Io, bullizzato a Messina, ho vinto la paura e denunciato. Gli insegnanti no - Tempo Stretto

Io, bullizzato a Messina, ho vinto la paura e denunciato. Gli insegnanti no

Alessandra Serio

Io, bullizzato a Messina, ho vinto la paura e denunciato. Gli insegnanti no

mercoledì 26 Giugno 2019 - 07:30
Io, bullizzato a Messina, ho vinto la paura e denunciato. Gli insegnanti no

La storia di un ragazzino picchiato e minacciato dal compagno, oggi sotto processo. E il silenzio assordante dei loro insegnanti

Non erano bambini, ma comunque poco più che adolescenti. Sedevano insieme tra i banchi di scuola ma uno da vittima, l’altro da carnefice. Uno è diventato adulto cercando di combattere il ricordo di un periodo di umiliazioni e paura. L’altro oggi è imputato, affronta il processo e attende la sentenza, a neppure 20 anni di età.

Si chiama bullismo, ma si scrive percosse e minacce. E forse, com’è stato per lo stalking, anche questo genere di fenomeno meriterebbe un ripensamento per introdurre un reato specifico. E misure per formare gli stessi insegnanti ad affrontarlo adeguatamente.

Perché l’ultima vicenda di bullismo arrivata nelle aule di giustizia messinesi, nello specifico davanti al giudice di pace dove un oggi ventenne è imputato, non racconta soltanto delle umiliazioni subite dalla vittima, ma anche dell’incapacità dei loro insegnanti di difenderlo.

Proprio ieri è stato sentito uno dei tre insegnanti che avevano assistito ad alcune delle angherìe denunciate. E dalla sua testimonianza, come da quella degli altri due colleghi che non hanno riferito in aula ma hanno rilasciato il verbale durante le indagini, sembra venir fuori una sottovalutazione del problema. Proprio il ragazzino bullizzato ha infatti riferito di essere stato invitato da docenti a minimizzare tutto quello che gli stava accadendo.

Lui, invece, esausto e spaventato che le cose potessero prendere una piega ancora peggiore, ha avuto il coraggio di raccontare tutto ai genitori e poi alla Polizia, assistito dal suo legale, l’avvocato Filippo Mangiapane.

“Credo che io debba avere la possibilità di condurre una vita serena e non debba preoccuparmi di uscire di casa  con la paura di essere picchiato” ha detto il ragazzo ai poliziotti, nel 2017. Era ad un passo dall’esame di stato, mancavano poche settimane, e ha rischiato di vederlo sfumare: la paura gli toglieva il fiato, il sonno, la concentrazione.

L’episodio che lo convince a chiedere aiuto risale proprio a maggio di quell’anno. Il bullo gli versa una bottiglietta d’acqua in testa, in mezzo ai banchi, davanti a tutti, nella scuola superiore tecnica cittadina che frequentano.

“Io sono mingherlino, non potrei mai affrontarlo”, racconta A. ai poliziotti e al giudice, al processo. Eppure, quel giorno, all’ennesima angherìa cerca comunque di reagire,e fa lo stesso col compagno, che per tutta risposta gli mette le mani al collo e per poco non lo soffoca: “Mi stringeva fortemente con la mano, fino a dare una sensazione di soffocamento. Ero immobile, impaurito, ma lui spingeva sempre più forte con la mano alla gola, fino alla parete, e urlava: ti spacco tutto, mi puoi mandare chi vuoi, non ho paura di nessuno, se viene tuo padre spacco pure lui. E continuava ad urlare, anche mentre il professore e i compagni lo trascinavano fuori.”

Episodi come quelli, ha raccontato A, ne erano già capitati diversi. Ingiurie, minacce di non farsi vedere in giro, promesse a darle anche al padre. Poi le mani addosso, addirittura intorno al collo. Il primo tentativo di soffocamento risale a due anni prima, racconta la vittima, ed era avvenuto anche allora sotto gli occhi di un insegnante. Qualcuno di loro aveva quanto meno redatto una nota nel registro della scuola. Ma denunce nessuna, provvedimenti disciplinari severi al bullo neppure tanto meno un supporto psicologico adeguato al ragazzino vittima.

Il processo va avanti, si tornerà in aula ad ottobre per sentire altri testimoni . L’imputato è difeso dall’avvocato Salvatore Bandiera.

Tag:

Un commento

  1. Non può esserci un commento per tutto questo. Come nn ci sono commenti per l’alta faccia della medaglia, ovvero lo stalking. Tutti tacciono. Minimizzano. Se la fanno alla larga. Aiutati dalla legge che non esiste e che impone solo altre torture alla vittima con minima pena al carnefice. È lecito delinquere nell’anarchia più assoluta perché non arriverà mai la vera punizione. Questo è solo un piccolo articolo che girerà sul web per poco tempo e poi tutto dimenticato. Ma chi cambierà mai le cose? È troppo facile far finta di niente finché non capita a se stessi. E poi? Io solleciterei le coscienze di chi ha pure paura a mettere un like ad articoli come questo perché non sono piacevoli sulla propria bacheca!!!! Ma è tutto invano in questo mondo

    13
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007