Tenta il suicidio dopo la condanna, salvato da un carabiniere - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Tenta il suicidio dopo la condanna, salvato da un carabiniere

Alessandra Serio

Tenta il suicidio dopo la condanna, salvato da un carabiniere

mercoledì 13 Gennaio 2016 - 13:25
Tenta il suicidio dopo la condanna, salvato da un carabiniere

È successo ieri in Tribunale. L'uomo ha provato a lanciarsi dalla balaustra della Corte d'Appello. È stato salvato in extremis da un militare. Il condannato ne è uscito illeso, il carabiniere si è rotto un braccio.

Ha subito una pesante condanna che riteneva ingiusta il trentenne che ieri ha provato il suicidio in Tribunale. A sventare il tentativo è stato l’intervento tempestivo di uno dei Carabinieri in servizio a Palazzo di Giustizia, che ne è uscito con un braccio rotto.

L’uomo stava seguendo un suo processo nell’aula della Seconda sezione del Tribunale. Quando i giudici hanno emesso il verdetto di condanna ha perso la testa. Urlando e inveendo, tremante, ha attraversato i lunghi corridoi, è salito in Corte d’Appello, al primo piano, e ha minacciato di lanciarsi dalla balaustra, per ricadere nell’atto.

Quando il militare del posto fisso all’ingresso è arrivato, l’uomo aveva già messo un piede oltre la balaustra, la gamba penzolante nel vuoto. Per riportarlo in sicurezza è servita parecchia forza al carabiniere.

Quando é attivata l’ambulanza, il condannato sconvolto è stato controllato, ma non aveva un graffio, anche se era ancora in stato confusionale. L’uomo in divisa, invece, è dovuto andare in ospedale per sottoporsi ad una radiografia al braccio, seriamente lesionato.
(Alessandra Serio)

Tag:

2 commenti

  1. E’ solo il principio ? Sicuramente qualcosa non funziona bene nella Seconda sezione penale ?
    Mi auguro che il nuovo Presidente della corte D’appello (persona distinta ) si renda conto che la seconda sezione penale è giunta l’ora di cambiare i giudici e ovviamente il suo presidente.

    Mi auguro che si prenda gli opportuni provvedimenti ,l’acqua stagnante fa sempre male.

    0
    0
  2. E’ solo il principio ? Sicuramente qualcosa non funziona bene nella Seconda sezione penale ?
    Mi auguro che il nuovo Presidente della corte D’appello (persona distinta ) si renda conto che la seconda sezione penale è giunta l’ora di cambiare i giudici e ovviamente il suo presidente.

    Mi auguro che si prenda gli opportuni provvedimenti ,l’acqua stagnante fa sempre male.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x