Il turismo a Messina non decolla. Tutti i dati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il turismo a Messina non decolla. Tutti i dati

Danila La Torre

Il turismo a Messina non decolla. Tutti i dati

martedì 24 Settembre 2019 - 07:30
Il turismo a Messina non decolla. Tutti i dati

MESSINA – Dinanzi a sé le limpide acque dello Stretto di Messina e del mar Tirreno in cui “specchiarsi; alle spalle i Peloritani, che vegliano su di lei dall’alto e la proteggono. Dal punto di vista paesaggistico e naturalistico Messina ha ben poco da invidiare a qualsiasi altra città del mondo, e delle sue bellezze- unitamente alla sua storia, alle sue tradizioni ed anche alla sua enogastronomia –  potrebbe farne una inesauribile fonte di ricchezza. In riva allo Stretto però il turismo non decolla, e quello che da sempre avrebbe potuto rappresentare un settore strategico per lo sviluppo della città resta una grande incognita. Qualche passo avanti in questi anni è stato fatto, ma i risultati sono ancora scadenti. Come dimostrano i dati del report “La città in cifre”.

Strutture ricettive

Nell’anno 2018 , le strutture ricettive del territorio del Comune risultano in aumento (+14,3%), in modo più marcato rispetto alla provincia (+6, 8%) ed alla Regione (+6,0%). In città infatti si passa da 84 a 96 esercizi ricettivi, pari al 7,2% dell’intera provincia. Tale dato registra, negli ultimi anni, un segnale di leggera,mma continua, crescita: si passa infatti dal +5,9% del 2015 al +7,2 del 2018.

Rispetto all’anno precedente crescono gli esercizi extra alberghieri, in città del +20,97%, in provincia del 9,2% e nell’intera Sicilia del 7,1%. In particolare nel comune di Messina si registra la crescita dei B&B (+22,45%) e degli Alloggi in affitto gestiti in forma imprenditoriale (+18,2%). Si registra invece una decremento degli esercizi alberghieri (-4,5%), determinato dal crollo degli alberghi a 3 stelle (-16,7%). Dati questi in controtendenza rispetto alla provincia (+5%) ed alla Regione (+1%) rispetto all’anno precedente. Tale contrazione ha determinato una perdita complessiva di posti letto del -0,9% rispetto al 2017 molto meno marcata rispetto al 2015, rispetto cui si registrano 1.100 posti letto in meno (-33,5%) di cui 517 nelle strutture alberghiere e 583 in quelle extra alberghiere.

I posti letto

La dotazione di posti letto in città è del 4,47% dell’intera regione e del 23,6% dell’intera provincia. Seppur in diminuzione rispetto al 2015, continua il trend di crescita dei posti letto in tali ultime strutture +100 posti letto in alloggi in affitto gestiti in forma imprenditoriale (+23,65%) e +145 posti letto nei B&B. (+19,54%) ad evidenziare un segnale di importante modifica dell’offerta, da strutture alberghiere alle extra alberghiere di facile gestione, non crescono infatti villaggi e campeggi, ostelli, e altri esercizi ricettivi.

Movimento turistico

Interessanti i dati relativi al movimento turistico nella città di Messina.

In città nel 2018, i dati dell’Osservatorio Turistico Regionale, indicano che sono state 65.062 le presenze e 26.167 gli arrivi complessivi.

Le presenze italiane sono state 52.571 (81%), prevalentemente provenienti dalla Sicilia (44,12%), dalla Calabria (9,77%), dalla Lombardia (8,25%), Campania (7,57) e Lazio (6,97%). Basso il numero di presenze dei residenti in Molise (0,23%). Trentino Alto Adige (0,37%), Umbria (0,46%), Basilicata (0,5%), Abruzzo (0,63%) e Sardegna (0,64%).

Le presenze straniere (12.491 più elevate sono state registrate per i cittadini Europei (67%) e tra queste quelle dei turisti provenienti dalla Germania (14%), Francia (12%), Regno Unito (10%), Spagna (8%) e Paesi Bassi (7%).

