Eolie. Fronte unito per il capodoglio impigliato nella rete da pesca. VIDEO

Eolie. Fronte unito per il capodoglio impigliato nella rete da pesca. VIDEO

Salvatore Di Trapani

Eolie. Fronte unito per il capodoglio impigliato nella rete da pesca. VIDEO

lunedì 20 Luglio 2020 - 13:46
Eolie. Fronte unito per il capodoglio impigliato nella rete da pesca. VIDEO

Il capodoglio, rimasto impigliato alle Eolie in una rete da pesca, non è ancora stato liberato del tutto. Il VIDEO della Guardia Costiera.

È una vera e propria corsa contro il tempo, quella per salvare il capodoglio rimasto impigliato in una rete da pesca alle Eolie. Il grande mammifero è stato avvistato in difficoltà da un gruppo di diportisti, che ha segnalato la vicenda alla sala operativa della Guardia Costiera di Lipari.

Le operazioni di soccorso

Nel corso della notte il capodoglio è stato costantemente monitorato dai mezzi navali della Guardia Costiera, già presenti sul posto. Alle operazioni di soccorso hanno preso parte il nucleo sub della Guardia Costiera di Napoli, il pattugliatore Peluso della Guardia Costiera, le motovedette della locale Capitaneria e un gruppo di biologi della zona, tra questi anche il fondatore del Museo del Mare di Milazzo Carmelo Isgrò. (In fondo all’articolo il VIDEO).

Il capodoglio è stato liberato da parte della rete nella quale era rimasto impigliato, ma sarà necessario intervenire ulteriormente per liberare del tutto la coda. Al momento si sta monitorando l’area di mare nella quale è stato avvistato. Le operazioni risultano particolarmente difficili, a causa delle dimensioni del mammifero e dello stato di agitazione nel quale si trova.

Eolie -19 Luglio 2020 attività di liberazione capodoglio.

Sono attualmente in corso le operazioni per liberare un esemplare di capodoglio impigliato in una rete da pesca a largo delle isole #Eolie. La #GuardiaCostiera è intervenuta sul posto nella giornata di ieri, a seguito di una segnalazione giunta alla Sala Operativa della Guardia Costiera di #Lipari da parte di alcuni diportisti che avevano avvistato l’esemplare in difficoltà avvolto in una rete. Nella nottata appena trascorsa, il capodoglio è stato continuamente monitorato grazie alla presenza in zona di alcuni mezzi navali della Guardia Costiera. Le operazioni di liberazione, tuttora in corso, vedono impegnati il nucleo sub della Guardia Costiera di Napoli, il pattugliatore Peluso della Guardia Costiera, motovedette della locale Capitaneria nonché alcuni biologi della zona.L’attività è resa particolarmente difficile dalle dimensioni dell’esemplare e dal suo stato di agitazione che non permette di prestare in modo continuativo l’assistenza in sicurezza.Dall'inizio dell'anno è stata molto intensa l’attività operativa della Guardia Costiera nel contrasto alla pesca illecita, soprattutto in specifiche aree dove il fenomeno risulta più accentuato. Dal mese di gennaio 2020 ad oggi, oltre ai mezzi presenti presso i Comandi del bacino Tirrenico meridionale, un impiego continuativo di assetti aereo-navali d'altura è stato garantito dalla Guardia Costiera, che per ben 80 giorni complessivi ha mantenuto in quel tratto di mare i propri mezzi eseguendo in totale 30 missioni dedicate, che hanno portato al sequestro di oltre 100 km di reti irregolari, analoghe a quella in cui è rimasto impigliato il capodoglio che in queste ore si sta monitorando, assistendo e tentando di liberare.

Publiée par Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera sur Dimanche 19 juillet 2020

Sui suoi canali social la Guardia Costiera ha sottolineato come, dall’inizio dell’anno, si è svolta un’intensa attività di contrasto alla pesca illegale. Dallo scorso gennaio, la Guardia Costiera ha garantito un impiego continuativo
di assetti aereo-navali d’altura affiancati dai mezzi dei Comandi del bacino Tirrenico meridionale. In 80 giorni sono state svolte 30 missioni, che hanno portato la sequestro di oltre 100 km di reti da pesca irregolari -lo stesso tipo di rete nella quale è rimasto impigliato il capodoglio che si sta tentando di salvare.

(Foto e video della Guardia Costiera).

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007