Inquinamento all'Arsenale di Messina, due direttori a giudizio - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Inquinamento all’Arsenale di Messina, due direttori a giudizio

Alessandra Serio

Inquinamento all’Arsenale di Messina, due direttori a giudizio

martedì 14 Luglio 2020 - 08:00
Inquinamento all’Arsenale di Messina, due direttori a giudizio

Saranno processati per inquinamento ambientale due ex direttori dell'Arsenale militare di Messina, sequestrato per scarichi abusivi

Comincerà il prossimo 26 febbraio il processo sull’inquinamento all’Arsenale Militare di Messina, sequestrato dalla Capitaneria nel 2018 dopo la segnalazione di alcuni scarichi abusivi nel bacino.

Alla sbarra ci saranno soltanto due dirigenti: il direttore Antoine Manna e il predecessore Raffaele Sanua, difesi dagli avvocati Gianluca Currò e Roberto Gagliardi.

A stabilire che per i reati ambientali l’eventuale responsabilità degli ex direttori va stabilita attraverso il dibattimento e è stato il giudice per l’udienza preliminare Monica Marino, che ha anche scagionato il responsabile della sicurezza Stefano Patti , difeso dagli avvocati Gianluca Gullotta e Currò. Prosciolto anche Domenico De Luca, direttore tecnico della ditta Sakur che ha seguito i lavori. Entrambi erano stati indagati per lo smaltimento delle vernici della nave Scilla, in lavorazione nel bacino di carenaggio nel 2017, per cui era indagato anche Manna. Accusa che secondo il giudice non sta in piedi, né per De Luca né per Patti e Manna.

Il GUP Marino, infine, ha estromesso dal processo l’Agenzia e il Ministero della Difesa, citati come responsabili civili. A chiamarli in causa erano stati i lavoratori dell’Arsenale che si erano costituiti parte civile, assistiti dall’avvocato Antonella Russo.

A far scattare l’inchiesta era stata una segnalazione dei proprietari di una decina di auto, parcheggiate nei pressi del bacino e danneggiate dalle operazioni effettuate dalla ditta De Luca. I successivi rilievi dell’Arpa e i sopralluoghi della Capitaneria, guidati dal comandante Nazareno Laganà, rivelarono che nel bacino l’inquinamento aveva superato i livelli di guardia.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007