Io, accusato di maltrattamenti della mia ragazza: era tutto falso - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Io, accusato di maltrattamenti della mia ragazza: era tutto falso

Alessandra Serio

Io, accusato di maltrattamenti della mia ragazza: era tutto falso

lunedì 17 Febbraio 2020 - 18:21
Io, accusato di maltrattamenti della mia ragazza: era tutto falso

Un venticinquenne di Messina era stato accusato dalla fidanzata di violenza e soprusi di ogni genere. Il processo lo ha scagionato

E’ successo ad un giovane messinese, che oggi ha 25 anni ed ha chiuso un travagliato processo di primo grado con l’assoluzione piena.

Il ragazzo, residente nella zona nord di Messina, è stato scagionato “perché il fatto non sussiste” dal giudice monocratico Di Fresco, dall’accusa di maltrattamenti. Sia il suo difensore, l’avvocato Nino Cacia, che il pubblico ministero avevano invocato l’assoluzione, perché il processo aveva dimostrato che le cose non stavano come era stato raccontato dagli amici della presunta vittima, una giovane che aveva convissuto col ragazzo qualche tempo.

La denuncia era arrivata nell’estate del 2018. A far venire fuori la storia erano state alcune amiche della ragazza, che avevano raccolto le sue confidenze, facendosi l’idea di un incubo lungo due anni, corredato di certificati medici, costellato di violenze verbali, di segregazioni, di episodi di aggressione fisica.

Il fidanzato, stando alle dichiarazioni, le impediva di uscire con gli amici, la insultava se indossava abiti da lui giudicati troppo succinti, la minacciava di rendere pubblici alcuni video girati col telefonino. Una sequela di soprusi che l’avrebbero portata sull’orlo del suicidio.

Le amiche, nel tentativo di aiutare la ragazza, hanno registrato la giovane mente parlava del venticinquenne ed hanno portato tutto alle forze dell’ordine.

Il processo ha però dimostrato che il venticinquenne imputato non è responsabile dei maltrattamenti di cui era accusato. È stato dimostrato che i dei in realtà non abitavano insieme e la stessa presunta vittima ha confermato i litigi ma ha ridimensionato i fatti.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Caro Tempostretto, perché non cambiate la foto del Tribunale? Questa che usate sempre è vecchia di anni, nel frattempo la facciata è stata rifatta e le piccole palme che si vedono tra un po’ daranno i frutti…

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007