Dalla Panoramica a Mortelle. Quella strada privata che potrebbe diventare pubblica - Tempo Stretto

Dalla Panoramica a Mortelle. Quella strada privata che potrebbe diventare pubblica

Marco Ipsale

Dalla Panoramica a Mortelle. Quella strada privata che potrebbe diventare pubblica

martedì 19 Febbraio 2019 - 08:39
Dalla Panoramica a Mortelle. Quella strada privata che potrebbe diventare pubblica

Un collegamento diretto in un minuto, che eviterebbe il lungo giro dalla via Consolare Pompea e la strada statale 113 dir

MESSINA – Due ampie corsie per senso di marcia, carreggiate separate, niente attraversamenti pedonali. La strada Panoramica dello Stretto avrebbe le caratteristiche persino di una strada extraurbana, dove i limiti nazionali di velocità sono compresi tra i 90 e i 110 km/h ma, vista la presenza di diverse curve, sarebbe più classificabile come strada urbana di periferia a scorrimento veloce, con limite di 70 km/h.

Una strada più sicura da quando, nel 2012, si sono conclusi i lavori di riqualificazione con nuove rotatorie, asfalto e guard rail. E infatti gli incidenti sono diminuiti drasticamente. L’obiettivo dovrebbe essere anche quello di sgravare di traffico la litoranea, dove invece c’è una sola corsia per senso di marcia, carreggiate non separate, molti attraversamenti pedonali. Assurdo ci sia lo stesso limite di velocità, a 50 km/h.

Sulla Panoramica, non mancano i controlli con gli autovelox mobili, col risultato che molti automobilisti si sono visti recapitare multe salate per essere stati sorpresi a velocità “normali”, comprese tra i 60 e i 70 km/h. Peggio ancora, di recente, nel tratto compreso tra Papardo e Granatari, dove a breve inizieranno i lavori di rifacimento di asfalto, giunti e barriere di sicurezza e il limite è stato portato provvisoriamente a 30 km/h. D’accordo che l’asfalto non è in buone condizioni ma procedere a meno di 30 km/h è davvero troppo. In questo caso sono state elevate multe da 41 euro a chi andava a 37 o 38 km/h e da ben 132 euro (se pagata entro cinque giorni) per chi andava a 43 o 45 km/h. Così in molti preferiscono passare dalla litoranea, che s’intasa sempre più, con conseguente aumento di inquinamento atmosferico e acustico.

La Panoramica finisce alla rotatoria di Granatari, lì dove si può proseguire dritto verso il cimitero e i campi da calcio oppure scendere a destra, tramite la strada Frantinaro, sulla via Consolare Pompea. Qui, soprattutto d’estate, le auto non rispettano il divieto di sosta su uno dei due lati della strada e si creano lunghe code.

Ma non solo dritto o a destra. Da quella rotatoria, in teoria, si potrebbe andare anche a sinistra e imboccare una strada che, in appena 500 metri, conduce a Mortelle, sulla strada statale 113 dir, davanti ai lidi. Passando dalla strada Frantinaro e dalla via Consolare Pompea, invece, servono due chilometri, il quadruplo della distanza e ancor più del tempo.

Quella strada, però, è privata e, quindi, legittimamente chiusa da due cancelli, da un lato e dall’altro. Eppure sarebbe utile per tutti i cittadini, per ridurre il traffico a Granatari e consentire di arrivare subito sul Tirreno. Si pensi, ad esempio, ad un intervento di primo soccorso a Mortelle. Un’ambulanza interviene e deve percorrere la strada statale 113 dir e il tratto di via Consolare Pompea fino alla salita Frantinaro, tra auto in sosta vietata e lunghe code, per poi arrivare all’ospedale Papardo. Ne può valere della vita o della morte di alcune persone. Se invece quella strada fosse pubblica, potrebbe arrivare in meno di un minuto da Mortelle alla Panoramica.

Il collegamento diretto tra la Strada Panoramica dello Stretto a Mortelle, quindi, esiste già. Se ne parlava sin dal piano urbano della mobilità del 2006, se ne parla ancora nel recentissimo schema preliminare del nuovo Piano regolatore generale, dove si ipotizza di espropriare quella strada per pubblica utilità. Nella razionalizzazione della rete stradale è previsto “il completamento della strada panoramica a sud e a nord: attraverso il nuovo tracciato viario Annunziata-Svincolo autostradale di Giostra a sud e attraverso la riconversione a nord di due strade locali come uscite aggiuntive a quella già esistente che si connettono alla Statale in punti differenti (Mortelle e laghi). Questo consente sia di ridurre i flussi di attraversamento urbano del centro città, bypassandolo a monte, sia di creare una migliore distribuzione e drenaggio dei flussi verso e da Capo Peloro”.

