Città Metropolitana, Garofalo: "Fondamentale un sistema integrato dei trasporti" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Città Metropolitana, Garofalo: “Fondamentale un sistema integrato dei trasporti”

Città Metropolitana, Garofalo: “Fondamentale un sistema integrato dei trasporti”

lunedì 09 Giugno 2014 - 05:18
Città Metropolitana, Garofalo: “Fondamentale un sistema integrato dei trasporti”

“Nessuna integrazione è possibile in un territorio se non attraverso un sistema di collegamenti che funzioni”. Il deputato nazionale del Ncd Enzo Garofalo, componente della Commissione nazionale trasporti, interviene al Forum di Tempostretto sottolineando l’importanza di una rete di collegamenti efficiente ed integrata e si fa promotore di un incontro tra Comuni, Università ed ex Provincia.

La realizzazione di una “città metropolitana” alla quale aderiscano il maggior numero di Comuni rappresenta, a mio avviso, una straordinaria opportunità.

La migliore strada da percorrere, come già in altre occasioni ho avuto modo di sottolineare sposando la tesi sostenuta dai proff. Limosani e Gambino, per intercettare i finanziamenti stanziati dall'Unione Europea che non possiamo permetterci di non recuperare, è quella di aderire alla città metropolitana all'interno della quale ciascuno dei Comuni, pur continuando a mantenere la propria identità, impari a fare sistema con gli altri in modo da produrre l'effetto di realizzare un vero e proprio moltiplicatore di valore.

Per questo all'ARS il Nuovo Centrodestra si è battuto affinché non venissero cancellate le città metropolitane. Abbiamo vinto quella battaglia grazie all'approvazione dell'emendamento presentato dal collega Nino Germanà e oggi, ritengo che la sfida più importante sia dare contenuto concreto alla riforma se non vogliamo che il cambiamento resti solo sulla carta.

L'obiettivo, ora, è dare un senso alla costituzione di una città metropolitana che comprenda, almeno in una prima fase, i cinquantuno Comuni dell'area metropolitana. E il senso si può dare solo se tra questi Comuni si crea una rete, prima di tutto ritengo, forse per deformazione professionale in qualità di componente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, se si facilitano i collegamenti tra i Comuni perché soltanto attraverso collegamenti, via mare o via terra, efficienti si possono creare sviluppo e opportunità.

In quest'ottica, mi sono fatto promotore di una iniziativa che vede protagonisti l'Università e l'ex Provincia.

Come sapete è stato approvato un mio emendamento alla legge di stabilità grazie al quale si realizzerà uno Studio di fattibilità per affrontare il sistema di trasporto nello Stretto. Per predisporre questo Studio è stato istituito un Tavolo tecnico ministeriale del quale fanno parte anche il Commissario Straordinario della Provincia e il Rettore dell'Università di Messina. La mia proposta è che questo tavolo sia l'occasione per affrontare, insieme con i Sindaci dei Comuni dell'area metropolitana che manifesteranno interesse in questo senso, il nodo del trasporto integrato in modo che ciascun Comune diventi protagonista di un percorso condiviso.

Lo sviluppo di ogni territorio passa attraverso collegamenti che funzionino. Nessuna integrazione vi può essere e nessun “sistema” si può creare se non si ha questo come presupposto indefettibile.

I cittadini che appartengono ad un'area che possa davvero definirsi “area metropolitana” devono avere garantito un diritto alla mobilità interna, prima di tutto, e poi verso l'esterno. Nell'era in cui è diventato facile spostarsi da un lato all'altro del mondo non è immaginabile che siano difficoltosi i collegamenti tra Comuni che si trovano a poche decine di chilometri l'uno dall'altro.Io credo che l'istituzione di questo tavolo tecnico possa in quest'ottica rappresentare un valido strumento per studiare un sistema organico al fine di offrire una contiguità reale e non solo geografica tra territori, una contiguità che va intesa anche come uno stesso modo di intendere il progetto di sviluppo futuro.

Vincenzo Garofalo

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

10 commenti

  1. E’ il primo obbiettivo da raggiungere…molti miei amici della cintura dei comuni messinesi lavorano in citta’ e raggiungono il posto di lavoro in auto con costi e contrattempi notevoli……Mario ad esempio, lavora al policlinico e spesso USA l’auto per raggiungere il posto di lavoro………con un efficiente metroferrovia, pagando un abbonamento mensile, potrebbe fare Milazzo- Gazzi e ritorno con notevole risparmio di tempo e denaro….il sistema integrato dei trasporti con abbonamento e biglietto unico metro mare, metro ferrovia, tram etc….sara’ una delle priorità’ metropolitana. Questo e’ scontato….non le idee ed i progetti dei comuni metropolitani per la crescita e lo sviluppo, che le giunte dei comuni metropolitani devono impegnarsi a realizzare e presentare….e’ un’incognita….che sara’ presto, speriamo, colmata……….,serve una nuova stazione, un porto turistico, mezzi particolari per la raccolta dei rifiuti….etc…..e’ il momento giusto per richiedere quello che serve al proprio comune….

