Ridimensionato il sequestro milionario a Francantonio Genovese - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ridimensionato il sequestro milionario a Francantonio Genovese

Alessandra Serio

Ridimensionato il sequestro milionario a Francantonio Genovese

sabato 16 Dicembre 2017 - 18:25
Ridimensionato  il sequestro milionario a Francantonio Genovese

Il Riesame esclude il riciclaggio e conferma l'evasione fiscale, riducendo da 16 a 4 milioni di euro l'ammontare del sequestro disposto il 23 novembre scorso.

Regge l’ipotesi di evasione fiscale, cade quella di riciclaggio per tutti gli indagati. Restituiti a Chiara Schirò tutti i beni sequestrati. Esce parecchio ridimensionato dal vaglio del Riesame il sequestro operato dalla Procura di Messina sui beni della famiglia di Francantonio Genovese.

Il Tribunale (presidente Francesco Antonio Genovese) ha confermato l’impianto generale delle ipotesi di reato, accogliendo in parte le tesi della difesa.

Si è quindi ridotto notevolmente l’ammontare del sequestro per equivalente, da 16 milioni a 4 milioni di euro. Nel mirino della Finanza erano finite la fiduciaria L&A e la Ge.Pa, intestate prima a Francantonio poi in gran parte ai figli ed alla moglie.

“La lettura del dispositivo depositato oggi, a due giorni dalla lunga camera di consiglio, nel corso della quale la difesa ha contestato punto su punto il decreto di sequestro, dice a chiare lettere che nessuna ipotesi di riciclaggio sussiste, in relazione alle somme detenute, sin dagli anni 70, in paesi esteri dal senatore Luigi Genovese, trasferite negli anni al figlio Francantonio e da questi rimpatriate – commenta l’avvocato Nino Favazzo – Il Tribunale del Riesame ha accolto in pieno la tesi difensiva della insussistenza del delitto di riciclaggio contestato a tutti i miei assistiti, confermando il sequestro solo in relazione alle residue ipotesi di sottrazione al pagamento delle imposte. Due ed entrambi importanti, dunque, i risultati ottenuti in questa prima fase di contraddittorio. Dopo il deposito della motivazione, ricorreremo senz’altro in cassazione per vedere annullato, nella sua interezza, il provvedimento cautelare.”

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Come sempre, partono alla carica e poi si ridimensionano………………………ma questo come si chiama?

    0
    0
  2. W L’ITALIA…LA CORRUZIONE VA AVANTI E LA BRAVA GENTE NON HA SPERANZE….MI VERGOGNO DI ESSERE NATO…IN ITALIA.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007