Carcere duro per un altro boss del messinese, il killer Calogero Mignacca - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Carcere duro per un altro boss del messinese, il killer Calogero Mignacca

Al.Ser.

Carcere duro per un altro boss del messinese, il killer Calogero Mignacca

Al.Ser. |
mercoledì 18 Dicembre 2013 - 14:07
Carcere duro per un altro boss del messinese, il killer Calogero Mignacca

Dopo l'arresto e la fine della lunga latitanza, arriva il 41 bis per il montalbanese acciuffato il 10 novembre scorso in un casolare di Lentini. Il fratello Vincenzino ha preferito togliersi la vita anziché consegnarsi ai Carabinieri.

Sarà rinchiuso al carcere duro Calogero Mignacca, il mafioso di Montalbano catturato a Lentini il mese scorso, dopo anni di latitanza insieme al fratello Vincenzino. Il Ministro della Giustizia ha siglato il provvedimento che dispone il regime del 41 bis per quello che era considerato, insieme al fratello, un temibile killer, braccio armato del clan dei Nebrodi nella fai da di mafia degli anni '80 e '90, poi a capo di un autonomo gruppo che imponeva il racket nella zona. Calogero, difeso dagli avvocati Nino Favazzo e Carmelo Occhiuto, non ha mai mostrato segni di voler collaborare con la giustizia.

Da oggi andrà al carcere di massima sicurezza dove sconterà l'ergastolo. Il nascondiglio dei due fratelli è stato individuato a Lentini, all'inizio dello scorso dicembre. I Carabinieri vi hanno fatto irruzione una domenica mattina, dopo aver circondato la zona. Al momento del blitz Vincenzino si è sparato un colpo alla testa, mentre Calogero si è consegnato senza opporre resistenza.

Arrestati i loro fiancheggiatori, una rete di fedelissimi pastori tortoriciani e randazzesi attivi nelle campagne del siracusano. Anche loro sino ad oggi hanno preferito il carcere al pentimento, ed hanno rifiutato di rispondere al giudice anche in sede di interrogatorio di garanzia. Intanto la Direzione distrettuale antimafia di Messina è ancora a lavoro per ricostruire gli anni della loro latitanza, e individuare tutti quelli che li hanno aiutati a sfuggire alla giustizia.(Alessandra Serio)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x