Tonno senza tracciabilità. Sequestro da 1400 kg alla rada San Francesco - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Tonno senza tracciabilità. Sequestro da 1400 kg alla rada San Francesco

Redazione

Tonno senza tracciabilità. Sequestro da 1400 kg alla rada San Francesco

sabato 08 Giugno 2019 - 09:39
Tonno senza tracciabilità. Sequestro da 1400 kg alla rada San Francesco

Il pesce era idoneo al consumo umano ed è stato dato in beneficenza

I Finanzieri della Stazione Navale di Messina hanno sequestrato 1400 kg di tonno rosso (Thunnus Thinnis) ed altra tipologia di pesce rinvenuto all’interno di un furgone frigorifero, in procinto di lasciare l’isola, alla rada San Francesco, privo di qualsiasi documentazione idonea a certificarne l’origine.

Le violazioni contestate vanno dalla commercializzazione e detenzione di prodotto ittico privo di documentazione afferente la tracciabilità e l’etichettatura, all’inosservanza degli obblighi previsti dalle normative europee e nazionali in materia di registrazione e dichiarazione dei dati relativi alle catture di specie appartenenti a stock oggetto di piani pluriennali (le cosiddette “Quote Tonno”). Il pescato sequestrato, giudicato idoneo al consumo dopo la visita sanitaria, è stato interamente devoluto in beneficenza ad istituti caritatevoli ed associazioni cittadine individuate con l’Assessorato delle Politiche Sociali del Comune di Messina.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Forse se chi ne ha la competenza (Forze dell’ Ordine, ASP, ecc) cominciasse a sanzionare anche chi consuma il pesce venduto su bancarelle prive di ogni requisito di igiene – oltre ovviamente a chi vende – non ci sarebbe più questo tipo di “pesca”, che in realtà non è altro che delinquenza. Purtroppo però a Messina la repressione per gli ambulanti abusivi deve essere continua e con punizioni esemplari sennò non cambierà mai nulla…che amarezza!!

    2
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007