Cgil e Uil: no all’affidamento a privati dei servizi di raccolta e smaltimento rifiuti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Cgil e Uil: no all’affidamento a privati dei servizi di raccolta e smaltimento rifiuti

Cgil e Uil: no all’affidamento a privati dei servizi di raccolta e smaltimento rifiuti

giovedì 16 Giugno 2011 - 15:36
Cgil e Uil: no all’affidamento a privati dei servizi di raccolta e smaltimento rifiuti

I due sindacati chiedono a Buzzanca la revoca immediata del bando e la convocazione di un tavolo con parti sociali

La consultazione referendaria del 12 e 13 giugno scorso continua a fare “proseliti”. A fronte dei pochi ma tenaci promotori e sostenitori della prima ora dei quattro quesiti è ad urne chiuse che si è scatenata la vera, grande mobilitazione. Tutti pronti a salire sul carro dei vincitori per rivendicare i meriti di quello che, senza dubbio, è stato un successo in termini di partecipazione popolare. Tuttavia, al di là degli interessi di parte e delle ragioni politiche e troppo spesso di partito, è il senso profondo di quei quattro quesiti che dovrebbe prevalere nella fase post-referendaria. In questa direzione dicono di muoversi Cgil e Uil Messina, che «dopo il voto referendario col quale i cittadini italiani hanno detto no alla privatizzazione dell’acqua e, quindi, dei servizi di pubblica utilità più in generale, invitano il sindaco Giuseppe Buzzanca a trarre le naturali conseguenze del voto anche sulle scelte municipali». In particolare, Cgil e Uil si riferiscono – come scritto in un comunicato – al nodo Messinambiente e alla gara indetta per l’affidamento a privati dei servizi di raccolta e smaltimento rifiuti indetta dal sindaco e dall’ATO 3, nonostante il parere contrario delle organizzazioni sindacali che hanno denunciato il rischio di lievitazione dei costi e di disagi per i cittadini.

«La stragrande maggioranza dei cittadini italiani, e con loro i messinesi, col voto referendario hanno espresso chiaramente la loro contrarietà all’affidamento a privati dei servizi di pubblica utilità perché questo significa fare profitti sulla pelle delle persone e alzare i costi delle bollette – osservano i segretari generali di Cgil e Uil Messina, Oceano e Amato insieme a quelli di categoria Crocè e Lasagni-. Una indicazione chiara e netta che il sindaco di Messina non può ignorare o fare finta di non vedere».

Per Cgil e Uil, Buzzanca e Ruggeri, dopo il voto referendario, non possono proseguire nell’affidamento a privati del servizio oggi espletato dalla Messinambiente, società a totale capitale pubblico sul cui futuro il sindaco dovrebbe dare chiarimenti. «Si rispetti la volontà dei cittadini, si revochi immediatamente il bando e si convochi subito un Tavolo con le parti sociali per definire il futuro della azienda pubblica Messinambiente» concludono i dirigenti sindacali».

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007