Giovane israeliano sequestrato e rapinato a Valle degli Angeli: 2 arresti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Giovane israeliano sequestrato e rapinato a Valle degli Angeli: 2 arresti

Giovane israeliano sequestrato e rapinato a Valle degli Angeli: 2 arresti

lunedì 22 Ottobre 2007 - 10:51

Brutta avventura per uno studente 23enne israeliano, sequestrato e aggredito da due pregiudicati a scopo di rapina che si sono spacciati per appartenenti alle forze dell’ordine. Magro per loro il bottino: soltanto qualche stecca di sigarette che, per di più, è costata loro l’arresto. Si tratta di Vincenzo Romeo, 33 anni di Mangialupi, e di Domenico Nastasi, 23 anni di Cataratti (da sinistra nella foto).

Il fatto è successo nella notte tra sabato e domenica; tre studenti universitari di origine israeliana stavano cercando riparo dalla pioggia quando sono stati affiancati da una Ford Focus nera da cui sono scesi due uomini che si sono spacciati per finanzieri ed hanno chiesto loro di esibire i documenti di identità. Uno dei ragazzi, studente di medicina, aveva dimenticato i documenti a casa. i due uomini allora, che nel frattempo hanno cambiato versione dichiarandosi poliziotti, lo hanno scortato a casa a Valle degli Angeli dove avrebbe dovuto prendere i documenti mentre gli altri due avrebbero dovuto attenderli davanti alla caserma Nicola Calipari.

Arrivati a casa del giovane, i due uomini hanno rilevato la loro vera natura, hanno estratto una pistola puntandogliela al viso, e messo a soqquadro la casa alla ricerca di denaro. Hanno però trovato molto poco: due stecche di sigarette che i ragazzi, rientrati da poco in Italia, avevano comprato all’aeroporto di Tel Aviv.

Per il giovane sono state però due ore di paura; i malviventi, infatti, gli hanno puntato la pistola in bocca, lo hanno picchiato col calcio dell’arma, lo hanno letteralmente terrorizzato prima di fuggire a bordo dell’automobile.

Liberata, la vittima ha denunciato la disavventura al 113 e riconosciuto nelle foto segnaletiche della polizia i suoi aggressori.

Agli agenti della squadra mobile non è rimasto che irrompere a casa delle due vecchie conoscenze e far scattare le manette. In un’intercapedine della casa di Romeo è stata ritrovata l’arma, una pistola giocattolo che riproduce perfettamente l’originale, mentre nella Ford Focus c’erano le sigarette sottratte a casa del ragazzo. I due sono accusati di rapina e sequestro di persona

Ad operare è stata la squadra mobile ai comandi di Marco Giambra e del dirigente Enzo Coccoli.

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007