Covid, il comitato Rispetto Messina al Prefetto: "La città ha bisogno di sobrietà" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid, il comitato Rispetto Messina al Prefetto: “La città ha bisogno di sobrietà”

Redazione

Covid, il comitato Rispetto Messina al Prefetto: “La città ha bisogno di sobrietà”

giovedì 21 Gennaio 2021 - 16:20
Covid, il comitato Rispetto Messina al Prefetto: “La città ha bisogno di sobrietà”

Il gruppo di iniziativa civica chiede che il Prefetto faccia sentire la sua voce per arginare soprattutto gli atteggiamenti del sindaco De Luca

“Il Presidente della Regione, annunciando la istituzione della cosidetta “zona rossa” in tutta la Sicilia, ha osservato che le varie ordinanze valgono a ben poco se non vengano applicate e fatte rispettare. A tal fine ha evidenziato come sia fondamentale il ruolo dei Prefetti e dei Sindaci, in termini di controllo ed attuazione delle misure e disposizioni previste, nel quadro di una leale collaborazione. Un invito rivolto, quindi, anche al Prefetto ed al Sindaco di Messina”.

Inizia così la lettera con cui il gruppo di iniziativa civica “Rispetto Messina” chiama le maggiori istituzioni cittadine al rispetto dei ruoli e del momento di emergenza che la città sta vivendo. Un invito è rivolto soprattutto al Prefetto Maria Carmela Librizzi.

L’attacco al sindaco De Luca

“Sindaco che, nel frattempo, nello sfornare una sua ennesima ordinanza da simil lockdown, amabilmente, definiva il Presidente Musumeci e l’Assessore regionale alla Salute “assassini”, accusandoli di pluriomicidio colposo, e rafforzando questo concetto con scurrili performance mediatiche. Inoltre, nel corso delle sue logorroiche dirette ha ancora una volta preannunciato sommosse popolari, dopo aver qualche mese fa incitato alla rivolta. Propositi, forse dovuti ad una eccessiva foga demagogica, che potrebbero essere visti come eversivi, conditi dal florilegio di insulti, attacchi personali e demonizzazioni quotidiane, esternati non da soggetto politico, ma nella veste di rappresentante delle istituzioni e pubblico ufficiale.

Atteggiamenti questi, che creano disorientamento ed alimentano spaccature profonde nella comunità messinese. Sarebbe quantomai opportuno sentire una voce rasserenante che richiami il Sindaco a comportamenti più consoni al suo ruolo istituzionale, ed inviti tutti i soggetti interessati a fronteggiare la situazione di emergenza a deporre le armi e collaborare nell’interesse esclusivo dei cittadini. E questa voce non può che essere che quella del Prefetto, che rappresenta, a livello territoriale, lo Stato ed il Governo.

L’appello al Prefetto

Prefetto che non può continuare ad assistere da spettatore a quanto di deprecabile continua ad accadere. Perché lo scontro così aspro tra istituzioni non è assolutamente compatibile con il periodo di estrema difficoltà che stanno vivendo la città e la provincia di Messina. Un periodo di emergenza sanitaria accompagnata da una emergenza sociale ed economica, in cui sarebbe necessario un fortissimo senso di responsabilità diffuso a tutti i livelli, a partire da coloro che svolgono ruoli istituzionali.
Ruoli che per loro natura implicherebbero il rispetto degli altri, sobrietà e serietà di comportamenti e ricerca delle sinergie più ampie con tutte quelle realtà nazionali, regionali e locali che debbono fronteggiare questo lungo periodo di crisi.

E chiediamo un intervento sereno ma fermo del Prefetto perché questo organo monocratico esercita anche un ruolo importante per quel che riguarda i rapporti fra Stato ed Autonomie locali, delle quali assicura il regolare funzionamento; richiamando, ove occorra, i rappresentanti di tali Enti, quali i Sindaci, all’assolvimento dei loro doveri nel pieno rispetto della Costituzione italiana, su cui hanno prestato giuramento.

Tag:

11 commenti

  1. angela bonadonna 21 Gennaio 2021 16:37

    Auguriamoci che S.E.Il prefetto Non perda questa occasione per intervenire in modo fermo e deciso.
    Sarebbe inoltre opportuno,che L ‘Asp di Messina,divulgasse anche nei telegiornali locali e giornali On line una sorta di Vademecum con tutte le spiegazioni del caso con numeri,contatti,comportamenti etc,senza generare il panico che altri alimentano quotidianamente.
    UNA ALTISSIMA PERCENTUALE DI contagiati si cura e si sta curando a casa ma Nessuno ne parla.

    19
    7
  2. Abbiamo da fare con tre soggetti inconcludenti…di cui uno in particolare è convinto che Dio sia un suo impiegato!

    3
    0
  3. Alcune volte i silenzi sono più assordanti del vociare di un amministratore

    3
    0
  4. Non credo che un’eventuale uscita di S.E. il Prefetto faccia……recedere Di Luca dai suoi sconclusionati propositi. Ovvio che alla gente perbene dia fastidio ascoltare improperi nei confronti dei vari rappresentanti istituzionali presi di mira nelle dirette…..facebuk. Invece delle urla perché non si legge la classifica sulla qualità della vita che vede Messina nelle ultimissime pisizioni.

