Il ritorno di De Luca. La diretta: "consiglieri Piddioti. L'11 luglio nuova giunta" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il ritorno di De Luca. La diretta: “consiglieri Piddioti. L’11 luglio nuova giunta”

Rosaria Brancato

Il ritorno di De Luca. La diretta: “consiglieri Piddioti. L’11 luglio nuova giunta”

domenica 05 Luglio 2020 - 22:05
Il ritorno di De Luca. La diretta: “consiglieri Piddioti. L’11 luglio nuova giunta”

A sorpresa il sindaco torna con una diretta serale

LA DIRETTA– A sorpresa il sindaco, che aveva annunciato il suo ritorno ufficiale con la diretta di lunedì 6 da Palazzo Zanca, ha anticipato alle 21.45 un primo “assaggio” di quel che saranno gli argomenti che affronterà. In diretta alle 21.45 ha iniziato con la parabola dei talenti. Di seguito la diretta facebook ed on line

Consiglieri Piddioti

Nella diretta è tornato il sindaco pre-covid e tutte le frecciate sono nei confronti dei consiglieri comunali, dal presidente Cardile ai 4 consiglieri Pd (definiti “piddioti”), rei di avere presentato un’interrogazione sulla sua prolungata assenza. De Luca non ha risparmiato neanche La Tona (Sicilia Futura) che aveva proposto le dimissioni collettive “mi fareste un favore perchè al posto vostro verrebbe un commissario e tutto sarebbe più veloce”. Al presidente del consiglio comunale ha ricordato che ci sono delibere ferme da gennaio.

Sabato nuova giunta

Il sindaco annuncia poi che sabato prossimo 11 luglio ci sarà la nuova giunta, confermando quindi quel rimpasto annunciato da mesi e mai attuato. Sulla questione della sfiducia il sindaco ha invitato i consiglieri a raccogliere 17 firme per poter eventualmente andare ad elezioni ad ottobre. Nuovi attacchi poi nei confronti del consigliere comunale Alessandro Russo in base alle indiscrezioni che qualcuno che gli avrebbe fornito su sue dichiarazioni. “Non gli permetto di mettere in discussione la mia moralità” Altri attacchi ad Antonio De Luca M5S in merito agli interventi su Galati Marina. “Io sono tornato, non carico, ma di più. Il lavoro che abbiamo fatto in questi due anni non consento a nessuno di sporcarlo”

Raccogliete 17 firme e mi dimetto

In ultimo ha ribadito di essersi fermato due mesi solo per stare accanto a suo padre che sta male “aveva bisogno di me, era mio dovere fermarmi e dargli assistenza. Ora inizia a rialzarsi. Posso tornare ma farei altre mille volte quello che ho fatto. Entro venerdì potremo presentare la relazione di questi due anni. Agli imbecilli che hanno governato prima di me ricordo che non mi avete lasciato niente. Fatemi vedere le vostre relazioni, cari Accorinti e sodali. Visto che non vi vado bene raccogliete 17 firme e io mi dimetto”. La frase conclusiva è per i fans: “voi siete la mia adrenalina”

SI RIPARTE CON UNA MARCIA IN PIÙ! (Vi risulta che ci eravamo mai fermarti???)In diretta dal ristorante Aloha Mare, Santa Teresa di Riva.

Publiée par De Luca Sindaco di Messina sur Dimanche 5 juillet 2020

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

9 commenti

  1. Con la consigliera PD Antonella Russo rischia di andare a sbatterci il muso, perché oltre ad essere moto attenta e preparata ha anche più attributi di tutti gli urlatori di professione che popolano la scena politica, sindaco compreso. Io la vedrei bene come primo sindaco donna di Messina. Siamo abbastanza vicini al fondo del barile.

    19
    11
  2. Suona una zampogna nella notte…

    8
    4
    1. Oltre alla zampogna hai qualcos’altro da dire o più di lì non arrivi?

      0
      0
  3. Arcistufo per scrivere questo commento , avrai sicuramente legami di parentela con la signora . Resta il fatto che De Luca non sbatte mai il muso , i suoi discorsi sono stralunghi per via della inadeguatezza del presidente del consiglio e nel contempo a differenza degli altri, lui snocciola numeri e fatti , gli altri compresa la signora retorica di pessima fattura .

    0
    0
  4. Franco Fabiano 6 Luglio 2020 08:35

    ” il lavoro fatto in questi due anni non consento a nessuno di sprecarlo ” Di quale lavoro parla questo soggetto? La città è più sporca e più degradata di prima. Una città povera…in tutti i sensi, una città incattivita e lui è il primo responsabile!

    13
    9
    1. Nstwviva il duce 6 Luglio 2020 16:21

      Hai ragione la città l’ha ripulita chi ha preceduto De Luca, in tutti i sensi però.

      0
      0
  5. bonanno giuseppe 6 Luglio 2020 09:08

    piu xxxxxxx di lui non esiste nessuno……ER MUTANDA ……è diventato il classico rappresentante del BUDDACE……(proprio bocca larga)…..non sono un fans PD….ma quando ci vuole.

    9
    6
  6. Questa banda di incapaci e dilettanti allo sbaraglio prima vanno a casa e meglio è chiaramente con lo zampognaro in testa

    0
    0
  7. Ma che isola felice era questa città prima di De Luca. Lui sta distruggendo tutto ciò che quelli che c’erano prima avevano fatto così bene. Peccato che Accorinti e la sua giunta dovranno comparire in tribunale per il loro operato di XXXXX XXXXX, Messina aveva perso circa 400 milioni di euri e il seguito è tutto da scoprire.

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007