Importante, in termini numerici, la presenza dei turisti Americani (9,11%), da segnalare la presenza di cittadini dei paesi asiatici (8%).

In termini di permanenza media, hanno soggiornato maggiormente in città i cittadini del Portogallo (6,7 giorni), della Croazia (5,85), della Slovacchia (5,75), del Venezuela (4,7) e del Lussemburgo (4,4). Superiori al dato medio comunale anche i turisti provenienti da Paesi Bassi (3,65), Danimarca (3,47), Estonia (3,45), Grecia (3,24), Bulgaria (3,18) e Norvegia (3,00). Consistenti anche le presenze per egiziani (6 giorni) e Altri paesi africani (7,8).

Tra gli italiani, hanno soggiornato maggiormente i cittadini provenienti dalla Liguria (3,64 giorni), dal Friuli Venezia Giulia (2,87), dall’Emilia Romagna (2,77), dalla Sicilia (2,73), dalla Toscana (2,62), dal Piemonte (2,61) e dalla Lombardia (2,57).

Tasso di ricettività

Il rapporto tra posti letto e superficie comunale è piuttosto basso (10.3 letti per kmq). L’analisi del tasso di ricettività, dato dal rapporto tra i posti letto turismo e la popolazione media residenti è significativamente più basso (9 posti letto ogni 1000 abitanti) rispetto alla provincia (74 posti letto ogni 1000 abitanti) ed alla Sicilia tutta (38 circa ogni 1000 abitanti).

Tasso di turisticità

Messina non è una città turistica, come si evince dal tasso di turisticità, che rappresenta l’effettivo peso del turismo rispetto alle dimensioni della zona, ottenuto dividendo il numero medio di turisti (ossia il rapporto tra presenze e numero di giorni del periodo considerato).

Se la provincia di Messina gode del tasso più elevato (15,25), seguita dalla della Regione Sicilia (8,27) , il Comune di Messina si ferma all’ 0,76 nel 2018 , addirittura in diminuzione rispetto all’anno precedente e in netta controtendenza a quanto avviene per Regione e Provincia.

Il crocierimo

Il crocierismo è un settore nel quale Messina negli ultimi anni ha ottenuto ottimi risultati. Eppure, nell’ anno 2018 c’è da registrare un leggero decremento del movimento crocieristico in città rispetto all’anno precedente (- 4,57%), pari a 17.831 croceristi in meno. “La serie del movimento degli ultimi 5 anni – viene specificato nel report – mostra comunque una certa stazionarietà dell’importante settore. Nel porto, nell’ultimo anno sono attraccate ben 172 navi con 8.790 imbarchi e 8.965 sbarchi”.

Necessario un cambio di passo

Alla luce dei dati del report è evidente che Messina, città dalle molteplici potenzialità, ha bisogno di un netto cambio di passo nel settore turistico.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. È mancata ed ancora manca una visione ed una seria programmazione in questo settore. Servono sinergie tra pubblica amministrazione ed iniziativa privata, per creare un progetto serio. In questi anni ci si è cullati del crocierismo, che per quanto rappresenti un’importante realtà, non può sostenere ne rilanciare un’economia turistica. Il turista deve essere trattenuto in città, il turista deve dormire e consumare nella città. Messina ha molto da offrire su tutti i fronti, ma bisogna sconfiggere l’incuria, la bruttura, l’indolenza nella quale questa città sprofonda. La scusa che abbiamo Taormina vicina non regge, perche’ possiamo dare natura e paesaggio, cultura, mare, cibo, sport, eventi. Un progetto che parta da un nocciolo duro ma scalabile espandibile.

    4
    0
  2. Si parla di turismo in una città che ha tante bellezze, ma nulla da offrire, il turista pagante vuole servizi pulizia e buona educazione, cose che mancano in città.
    E bisogna anche dire che i dati sono sul dichiarato e non si tiene conto del sommerso, siamo sicuri visto alto tasso di case sfitte a Messina non sia un caso ? ma per verificare questo non ci vuole molto basta uscire e andare a controllare o sbaglio ?……

    0
    0

Rispondi a Francesco Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007