    2
    2
  5. Mi meraviglio infatti che il prefetto stia completamente in silenzio per quello che combina il sindaco Cateno De Luca che secondo me farebbe inorridire anche un santo ……..Ho notato che in tanti stanno prendendo le distanze da lui ,soprattutto da quando si è reso protagonista delle pernacchie verso il presidente della regione Musumeci…..ho visto che non ha più lo spazio alla RTP per le sue ‘farneticanti” dirette ……ora ha traslocato in altra rete e mi ha fatto piacere che anche tempostretto ha ignorato l ennesimo exploit del sindaco ,stavolta il peggiore in assoluto di tutte le sue trovate da “Pierino la peste’… Nessuno se lo fila in TV ,neanche le tanto agognate trasmissioni trash lo trovano appetibile per l’aumento dell’audience,il che la dice lunga in questo momento sul comportamento del sindaco …..siamo rappresentati da un uomo rimasto bambino ……rimanere bambini è bellissimo, finché rimane la parte migliore dei bambini ,come l ‘innocenza,la bontà d’animo,ma se invece rimangono i capricci,i dispetti,le pernacchie,allora diventa tutto ingestibile ,perché come ci si deve porre davanti a un uomo che si comporta come un bambino discolo e ingovernabile?Beh! Forse ignorandolo……eh sì da bambini quando ci comportavamo così sentivo sempre i grandi dire : ignoralo ……la smetterà prima o poi e funzionava ……!Sperando che funzioni anche per lui ,ignoriamolo!!!!!!

    5
    2
  6. Invitate il sindaco De Luca a stare zitto sulle malefatte scoperte dell’asp? Vergognatevi, appoggio il mio sindaco perché è una persona leale e nn combatterà solo.

    1
    4
    1. Il sindaco non ha scoperto le malefatte dell’Asp……non ci voleva il suo “genio” per scoprirle ……c’erano già elementi evidenti e nonché proteste a gogò di cittadini che segnalavano i continui disservizi che rimanevano comunque tali …..cosa ha fatto il “suo”sindaco se non dare del c……..e al presidente dell’asp a “chiedere la sua testa” barattandola con le sue dimissioni ,a lanciare improperi a destra e manca salvo poi decidersi a dare l’incarico a Messina Servizi, sempre tirando fino all’ ultimo la corda sulla pelle di chi subiva il tira e molla e non sapeva cosa fare …..io l’ho trovato vergognoso il suo comportamento……dice sempre che fa tutto per i cittadini e cominciasse a farlo veramente…….cominciasse a rendere vivibile la vita ai suoi cittadini anziché complicargliela con i suoi “giochetti” di” lascia o raddoppia”!!!!!!!

      1
      0
  7. Andrea Baladuzzi 22 Gennaio 2021 07:06

    Signora Prefetto,
    sono certo che gran parte della Città di Messina condivide l’appello del Comitato “Rispetto Messina”.
    Assistiamo, ormai ogni giorno ed anche più volte al giorno, alle vergognose dirette Facebook del sindaco di Messina. La misura è colma, non si può permettere a questo individuo di continuare ad insultare, dileggiare, accusare, calunniare, diffamare e, di conseguenza, alimentare nei suoi sostenitori il clima di diffidenza, sospetto ed anche peggio nei confronti delle Istituzioni a qualsiasi livello.
    In occasione di ogni diretta si leggono post a dir poco offensivi che confermano come i suoi sprovveduti sostenitori siano negativamente influenzati da tale oltraggioso comportamento di colui che dovrebbe rappresentare degnamente con serietà e pacatezza la nostra Città.
    Proceda, piuttosto, con tutte le azioni legali a sostegno delle sue tesi e taccia! Così fanno le persone serie e rispettose delle Istituzioni.
    Signora Prefetto, la invito ad intervenire per porre fine a questo scempio.
    La situazione sociale nella nostra Comunità, già stravolta dalla pandemia e dai dolorosi lutti che questa ha causato, sta prendendo una brutta piega. Intervenga!

    4
    2
  8. 👍👍👍

    2
    0
  9. Galtieri Francesco 22 Gennaio 2021 10:38

    Condivido👍👍👍

    2
    0
  10. Mentre la gente continua a morire soprattutto per colpa di un’ASP che non ha mai dato dei dati esaustivi, ci si rivolge al prefetto per chiedere le testa del sindaco e non di chi ci ha ridotto così. MI chiedo : Perchè il prefetto non è intervenuto fino ad oggi visto il silenzio assordante di Musumeci, dell’assessore Razza e di La Paglia? La gente oggi ha bloccato il Viale Giostra con dei cassonetti,vogliamo dare sempre la colpa a DE Luca pure per questo o dobbiamo aspettare la morte di altri dipendenti di Messinaservizi ? IL sindaco è sboccato ed ha dei modi discutibili ma non avete mai parlato dei problemi attuali che affliggono Messina. Al TG1 ci siamo pure distinti per avere ammazzato una delle meraviglie del mondo , lo stretto di Messina, queste sono le vergogne e nessuno si indigna e protesta. Con la pena nel cuore devo dire che hanno fatto bene i miei figli ad andarsene da Messina che era una bella città ed ora è solo una grande borgo di gente che sa solo criticare ma che non vuole cambiare.

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x