Crisi Covid: categorie "dimenticate" nei Decreti Ristori - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Crisi Covid: categorie “dimenticate” nei Decreti Ristori

Francesca Stornante

Crisi Covid: categorie “dimenticate” nei Decreti Ristori

mercoledì 25 Novembre 2020 - 11:54
Crisi Covid: categorie “dimenticate” nei Decreti Ristori

Unsic mette la lente di ingrandimento sulle misure di sostegno a milioni di lavoratori e imprese. Interventi positivi ma che lasciano fuori alcuni settori

Chi sostiene fioristi, collaboratori domestici, agenti di commercio, lavoratori con partite iva iscritti alla gestione separata e “generica”, alcuni comparti dell’agricoltura? In questa emergenza Covid che ferma interi settori occupazionali, perché ci sono categorie dimenticate? A porre questo interrogativo è Unsic, organizzazione datoriale che in Italia opera attraverso Caf, patronati. Da uno screening sui Decreti Ristori del Governo, gli esperti dell’associazione hanno rilevato alcune lacune che penalizzano intere categorie di lavoratori.

Le “pulci” ai Decreti Ristori

Nei tre provvedimenti già esitati dal Governo, le misure di aiuto sono rivolte a milioni di imprese e lavoratori colpiti dall’emergenza Covid. Il primo prevede bonus una tantum da mille euro per i lavoratori autonomi e intermittenti dello spettacolo e indennità da 800 euro per i lavoratori del settore sportivo. Due nuove mensilità di Reddito di emergenza. Proroghe di 6 settimane per Cigo, Cigd e Ao alle imprese colpite da limitazioni di attività e che abbiano esaurito le settimane di cassa integrazione. Proroga di cassa integrazione e indennità speciali per il turismo, cassa integrazione gratuita alla riduzione del fatturato del 20%, aliquota contributiva differenziata per imprese con calo del fatturato inferiore al 20%. Esonero contributivo al 50% per imprese con riduzione del fatturato inferiore al 20% e totale per imprese con perdita di fatturato pari o superiore al 20% (la decontribuzione è per un quadrimestre entro il 31 maggio 2021). Infine contributi a fondo perduto e fondi di sostegno ad imprese colpite dalle restrizioni, erogati in automatico a chi avesse fatto domanda per aiuti precedenti, o su nuova domanda.

I vari aiuti

Tra le altre categorie sostenute: agenzie di viaggio, fiere e congressi, editoria, alberghi e terme. Altre misure: credito d’imposta sugli affetti, cancellazione seconda rata Imu, semplificazione procedure di deposito atti, collegamento da remoto alle udienze;

Il secondo decreto prevede bonus per le spese di baby sitter, indennizzo per congedi straordinari in casi di impossibilità di smart working, ampliamento dei contributi a fondo perduto e delle decontribuzioni per settori non previsti dal decreto precedente (tipo agricoltura, pesca, terzo settore). Tra le misure fiscali, rinvio del secondo acconto Ires e Irap, sospensione versamenti Iva, secondo una grande varietà di casi.

Il terzo aumenta le disponibilità finanziarie dei diversi fondi, integrando anche i negozi di calzature. E il prossimo, secondo le prime indiscrezioni, potrebbe estendere gli indennizzi già previsti a favore delle attività colpite a tutte le aziende e le partite Iva che hanno subito perdite di fatturato consistenti.

I dimenticati

Interventi sicuramente positivi, secondo Unsic, ma perché quella “dimenticanza”? In questo momento di emergenza nessuno può essere lasciato solo.

Tag:

3 commenti

  1. Giuseppe Giovanni Dibattista Giannuzzi 25 Novembre 2020 13:06

    Buon giorno Signori, sono un pensionato ENASARCO DI 89 ANNI, HO CHIESTO ALLA FONDAZIONE ENASARCO, POICHE’ VIVO SOLO E GRAZIE AL COMPUTER CHE USO ANCHE PER LAVORO PERCHE’, ALLA MIA ETA’ DEVO CONTINUARE A FARLO ALTRIMENTI NON RIESCO A PAGARMI UNA PERSONA CHE A PAGAMENTO SI PRENDE CURA DI ME, SPESSO CADO E L’ULTIMA VOLTA SONO RIMASTO PER TERRA 2 ORE E TRE QUARTI PERCHE’ LE FORZE PER RIALZARMI NON ME LO PERMETTEVANO, POI, GRAZIE ALLE MIE PREGHIERE, E SONO CERTO CHE E’ COSI SONO RIUSCITO A RIALZARMI, IN POCHE PAROLE CARI SIGNORI QUELLO CHE CHIEDO AL MONDO E’ CHE QUALCHE ENTE O NON SO A CHI CHIEDERE PUO’ AIUTARE CHI E’ COSTRETTO DA VECCHIO A VIVERE DA SOLO, TENETE PRESENTE CHE POSSO LAVORARE FINO ALLA FINE DEL 2020, POI MI DEVE AIUTARE SOLO IL SIGNORE.

    CHIEDO SCUSA A CHI MI LEGGE HO QUESTA NECESSITA’ A CHI DEVO RIVOLGERMI? GRAZIE A CHI MI DARA’ RISCONTRO A QUESTA MODESTA RICHIESTA DI AIUTO GIUSEPPE– LA MIA DATA DI NASCITA E’ 20/03/1931 FRA QUALCHE MESE COMPIO 90 ANNI

    1
    0
  2. Giuseppe Giovanni 25 Novembre 2020 13:09

    Il mio commento è AIUTATEMI!!!!!! Grazie

    2
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x