Ai proprietari, quindi, che ad oggi la usano in modo esclusivo e ne “soffrirebbero” l’apertura a tutti, andrebbe un giusto risarcimento. Non ne sarebbero contenti, probabilmente, ma si tratterebbe di una via di fuga importante.

E’ un altro tassello nel quadro delle strade mai realizzate a Messina. Studi, piani o progetti che rimangono tali e contribuiscono ai disagi che la città sconta, in particolare la zona nord. In teoria, da Mortelle, tramite questa strada si arriverebbe subito sulla Panoramica, magari da percorrere a 70 km/h e poi, all’altezza delle gallerie Bosurgi, si potrebbe salire verso l’Annunziata, tramite un’altra strada studiata, e quindi la tangenziale. Ma ci sono situazioni simili anche in altre parti della città, in pieno centro o in zona sud. Tante idee che restano solo su carta.

(Marco Ipsale)

Tag:

6 commenti

  1. Desideravo fare una considerazione nel senso che leggendo L articolo ho scoperto della esistenza di questa strada e per curiosità sono andato a vederla in Google Earth .appar33vidente ch3 3 una strada ad uso esclusivo di una decina di ville con ampi spazi e piscine per la quale a suo tempo si sarà sostenuto un costo non indifferente per realizzarla per cui mi chiedo che senso ha pensar3 di chiedere L esproprio ledendo gli interessi di questi proprietari .al loro posto chiederei una cifra enorme per L esproprio. Direi al pubblico pensate di fare progetti seri ed efficaci

    0
    1
  2. Anche io sono stato incuriosito ma proprio per evitare di dovere sostenere costi di esproprio adeguati, si potrebbe proseguire verso i campi di calcio di granatari e poi “tagliare” utilizzando solo una parte di quella strada privata. Sicuramente si dovrebbe costruire una nuova strada, pendenze permettendo, ma si eviterebbe di attraversare una zona VIP

    0
    0
  3. Roberto D'Andrea 19 Febbraio 2019 14:02

    La strada è stata legittimamente realizzata circa 20 – 25 anni addietro da una nota impresa messinese che ha realizzato le ville, ed è rimasta strada interna del complesso, tant’è che è privata; non è stata ceduta al comune, in quanto l’area non era una zona di espansione “C”, bensì un’area agricola “E”.
    L’esproprio, se si vuol fare, deve giustificarsi con l’interesse pubblico ed ovviamente occorre indennizzare i proprietari.
    E’ comunque necessario eseguire alcune opere, sia all’innesto in testa sulla rotonda, che a valle sulla Strada Statale (innanzi gli stabilimenti), realizzando anche qui una nuova rotonda.
    Probabilmente andrà realizzato qualche altro intervento di messa in sicurezza.
    Pur comprendendo la ferma opposizione che potrebbero fare i proprietari delle ville, certamente si tratta di una soluzione vantaggiosa per svariate motivazioni.
    In primis il risparmio economico: con alcune centinaia di migliaia di euro si può attuare (a differenza di diversi milioni che occorrerebbero per un nuovo tracciato).
    Ed inoltre essendo un tracciato esistente ed amministrativamente regolare, ricadente all’interno della Zona di Protezione Speciale, ed in particolare del famigerato sito Q, il relativo progetto avrebbe un iter amministrativo molto più snello e rapido.

    0
    0
  4. Conosco bene la zona ed anche le ville, attualmente una di esse si trova in vendita ad oltre 850mila euro, ergo le cause di risarcimento per la perdita di valore sarebbero piuttosto ingenti. Per quanto mi riguarda costerebbe molto meno utilizzare una stradina che già oggi si diparte dalla consolare e che giunge alla panoramicama si trova attualmente con un tratto sterrato ed un piccolo bypass che andrebbe realizzato. Un estrapolato di mappa qui ed in verde l’eventuale percorso: https://i.postimg.cc/3NJ9cV1y/Immagine.png

    0
    0
  5. Andrea D'ANDREA 19 Febbraio 2019 18:18

    C’è, da venti anni circa, un progetto per questa strada, eseguito da un noto ingegnere di Messina. Immagino su incarico dell’Amministrazione provinciale, dal momento che la Panoramica appartiene a tale Ente. Non comprendo come sia possibile che non si è avuto il finanziamento per realizzarla. Andrea

    0
    0
  6. ancora piu’ semplice : basterebbe rifunzionalizzare la strada che passando dal cimitero e dai campi di calcetto, scende fino alla ss 113. …..Ma ci vuole testa.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007