’ordine, costretti giornalmente a viaggiare da e per la Calabria, sono stanchi di pagare lo scotto di una pessima organizzazione del transito nello Stretto di Messina. Le corse ridotte ai minimi termini, dopo turni di lavoro lunghissimi a causa del Coronavirus, li costringono ad altrettante lunghe file, snervanti e con i nervi a fior di pelle. Sono innumerevoli ormai le segnalazioni che arrivano dai pendolari dello Stretto. Sono anche state chieste corse aggiuntive al presidente della Regione Nello Musumeci per andare incontro alle esigenze di chi si è ritrovato a dover sopportare attese che durano ore ed ore.

Un altro appello arriva anche da Santino Giorgianni, segretario generale del Siulp di Messina, il sindacato dei lavoratori di polizia. Dopo la Uil Fpl che aveva parlato dei pendolari della sanità, anche l’esponente del sindacato dei poliziotti chiede attenzione. E sottoporrà la questione alla segreteria nazionale del sindacato.

I disagi

«Se questo è il ringraziamento per i loro sacrifici -scrive Giorgianni- chi lo ha determinato si dia da fare per risolvere la questione perché le corse sono realmente poche ed insufficienti. Tra l’altro non si chiede di sminuire l’attenzione sui controlli, che vengono fatti nell’interesse di tutti, ma non possono essere richiesti ulteriori sacrifici a quelli che chiamiamo eroi e poi trattiamo come delle nullità. Mi riferisco soprattutto, ma non in via esclusiva, a chi si imbarca a piedi. Anche perché i tempi di emergenza non sembra stiano finendo».

Il caso di ieri

Ieri la testimonianza, con tanto di immagini, di quelli che sono i disagi vissuti dai pendolari. La nave da Villa delle 18 ha accumulato ben 40 minuti di ritardo, proprio per la necessità di fare i controlli su tutti. Un ritardo che si è sommato alle ore di attesa che già molti di loro avevano tollerato prima di poter rientrare a casa. Nervi tesi e stanchezza che si accumulano per chi già svolge servizi delicati, come nella sanità e nelle Forze dell’ordine.

I vettori sono consapevoli dei disagi, ma le decisioni sono nelle mani delle Autorità e delle Istituzioni. Che evidentemente sconoscono le esigenze e le difficoltà dei pendolari dello Stretto.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Salvatore Giambò 10 Aprile 2020 11:58

    Mi raccomando, poi però votate sempre Musumeci…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007