Procacciava connazionali per farle prostituire. Romeno in manette - Tempostretto

Procacciava connazionali per farle prostituire. Romeno in manette

Procacciava connazionali per farle prostituire. Romeno in manette

sabato 03 Settembre 2011 - 12:01

Non soddisfatto dalla prestazione sessuale, il cliente ha preteso dall'arrestato la restituzione dei 200 euro pagati. E quando sono arrivati i Carabinieri è stato lui stesso a denunciare il procacciatore.

Per 200 euro si era impegnato a procacciare due ragazze, sue connazionali, ad un cliente di Furci Siculo. Ieri pomeriggio in manette è finito un trentacinquenne romeno, A.G., che deve rispondere di sfruttamento della prostituzione. Il suo arresto è scattato dopo che alcuni passanti hanno richiesto l’intervento dei Carabinieri per una lite tra due uomini. Cliente e intermediario stavano animosamente discutendo perché il cliente, non soddisfatto delle prestazioni fornite dalle due ragazze, che nel frattempo si erano allontanate, pretendeva dal procacciatore la restituzione della somma versata. È statolo stesso cliente a apiegare ai militari, nel frattempo intervenuti, cosa fosse successo. La perquisizione indosso al romeno ha permesso ai carabinieri di rinvenire i 200 euro versati dal cliente e subito dopo il suo arresto è stato portato al carcere di Gazzi.

Tag:

Un commento

  1. prova

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007