Dossier A18 Messina-Catania, l'ispettore Migliorino: 4 gallerie da chiudere - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Dossier A18 Messina-Catania, l’ispettore Migliorino: 4 gallerie da chiudere

Alessandra Serio

Dossier A18 Messina-Catania, l’ispettore Migliorino: 4 gallerie da chiudere

martedì 20 Aprile 2021 - 17:39
Dossier A18 Messina-Catania, l’ispettore Migliorino: 4 gallerie da chiudere

Tra le gallerie da chiudere c'è la Sant'Alessio, dove i lavori sono stati consegnati nel 2018, per l'appalto nel 2020 venne arrestato Puccia del Cas

Si rischia in quattro gallerie della A18 Messina-Catania e sul viadotto Tarantonio della tangenziale. Su quest’ultima infrastruttura si dovrebbe circolare a una unica corsia, mentre nelle gallerie Sant’Alessio, Piano Cuti di Scaletta, Taormina e Capo Pietra, tutte in direzione Messina, servono interventi di manutenzione urgente perché le volte sono pericolanti.

Sono queste le conclusioni della seconda ispezione dell’ingegnere Placido Migliorino sulle autostrade del Cas, che dopo il dossier impietoso sulla A20 ha relazionato anche sulla A18, complessivamente in condizioni migliori, rispetto alla Messina-Palermo.

I rischi maggiori sulla tratta per Catania, infatti, secondo l’ispettore del Ministero, gli automobilisti li affrontano attraversando le gallerie. Secondo Migliorino tutte le 15 ispezionate non sono in regola con le prescrizioni, ma quattro in particolare sono molto pericolose perché cade materiale dalla volta o vi sono vistose infiltrazioni d’acqua.

La galleria Sant’Alessio secondo l’ispettore è quella più a rischio. Il traforo era stato chiuso per lavori nel 2016, riaperto nel 2018 ma ha continuato a presentare problemi. Nel 2020 la Dia ha arrestato un funzionario del Cas per corruzione, tra gli episodi contestati ci sono anche presunte irregolarità nei lavori e la riapertura di quella galleria

Il viadotto Tarantonio in tangenziale, invece, è fortemente ammalorato e avrebbe bisogno di una manutenzione urgente. Da manutenere anche le barriere di protezione laterale delle corsie, di vecchia generazione su quasi l’intero tratto e danneggiate.

Per quel che riguarda i viadotti e i sovrappassi, invece, l’ispettore non ha rilevato grossi pericoli.

Come già per la relazione sulla A20, anche questo dossier sarà consegnato al Consorzio Autostrade, per il quale le indicazioni di Migliorino valgono come prescrizioni, alla Prefettura e al Ministero.

Tag:

Un commento

  1. Fernando Arnò 20 Aprile 2021 19:55

    Giusto per non parlare delle condizioni del manto stradale, spesso causa di danni alle auto se non di gravi incidenti…

    5
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x