Dalla laurea in Fisica al sacerdozio: la storia e la scelta di vita di Gianfranco - Tempo Stretto

Dalla laurea in Fisica al sacerdozio: la storia e la scelta di vita di Gianfranco

Francesca Stornante

Dalla laurea in Fisica al sacerdozio: la storia e la scelta di vita di Gianfranco

martedì 30 Luglio 2019 - 08:00
Dalla laurea in Fisica al sacerdozio: la storia e la scelta di vita di Gianfranco

Gianfranco Pistorino è un giovane messinese, ha 37 anni e lo scorso 28 giugno è stato ordinato sacerdote. Ci siamo fatti raccontare il suo percorso di vita

Lo scorso 28 giugno ha consacrato la sua scelta di vita. A 37 anni Gianfranco è diventato sacerdote. Un giovane messinese, che insieme ad altri cinque confratelli, ha concluso il percorso che lo ha portato a scegliere di essere un servitore di Dio. Una scelta che oggi appare quasi coraggiosa e controcorrente.

Perché in un mondo che corre alla velocità della luce soprattutto sui social, in un mondo in cui troppo spesso la Chiesa sembra essere distante dalle persone, ci sono giovani che hanno seguito il loro cuore. Anche e soprattutto nei momenti di difficoltà che non sono mancati. Perché dietro ognuno di loro ci sono storie, percorsi non sempre semplici, dubbi. Ma anche amicizia, forza e soprattutto fede.

Gianfranco Pistorino è uno di loro. Un ragazzo normale, che fino ad un certo punto ha condotto una vita normale: scuola, amici, università. Si era avvicinato alla sua parrocchia di origine, la S. Nicolò di Bari a Gazzi durante gli anni del liceo. Frequentava l’oratorio e faceva il ministrante. Poi è arrivato il diploma e dunque l’Università. Gianfranco ha iniziato a studiare fisica. Ma dentro di lui qualcosa ha iniziato a farsi sentire.

La chiamata

«Proprio negli anni degli studi universitari ho avvertito forte l’invito del Signore a convertirmi e a seguirlo più da vicino. Sono stati anni intensi e di discernimento. Studiavo, facevo gli esami. E nel weekend frequentavo i fine settimana vocazionali in seminario, di nascosto alla mia famiglia».

Perché di nascosto?

«Erano contrari. Io sono figlio unico, sono arrivato nella vita dei miei genitori 12 anni dopo che si sono sposati. Per una mamma all’inizio è difficile capire che suo figlio non avrà una famiglia tradizionale, dei figli, che non sarà nonna. Forse avevano paura che li abbandonassi» racconta oggi Gianfranco.

E per lui sono stati anni tutt’altro che semplici. Ha conseguito la Laurea magistrale in fisica, ma a quel punto ha capito nel suo cuore che le cose dovevano cambiare rotta.

Dalla laurea in Fisica al Seminario

«Dopo la laurea sono entrato in seminario e ho trascorso 7 anni di formazione belli e intensi. Ho fatto esperienza in varie parrocchie, tra cui Giardini Naxos, Pistunina, Zafferia. Ho trascorso quest’ultimo anno da diacono a Rometta Marea nella parrocchia S. Antonio di Padova e S.Maria Assunta».

Ci sono stati momenti difficili in questi anni?

«Sì e sono anche quei momenti a farti comprendere se sei pronto o no. Qualche anno fa ho perso mio padre. Ero al terzo anno di seminario e pensavo di non riuscire ad andare avanti. Poi, grazie a Dio e alle persone che mi sono state accanto, io e mia madre abbiamo superato quella situazione dolorosa».

È stato difficile dentro di te riuscire a capire e accettare la “chiamata” che è una scelta di vita radicale?

«Oggi scegliere il sacerdozio appare come una scelta controcorrente e prima di entrare in seminario tante volte ho pensato di lasciar perdere tutto. Alla fine però ha prevalso in me una logica: non deve essere un dato sociologico o di tendenza che deve vincere, ma la voce della mia coscienza».

I tuoi amici hanno subito compreso la tua scelta? Ti sono stati accanto?

