Dopo il maltempo si lavora a Galati, ma resta la paura: serve rafforzare la barriera - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Dopo il maltempo si lavora a Galati, ma resta la paura: serve rafforzare la barriera

Francesca Stornante

Dopo il maltempo si lavora a Galati, ma resta la paura: serve rafforzare la barriera

venerdì 15 Novembre 2019 - 15:30
Dopo il maltempo si lavora a Galati, ma resta la paura: serve rafforzare la barriera

E' stata sistemata la barriera dei massi, ma gli abitanti continuano a chiedere di alzarla e renderla più forte

A Galati si continua a guardare il mare con timore. Dopo la furia delle mareggiate di martedì che hanno messo ancora una volta a serio rischio l’abitato di Galati Marina, il Comune ha cercato di correre ai ripari. Il sindaco Cateno De Luca ha firmato un’ordinanza per interventi urgenti. E in effetti mezzi e uomini si sono immediatamente messi a lavoro.

E’ stata sistemata la barriera di massi, fortemente compromessa dopo la mareggiata. Gli abitanti però hanno paura che non basti. Dopo tante sollecitazioni oggi si è deciso anche di prelevare dei massi a Tremestieri per alzare la barriera che si è rivelata insufficiente quando il mare si ingrossa. Ma serve un intervento massiccio di rifioritura dei massi. Ed è questo che sperano di vedere oggi.

Lo ha chiesto a gran voce per mesi e ribadito anche in questi ultimi giorni, il consigliere della I Circoscrizione Alfredo Manganaro, da sempre in prima linea insieme ai tanti che vivono tra Galati marina e S. Margherita.

L’appello

«Non bastano pochi massi perché qua abbiamo visto tutti cosa succede. Ci sono ancora punti nella barriera in cui l’acqua riesce a passare e piano piano sta scavando mettendo a serio rischio le abitazioni. Continuiamo ad aspettare il progetto finale della Regione, ma nel frattempo non possiamo continuare a contare danni ogni volta che il mare infuria».

Adesso si teme per la sciroccata prevista per domani. Hanno paura che gli interventi tampone di questi giorni vengano ingoiati dalla mareggiata. Per questo chiedono al Comune di innalzare e rafforzare la barriera portando sul litorale di Galati una quantità sufficiente di massi frangiflutti.

Il consigliere Manganaro ricorda i solleciti, l’ultimo messo nero su bianco risale allo scorso mese di luglio, proprio per agire in tempo e prevenire. Non era stato fatto e già ad agosto erano arrivate le prime conseguenze. Adesso altri danni. Per questo chiedono di non far passare altro tempo e di agire prima della prossima forte mareggiata.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. OCCHI PUNTATI SOLO SULLE SPIAGGE DI GALATI SENZA OSSERVARE E CHIEDERE LA DISTRUZIONE DI TUTTE LE ATTIVITA’ CANTIERISTICHE NAVALI E I LIDI CHE ESISTEVANO A MESSINA NORD!!!!
    SIAMO IN GINOCCHIO , LA REGIONE NON SI DOMANDA CHE FINE FAREMO ?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007