Mafia: sentenza d'appello con "sconto" per Saro Cattafi: non e' un boss - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Mafia: sentenza d’appello con “sconto” per Saro Cattafi: non e’ un boss

Alessandra Serio

Mafia: sentenza d’appello con “sconto” per Saro Cattafi: non e’ un boss

martedì 24 Novembre 2015 - 17:45
Mafia: sentenza d’appello con “sconto” per Saro Cattafi: non e’ un boss

Scende da 12 a 7 anni la condanna per l'avvocato considerato riciclatore dei soldi del clan di Barcellona e in contatto con gli apparati dello Stato. Confermate le condanne per gli altri boss. Il verdetto della Corte d'appello conferma anche i risarcimenti per i comuni e le associazioni delle vittime di mafia.

Non è un boss, ma l’accusa di associazione mafiosa resta in piedi. Scende da 12 a 7 anni la condanna per Rosario Pio Cattafi, il colletto bianco del clan del Longano considerato dagli inquirenti l'anello di congiunzione tra i clan di Barcellona e Catania e le istituzioni, a suo agio nei rapporti con i servizi segreti, pronto a riciclare denaro per conto delle Organizzazioni criminali locali, e con quest’accusa arrestato nel corso del blitz Gotha 3 e ad oggi rinchiuso al regime del carcere duro.

Ad offrirgli lo sconto di pena è la Corte d’Appello di Messina che oggi ha pronunziato la sentenza, alla fine di un acceso processo di secondo grado. Rispetto alla sentenza di primo grado, i giudici hanno escluso per Cattafi, difeso dagli avvocati Salvatore Silvestro e Giambattista Freni, l’aggravante di essere capo promotore dell’associazione mafiosa e rideterminato la pena a sette anni, cioè quanto già stabilito in altri giudizi per gli imprenditori accusati di concorso esterno.

I giudici hanno rideterminato la pena anche per Agostino Campisi, innalzandola di 2 anni in continuazione con altre sentenze divenute nel frattempo definitive (4 anni e 4 mesi in primo grado). Infine per tutti gli altri è arrivata la conferma integrale delle accuse.

IL VERDETTO DEL 16 DICEMBRE 2013: 6 anni e 8 mesi per Tindaro Calabrese, il boss dei Mazzarroti duro e puro, anche lui al 41 bis, 7 anni e mezzo per il cassiere del clan, Giuseppe Isgrò, 5 anni e 8 mesi per il boss Giovanni Rao, di Castroreale, 4 anni e 8 mesi per il barcellonese Salvatore Carmelo Trifirò.

Confermate anche le liquidazioni alle parti civili costituite: i comuni di Mazzarrá Sant'Andrea e Barcellona, l'Associazione Vittime della Mafia, l'Associazione antimafia Pio La Torre; la Sicilsaldo, Giacomo Venuto, titolare della Venumer, l'impresa che denunció di essere sarà sottoposta al racket durante i lavori alla galleria Scianina- Tracocia sulla A20, teatro di molti incidenti, anche mortali, anche a causa delle lungaggini nei lavori. Infine Patrizia Torre, titolare dell'impresa attiva nel settore inerti e movimento terra; anche loro hanno denunciato il pizzo, e l’altro imprenditore che ha deciso di testimoniare contro i clan, Nino Alesci. Risarcimenti anche per il pentito Carmelo Bisognano, ex capo del clan di Mazzarrá, e l'avvocato Fabio Repici, grande accusatore di Cattafi, a sua volta accusato da Cattafi di "macchinare" contro di lui.

I giudici di secondo grado hanno inoltre trasmesso alla Procura il verbale della copia delle dichiarazioni rese in aula da Antonino Torre: saranno approfondite dagli investigatori.L’accusa in appello è stata retta dal PG Salvatore Scaramuzza, in tutte le udienze affiancato dai PM della DDA Vito Di Giorgio e Angelo Cavallo. Hanno difeso gli avvocati Tommaso Calderone, Giuseppe Lo Presti, Giuseppe Carrabba, Pinuccio Calabró, Tino Celi, Alessandro Cattafi, Tommaso Autru Ryolo.

(Alessandra Serio)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007