Al vertice sugli svincoli non si presenta l’Anas: tutto rinviato - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Al vertice sugli svincoli non si presenta l’Anas: tutto rinviato

Al vertice sugli svincoli non si presenta l’Anas: tutto rinviato

giovedì 23 Giugno 2011 - 14:51
Al vertice sugli svincoli non si presenta l’Anas: tutto rinviato

Nella sede del Cas ci sono i tecnici del consorzio e i docenti universitari, ma manca l’ente che dirige i lavori: nulla di fatto. L’amarezza di Sciacca: «Atteggiamento incomprensibile»

Chi aspettava la giornata di oggi per avere notizie più precise sull’apertura dello svincolo di Giostra rimarrà fortemente deluso. Nella città dell’assurdo, dove ci vogliono più di 20 anni per completare uno svincolo autostradale, accade anche questo. Accade, cioè, che al vertice fissato per oggi nell’ultima riunione tenutasi a Palazzo Zanca, a cui dovevano partecipare Cas, Università e Anas, si siano presentati solo gli attori dei primi due enti e non il terzo, che è quello più importante non foss’altro perché “proprietario” dell’opera e responsabile dei lavori. Un convitato di pietra che lascia di stucco e con l’amaro in bocca. Anche perché la riunione di oggi era stata concordata una settimana fa con il direttore regionale dell’Anas, Ugo Dibennardo, e con gli ingegneri Di Franco e Carbone, sempre dell’Anas, rispettivamente rup e direttore dei lavori degli svincoli Giostra-Annunziata. Si era ritenuto, infatti, opportuno un ulteriore incontro per individuare, come viene ricordato nel verbale stilato oggi, «senza ulteriore indugi, le attività necessarie e le modalità operative per la connessione degli svincoli Giostra-Annunziata al viadotto Ritiro e per la messa in sicurezza del tratto autostradale interessato». E invece nulla. Nella sede del Cas si sono ritrovati il commissario del Consorzio, Gaetano Sciacca, il dirigente dell’Area tecnica e di esercizio, ing. Gaspare Sceusa, e i docenti universitari della facoltà di Ingegneria Antonino D’Andrea, Giuseppe Ricciardi e Antonino Recupero.

Tutti e tre hanno sottoscritto uno scarno verbale nel quale, «in considerazione dell’importanza e della delicatezza dell’argomento, si manifesta il rammarico per l’assenza dell’Anas all’incontro odierno». Cas e Università confermano «massima disponibilità», ma rimane l’amarezza per un’assenza che non si sa come dover leggere in quella che è certamente la fase più delicata per il completamento degli svincoli. Decidere come realizzare l’innesto è un passaggio chiave, come evidenziato anche nell’ultimo sopralluogo al cantiere effettuato da Buzzanca. «E’ un atteggiamento incomprensibile da parte dell’Anas – si sfoga Sciacca – si mostra troppa leggerezza su un’opera fondamentale sulla quale ci stiamo impegnando tutti da cittadini e da utenti prima ancora che da professionisti». Sarà che la maledizione degli svincoli ha colpito ancora?

Tag:

4 commenti

  1. Non ci sono più parole per descrivere quello che avviene in questa città

    0
    0
  2. È proprio la città dell’assurdo…

    0
    0
  3. Questa vicenda ormai è una barzelletta… nessuno ci crede più agli svincoli… i messinesi accettano tutto, si adeguano a tutto. I cantieri degli svincoli servono solo a riempire le casse delle ditte che ci lavorano, più durano i lavori, più incassano. Più ditte lavorano, più voti clientelari avranno i politici di turno… Questa è l’unica attività che produce reddito nella nostra città: i lavori incompiuti. Per questo vogliono iniziare a fare il Ponte sullo Stretto… Inizieranno anche i lavori del Ponte e rimarrà un’opera incompiuta all’infinito…

    0
    0
  4. EPOCALE !!!!!
    ora l’ometto con il caschetto metterà tutto a posto!!
    chiamerà 8.000 cassintegrati e farà gli svincoli da solo!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x