    0
    0
  2. E’ il primo obbiettivo da raggiungere…molti miei amici della cintura dei comuni messinesi lavorano in citta’ e raggiungono il posto di lavoro in auto con costi e contrattempi notevoli……Mario ad esempio, lavora al policlinico e spesso USA l’auto per raggiungere il posto di lavoro………con un efficiente metroferrovia, pagando un abbonamento mensile, potrebbe fare Milazzo- Gazzi e ritorno con notevole risparmio di tempo e denaro….il sistema integrato dei trasporti con abbonamento e biglietto unico metro mare, metro ferrovia, tram etc….sara’ una delle priorità’ metropolitana. Questo e’ scontato….non le idee ed i progetti dei comuni metropolitani per la crescita e lo sviluppo, che le giunte dei comuni metropolitani devono impegnarsi a realizzare e presentare….e’ un’incognita….che sara’ presto, speriamo, colmata……….,serve una nuova stazione, un porto turistico, mezzi particolari per la raccolta dei rifiuti….etc…..e’ il momento giusto per richiedere quello che serve al proprio comune….

    0
    0
  3. esattamente…..ma per avere un biglietto unico integrato …. non era necessaria l area metropolitana , ma la mobilità è centrale in ogni comunità !! vorrei solo azzardare però ai margini una mia opinione : si parla sempre di Messina che dovrebbe attrarre gli altri comuni , Ok ..può anche essere e d’altronde ospedali università lo stesso traghettamento vuoi o non vuoi fanno ,insieme alle dimensioni, di Messina calamita MA mi chiedo tutti i comuni limitrofi , piccolissimi , compreso Milazzo cosa apportano nella rete , perchè devono lamentarsi invece che proporsi ….. pochissima progettualità per una ex provincia che tranne qualche piccola oasi ha consigli comunali sciolti x mafia o in default … progetti zero e poco appetibile anche nei numeri fatti di poche migliaia di “consumatori” !! non sarebbe meglio per lor signori PARTECIPARE e a seguire OTTENERE benefici che diversamente MAI avrebbero da soli ?? o intendono essere ancora più isolati ….LAVORARE PLEASE compreso mister Accorinti CMQ !!

    0
    0
  4. esattamente…..ma per avere un biglietto unico integrato …. non era necessaria l area metropolitana , ma la mobilità è centrale in ogni comunità !! vorrei solo azzardare però ai margini una mia opinione : si parla sempre di Messina che dovrebbe attrarre gli altri comuni , Ok ..può anche essere e d’altronde ospedali università lo stesso traghettamento vuoi o non vuoi fanno ,insieme alle dimensioni, di Messina calamita MA mi chiedo tutti i comuni limitrofi , piccolissimi , compreso Milazzo cosa apportano nella rete , perchè devono lamentarsi invece che proporsi ….. pochissima progettualità per una ex provincia che tranne qualche piccola oasi ha consigli comunali sciolti x mafia o in default … progetti zero e poco appetibile anche nei numeri fatti di poche migliaia di “consumatori” !! non sarebbe meglio per lor signori PARTECIPARE e a seguire OTTENERE benefici che diversamente MAI avrebbero da soli ?? o intendono essere ancora più isolati ….LAVORARE PLEASE compreso mister Accorinti CMQ !!

    0
    0
  5. belle chiacchiere

    0
    0
  6. belle chiacchiere

    0
    0
  7. Area (fritta) metropolitana . Ansiosi di conoscere lo studio di fattibilità di un tavolo…. Dopo la poltrona già realizzata da un pezzo. Ieri 3 ore e mezzo dall’aeroporto dello stretto di R.C. o € 42,50 di taxi per Villa S.Giovanni a MESSINA. Un popolo di schiavi felice di essere tale.

    0
    0
  8. Area (fritta) metropolitana . Ansiosi di conoscere lo studio di fattibilità di un tavolo…. Dopo la poltrona già realizzata da un pezzo. Ieri 3 ore e mezzo dall’aeroporto dello stretto di R.C. o € 42,50 di taxi per Villa S.Giovanni a MESSINA. Un popolo di schiavi felice di essere tale.

    0
    0
  9. Pgiuttari, ti stai lamentando della situazione attuale.
    L’area dello Stretto dipende dalle due regioni…….le carenze ci sono…eccome…..Palermo e Catanzaro non hanno alcun interesse per lo Stretto…sono cosi lontane.
    La città’ metropolitana avrà’ il potere di chiedere direttamente, senza il filtro super taglione regionale.
    Speriamo che il nascente sistema metropolitano migliori servizi e qualità’ della vita dei cittadini.
    E’ un treno da prendere al volo…..il no, sempre e comunque, rinunciare a qualsiasi progetto non porta lontano.

    0
    0
  10. Pgiuttari, ti stai lamentando della situazione attuale.
    L’area dello Stretto dipende dalle due regioni…….le carenze ci sono…eccome…..Palermo e Catanzaro non hanno alcun interesse per lo Stretto…sono cosi lontane.
    La città’ metropolitana avrà’ il potere di chiedere direttamente, senza il filtro super taglione regionale.
    Speriamo che il nascente sistema metropolitano migliori servizi e qualità’ della vita dei cittadini.
    E’ un treno da prendere al volo…..il no, sempre e comunque, rinunciare a qualsiasi progetto non porta lontano.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007