«Devo dire che i miei amici e colleghi di università non mi hanno mai criticato, anche se certamente qualcuno non se l’aspettava. Bene o male però hanno rispettato questa scelta e sono contenti per me».

Secondo te oggi la Chiesa ha bisogno di rinnovarsi un po’?

«Questa è una domanda molto complessa. Penso che sul modo di approcciarsi all’uomo di oggi (credente o non credente che sia) certo che la Chiesa ha sempre bisogno di rinnovamento. Anzi preferisco usare il termine “aggiornamento” perché la sfida oggi è verso la famiglia e il mondo dei giovani. Se invece guardiamo al messaggio da proporre nell’evangelizzazione, non c’è nulla da rinnovare perché è sempre lo stesso: Dio Padre ha tanto amato il mondo da mandare il suo Figlio a dimostrare quanto Egli ci ama….fino alla croce».

Adesso che sei un sacerdote qual è il tuo sogno più grande?

«Da sacerdote non ho sogni particolari. Ciò che desidero è poter servire questa Chiesa di Messina-Lipari-S.Lucia del Mela al meglio delle mie potenzialità, cercando di essere sacerdote per la gente a me affidata e non di “fare” il sacerdote. Il nostro non è un mestiere ma un’offerta di noi stessi sul modello di Cristo che ha offerto se stesso per amore dell’uomo».

I momenti più belli

Dopo l’ordinazione, celebrata dall’Arcivescovo Mons. Giovanni Accolla, Gianfranco ha celebrato la sua prima messa nella parrocchia di Gazzi, la sua parrocchia di origine. Un’emozione grande che lo ha riportato indietro negli anni, quando ha percepito la chiamata del Signore davanti a Gesù Eucaristia nel tabernacolo dopo una confessione.

«Renderò sempre grazie al Signore per la misericordia che ha usato verso la mia povera persona e, consapevole di essere un peccatore perdonato, desidero, per mezzo del ministero sacerdotale, riversare su tutti la misericordia di Dio attraverso la predicazione e i sacramenti» dice Gianfranco. Lo ha già fatto a Medjugorie nelle scorse settimane, per la prima volta da sacerdote, e lo farà adesso nelle due parrocchie di Alì Terme e Alì Superiore, dove ha iniziato il suo ministero da viceparroco.

Francesca Stornante

Tag:

3 commenti

  1. Tanti auguri, Gianfranco!
    Ti ricordi dei nostri anni da studenti a Papardo?
    Ti auguro il meglio per gli anni a venire, e chissá che non ci incontriamo quando verró a Messina.

    Cari saluti
    Miriana V.

    3
    0
  2. Ti auguro con tutto il cuore di essere sempre innamorato di Gesù e della Sua Chiesa!!! Anche se le tempeste non mancheranno la forza dello Spirito Santo ti sorreggera’ sempre e ti dara’ la forza necessaria per superare tutte le difficoltà!!!

    1
    0
  3. Elena,la tua prima maestra 30 Luglio 2019 22:15

    Gianfranco, sei stato sempre un alunno modello
    e sei cresciuto in bellezza, virtù e sapienza, come Gesù, al punto da affidarti,
    con sentito affetto ed incondizionata fiducia ,
    al buon Dio, affinché ti custodisse come un fiore raro e profumato , tutto per Lui,
    per la Sua maggior gloria.
    Che la tua missione sia fedele, coraggiosa ,tenace , gioiosa e luminosa …come sei tu !
    La tua vocazione è un immenso dono , per te , per la tua privilegiatissima mamma, nonché amica mia, per tutti quelli che ti accosteranno e ,modestamente, anche per la mia persona, che ha avuto l’onore di essere stata la tua prima maestra .
    Ti porterò sempre nel mio cuore, come Rocco, tuo compagno di seminario, anche lui, alunno mio e già sacerdote, come te.
    Auguri, carissimo Gianfranco ,di pace, bene e gioia!, con San Francesco e San Paolo, il Santo dell’umiltà e l’Apostolo delle genti, che ti accompagneranno , ognora, sotto lo
    ” sguardo radioso ” del tuo esemplare papà e di mio marito, suo caro amico.
    Un forte abbraccio ,
    la tua maestra Elena.

    8
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007