La Vara secondo Perna: ampliare i comitati e riprendere qualche idea di Todesco - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La Vara secondo Perna: ampliare i comitati e riprendere qualche idea di Todesco

Francesca Stornante

La Vara secondo Perna: ampliare i comitati e riprendere qualche idea di Todesco

domenica 15 Giugno 2014 - 00:05
La Vara secondo Perna: ampliare i comitati e riprendere qualche idea di Todesco

L'ex assessore Todesco aveva più volte ripetuto che per organizzare al meglio il grande evento è necessario almeno un anno di lavoro. Nel frattempo cosa ha fatto il suo successore Tonino Perna? L'assessore alla Cultura spiega di essersi già attivato ma le difficoltà da superare sono tante.

La polemica sugli 80 euro che il Comune non ha potuto spendere per acquistare il cero votivo per la Madonna di Montalto ha prepotentemente acceso i riflettori sull’altra grande festività simbolo di Messina: la Vara. Mancano solo due mesi alla tradizionale processione che porta in strada centinaia di migliaia di fedeli da tutta la Sicilia e dalla vicina Calabria, il tempo stringe e la macchina organizzativa deve essere messa in moto. A tenere le redini sarà l’assessore alla Cultura Tonino Perna che in questi mesi non aveva ancora parlato della Vara ma che si dichiara tranquillo e sereno sulla realizzazione della manifestazione. “Ho già avviato un dialogo con numerose associazioni perché tra i principali obiettivi c’è quello di aprire all’esterno il comitato storico-scientifico e di portare all’interno dell’organizzazione il maggior numero di forze che vorranno mettersi a disposizione della manifestazione” ha spiegato l’assessore. Perna assicura che nel giro di poche settimane si darà il via ai tavoli di confronto con i due comitati, quello storico-scientifico e quello tecnico, introdotti lo scorso anno dal suo predecessore Sergio Todesco e che avevano sostituito lo storico comitato Vara che nei mesi precedenti si era autosospeso.

Era stato però proprio l’assessore Todesco, nei primi giorni di lavoro dell’amministrazione Accorinti, a puntare il dito contro la gestione commissariale di Croce che fino a quel momento non aveva fatto nulla per l’organizzazione del grande evento. Ad oggi però la situazione non sembra essere molto diversa rispetto ad un anno fa. Sul fronte organizzativo però il successore di Todesco non nutre preoccupazioni. A incutere un po’ di timore solo la Corte dei Conti che potrebbe bloccare anche la spesa per la Vara. Ma Perna non si abbatte: “Abbiamo dovuto rinunciare alla Notte della Cultura ma non ho intenzione di fare neanche mezzo passo indietro sulla Vara. La Corte dei Conti non può privare Messina della sua storia e tradizione, farò di tutto per evitare intoppi, ma se sarà necessario sono pronto anche a proteste eclatanti”. In cassa al momento ci sono 34 mila euro a disposizione dell’assessorato alla Cultura, lo scorso anno il Comune ne spese 46 mila di tasca propria, il resto arrivò dagli sponsor, dalla Regione e da chi rispose all’appello del “facciamo la Vara dal basso”. Dunque si dovrà comunque cercare un aiuto esterno anche stavolta.

Era stato sempre l’assessore Todesco a lanciare alcune idee che dovevano essere sviluppate nel corso di questo anno e che però a quanto pare sono rimaste nel cassetto. C’era l’ipotesi di attivare una lotteria nazionale collegata all’evento Vara, di avviare un percorso per ottenere dalla Regione un contributo straordinario di € 80.000,00, di approntare tutti quegli steps preliminari volti alla istituzione di un Museo Comunale delle Machine Festive. Nell’anno trascorso però probabilmente si è pensato poco alla Vara, anche giustamente per i tantissimi problemi che affliggono la città e che meritavano più attenzione e impegno. Si sa però che a ridosso del ferragosto messinese l’attenzione diventerà altissima e anche un piccolo errore di gestione può essere la scintilla di un incendio di polemiche, come accadde lo scorso anno. All’assessore Perna non dispiace l’ipotesi di una lotteria, non nazionale ma a livello cittadino, da organizzare magari anche con il contributo delle parrocchie, dunque dell’Arcidiocesi.

Ogni discussione però è al momento campata in aria. Le certezze sono poche: i 34 mila euro in cassa che non coprono neanche un terzo della spesa necessaria a mettere in piedi un evento di tale portata. “In questi giorni partiranno le consuete lettere indirizzate a chi nel tempo ha sempre sostenuto e finanziato la processione. Valuteremo questa ipotesi della lotteria e poi speriamo che la Regione ci dia una mano” ha spiegato Perna. E se l’assessore non mostra preoccupazioni, è anche vero che il tempo comincia a correre. Dunque forse sarebbe meglio provare a giocare d’anticipo, per evitare di cadere nelle stesse polemiche dello scorso anno.

Francesca Stornante

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

12 commenti

  1. Ls Vara va gestita da chi la vive come propria no da … ospiti momentanei !

    0
    0
  2. Ls Vara va gestita da chi la vive come propria no da … ospiti momentanei !

    0
    0
  3. a messina non sapete fare altro, bah illudetevi pure di essere una città normale

    0
    0
  4. a messina non sapete fare altro, bah illudetevi pure di essere una città normale

    0
    0
  5. consiglio ai grande devoti a parole, di fare una bella colletta

    0
    0
  6. consiglio ai grande devoti a parole, di fare una bella colletta

    0
    0
  7. Questo signore per quali meriti fa l’assessore? Per aver pubblicato un dossier su Accorinti? Beh questo basta per capire quanto possa interessargli la cosa più cara ai messinesi veri, la VARA!!!!!, spero solo che abbia il buonsenso di farla organizzare a chi ne capisce qualcosa in materia…

    0
    0
  8. Questo signore per quali meriti fa l’assessore? Per aver pubblicato un dossier su Accorinti? Beh questo basta per capire quanto possa interessargli la cosa più cara ai messinesi veri, la VARA!!!!!, spero solo che abbia il buonsenso di farla organizzare a chi ne capisce qualcosa in materia…

    0
    0
  9. si infatti abbiamo visto chi l’ha gestita negli ultimi anni, basta leggere gli atti della procura

    0
    0
  10. si infatti abbiamo visto chi l’ha gestita negli ultimi anni, basta leggere gli atti della procura

    0
    0
  11. puzza di bruciato 16 Giugno 2014 09:10

    Mamma mia di nuovo il problema della “Vara”.. Basta ragazzi quest’anno non la reggo… Ora il tira e molla di chi di come di quando.. Se il problema del cero votivo docet, quest’anno la vara la vedrò a Palmi…

    0
    0
  12. puzza di bruciato 16 Giugno 2014 09:10

    Mamma mia di nuovo il problema della “Vara”.. Basta ragazzi quest’anno non la reggo… Ora il tira e molla di chi di come di quando.. Se il problema del cero votivo docet, quest’anno la vara la vedrò a Palmi…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007