I soldi spariti dalla cassa della Cucuzzella Group, nuova ndagine su Patrizia - Tempo Stretto

I soldi spariti dalla cassa della Cucuzzella Group, nuova ndagine su Patrizia

Alessandra Serio

I soldi spariti dalla cassa della Cucuzzella Group, nuova ndagine su Patrizia

sabato 19 Maggio 2018 - 07:30
I soldi spariti dalla cassa della Cucuzzella Group, nuova ndagine su Patrizia

Il giudice ha chiesto agli investigatori di approfondire la vicenda dei 650 milioni di euro spariti da tre casseforti della famiglia di Sant'Alessio. Al centro, il ruolo di Patrizia Cucuzzella.

E’svolta nelle indagini sul ruolo di Patrizia Cucuzzella nella sospetta sparizione di circa 650 mila euro in contanti. La vicenda, venuta a galla dopo la denuncia di altri familiari, è andata al vaglio del giudice per le indagini preliminari Maria Militello, che ha respinto la richiesta della Procura di archiviare il fascicolo ed ha rinviato gli atti al PM, chiedendo un approfondimento.

giudice ha disposto alcuni accertamenti specifici, chiedendo agli investigatori di accertare, ad esempio, eventuali acquisiti o investimenti effettuati dall’indagata nel periodo successivo alla presunta sparizione. Poi la Procura tornerà a tirare le fila di tutto e deciderà se reiterare la richiesta di archiviazione o elevare una imputazione nei confronti della donna.

Il fatto risale al periodo in cui Giovanni Cucuczzella, fratello della donna e patron della omonima azienda di laterizi di Sant’Alessio Siculo, era ai domiciliari nell’ambito dell’operazione Case Fantasma. La sorella avrebbe svuotato tre casseforti di famiglia che conteneva 650 mila euro in contanti. Con lei ci sarebbe stato il fratello Salvatore, che avrebbe ammesso il fatto ai carabinieri, andando a depositare alcuni file audio registrati in azienda. Le casseforti erano state letteralmente "prelevate" dall'abitazione perché il denaro arrivasse in azienda. Ma a dire di Salvatore, i soldi non sarebbero mai arrivati al gruppo.

Patrizia, inoltre, avrebbe letteralmente "bastonato" una collaboratrice dell'impresa, incaricata dal fratello Giovanni di aprire la cassaforte e prelevare il denaro. per questo fatto è stata citata a giudizio diretto dalla Procura: il giudizio si celebrerà a dicembre prossimo. La donna assistita dall'avvocato Giancarlo Padiglione.

La Procura non era convinta della denuncia, e il PM Antonio Carchietti aveva chiesto l’archiviazione. Ma il GIP Militello ha voluto, prima di decidere, che si effettuasse una indagine più accurata. Giovanni e Salvatore Cucuzzella sono assistiti dagli avvocati Salvatore Silvestro e Fabio Di Cara.

Intanto Giovanni Cucuzzella attende l'esito del processo di primo grado, che lo vede alla sbarra per evasione fiscale. Il giudice attende ora la relazione di un ulteriore consulente, incaricato di rivedere gli incartamenti contabili sequestrati alla Cuccuzzella Group, a fondamento dell'accusa mossa dai finanzieri e dalla Procura.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007