Porto di Tremestieri, uno scivolo è aperto ma lo scirocco sale. Code di tir - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Porto di Tremestieri, uno scivolo è aperto ma lo scirocco sale. Code di tir

Porto di Tremestieri, uno scivolo è aperto ma lo scirocco sale. Code di tir

lunedì 05 Febbraio 2018 - 12:40

E' in arrivo una nuova ondata di scirocco, che avrà il suo picco domani e dopodomani. I comandanti hanno avuto difficoltà ad attraccare e la deroga per i porti del centro città è scattata dalle 12 alle 13 e dalle 14 alle 16. Intervento tampone urgente a Galati Marina

Lunghe code di tir stamani al porto di Tremestieri, dov'è in funzione uno scivolo su due a causa della mareggiata dello scorso week end. I comandanti delle navi hanno avuto difficoltà ad attraccare perché lo scirocco è in aumento e la deroga per "dirottare" i tir nei due porti del centro città è arrivata solo per un'ora, dalle 12 alle 13.

Navi alla rada San Francesco e al porto storico, anche dalle 14 alle 16, a seguito di una seconda deroga. Ma anche dalle 13 alle 14 solo la Enotria è rimasta a Tremestieri, dove le manovre non sono semplicissime, perché lo spazio rimasto è di soli 25 metri a fronte di navi da 18 metri.

Lo scirocco, tra l'altro, è previsto in aumento anche per le giornate di domani e dopodomani. Potrebbe così aumentare la quantità di sabbia già presente in porto, che potrebbe anche chiudere. Subito dopo inizieranno i rilievi, mentre la draga sarà pronta a partire nei primi giorni della settimana successiva. Le previsioni minime di dragaggio, al momento, riguardano circa 15mila metri cubi.

Il tutto mentre si attendono le ultime autorizzazioni per l'avvio dei lavori per il nuovo porto, a partire dal maxi dragaggio a sud che consentirebbe di evitare nuovi insabbiamenti.

Le mareggiate stanno creando danni anche a Galati Marina, dove l'acqua è arrivata alle porte delle case. In attesa di un intervento radicale, già dal pomeriggio di oggi è previsto un nuovo intervento tampone, prelevando la sabbia dalla zona del campo di calcio, dove ci sono i massi, e riportarla lì dove il mare l'ha "mangiata". Si tornerà così alla situazione precedente allo scorso week end ma il nuovo scirocco in arrivo potrebbe vanificare l'intervento, comunque utile a evitare danni ancora più seri.

Tag:

Un commento

  1. Ennesimo episodio di una storia che sarà infinita. Farei pagare i costi di dragaggio a tutta la catena decisionale che ha deciso, progettato e approvato l’opera. Dicono sempre che non ci sono i soldi… Per forza, con tutte le cazzate che hanno fatto negli anni, l’80% delle risorse si volatilizza in rattoppi, sprechi, mance e stipendi a gente che non vale nulla e che non produce nulla (e questo non è qualunquismo: è l’amara realtà…)

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x