Impianti di telefonia mobile a Sperone. La denuncia del Gruppo PEAT - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Impianti di telefonia mobile a Sperone. La denuncia del Gruppo PEAT

Francesca Cali

Impianti di telefonia mobile a Sperone. La denuncia del Gruppo PEAT

sabato 04 Maggio 2019 - 08:18
Impianti di telefonia mobile a Sperone. La denuncia del Gruppo PEAT

Il gruppo spontaneo, che da anni si batte per la tutela del territorio ,pone l’attenzione sull’aumento degli impianti di telefonia mobile nella zona nord della città con conseguente aumento dei rischi per la salute dei residenti.

Tutela della salute e dell’ambiente. È quanto chiedono  gli esponenti del Gruppo Spontaneo PEAT, che denunciano il proliferare di impianti per la telefonia mobile nella zona di Sperone e villaggi limitrofiUna denuncia lunga anni visto che già nel 2015 il Gruppo Spontaneo PEAT  ha presentato all’URP di Palazzo Zanca una petizione popolare sottoscritta da 316 firmatari per chiedere la sospensione immediata del rilascio di ulteriori autorizzazioni e attivazioni di installazioni di impianti di telefonia mobile. Tuttavia negli anni le richieste di intervento dei residenti di Sperone,Serri,Faro Superiore,Papardo,S.Agata e Ganzirri, sono rimaste inascoltate. Al contrario il numero degli impianti radiotelefonici è aumentato,e non solo nella zona ma su tutto il territorio comunale.

A preoccupare i residenti l’aumento all’esposizione di campi e onde elettromagnetiche, visto che negli anni l’installazione dei ripetitori è stata autorizzata a ridosso delle abitazioni, e vicino a zone sensibili quali asili, scuole,chiese, ospedali e arie di aggregazione. Oltre che il rischio legato all’emissioni, i residenti denunciano anche l’assenza di segnaletica,illuminazione e di tutti i dispositivi di sicurezza quali barriere di protezione,centraline di monitoraggio e segnalatori luminosi e sonori, che secondo le normative dovrebbero essere poste nei pressi degli impianti. Negli anni si è più volte ricorso, inoltre, all’intervento dei Vigili del Fuoco allertati dai residenti spaventati dall’oscillazione dei ripetitori causata da forti raffiche di vento.

Come chiarito dal portavoce del Gruppo PEAT, Massimo Giordano, oltre che la propria incolumità e la propria salute, i residenti cercano di tutelare il territorio sottolineando l’impatto negativo che la presenza di questi impianti ha sull’ambiente considerato che nelle vicinanze si trovano zone sottoposte alla tutela della Soprintendenza e Zone di Protezione Speciale, ma anche i danni materiali legati al deprezzamento del valore di mercato dei loro immobili.

“Quello che chiediamo-ha sottolineato Giordano– è la verifica e il monitoraggio di tutti gli impianti esistenti e dei valori di emissioni rilasciati da essi. Ma cosa più importante l’attivazione di piani di risanamento previsti dalle normative vigenti”.

Secondo la Legge quadro sulla protezione dalle esposizione a campi elettrici,magnetici e elettromagnetici, dal 2001 i Comuni hanno la facoltà di adottare un regolamento che disciplini il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti così da minimizzare l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Ad oggi il Comune di Messina risulta sprovvisto di questa regolamentazione. Tuttavia, una prima bozza di un Regolamento per l’installazione degli impianti di teleradiocomunicazione e per la tutela della popolazione dai campi elettromagnetici, presentata da Giovanni Caruso, è all’esame della Commissione Ambiente, in attesa dei pareri dei dirigenti dei dipartimenti competenti.

In attesa dell’approvazione del Regolamento, il Gruppo Spontaneo PEAT chiede con urgenza l’intervento in autotutela del sindaco De Luca, al fine di garantire la tutela della sicurezza cittadina , della salute e dell’ambiente avviando la sospensione e la rimozione cautelativa degli impianti considerati pericolosi. Per questo risulta necessario avviare la realizzazione di un nuovo censimento degli impianti disposti su tutto il territorio cittadino, oltre che il censimento di tutti i proprietari di terreni, case e immobili della zona così da garantire loro un rimborso o sgravio dalle tasse per tutto il periodo di permanenza delle installazioni.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. maria bottari 4 Maggio 2019 12:48

    Sindaco accogli la richiesta e implementa l’ordine, sono richieste legittime!!!
    il comune non tutela niente e nessuno Pensi l’esagerazione…
    non siamo riusciti a far mettere una tettoia di trasparente perché il riflesso creava disagi agli uccelli migratori, invece l’impiantistica della telefonia che produce onde magnetiche che creano danno alla salute del cittadino è possibile inserirla in abbondanza senza rispetto alcuno.
    mi chiedo perché continuiamo a pagare le tasse.
    ora spetta al sindaco farci rispettare.

    2
    0
  2. A parte che l ARPA monitora i livelli di campo elettro magnetico perche siano a norma e quindi non possano influire negativamente sulla salute dell uomo.A me starebbe anche bene se firmassero una petizione per non implementare i trasmettitori. Ma nella vita ci vuole coerenza, poi non ci lamentiamo con i gestori che la copertura fa schifo che non si riesce a navigare, che non possiamo entrare su facebook, o rispondere agli articoli di Tempostretto, perchè la navigazione è lenta…E’ ovvio che con l aumentare del progresso e delle tecnologie, servono più antenne che soddisfino tali esigenze.. E come siamo carini a mostrare gli ultimi telefonini, con tutte queste meravigliose prestazioni.. 3G- 4G e addirittura il 5G… IL download l upload. Ma scusate ma come pensate che si possano avere prestazioni sempre migliori, migliorando la rete telefonica, l importante da parte delle società telefoniche è rispettare norme e livelli.. altrimenti visto che si ha paura, ritorniamo ai vecchi tempi, mattoncino e solo telefonate.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007