La grande mobilitazione per piazza Cairoli...e De Luca fa una clamorosa retromarcia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La grande mobilitazione per piazza Cairoli…e De Luca fa una clamorosa retromarcia

Francesca Stornante

La grande mobilitazione per piazza Cairoli…e De Luca fa una clamorosa retromarcia

sabato 15 Giugno 2019 - 08:00
La grande mobilitazione per piazza Cairoli…e De Luca fa una clamorosa retromarcia

Su Facebook eventi e mobilitazione, fortissimo il coro dei no dal mondo politico, De Luca in serata "precisa" e scarica al consiglio

Chi di social ferisce, di social perisce. Evidentemente dev’essersene accorto ieri pomeriggio il sindaco De Luca, dopo il coro variegato di no che si è scagliato contro la decisione incomprensibile di riaprire piazza Cairoli al traffico. La richiesta è arrivata dal comitato MessinaInCentro capeggiata da Lino Santoro e supportata da un centinaio di firme di commercianti che vogliono che si torni a scorrazzare liberi intorno alla piazza.

Ma la stragrande maggioranza dei messinesi sembra essere totalmente contraria. E lo ha detto a chiare lettere nel giro di pochissime ore, soprattutto su Facebook.

Anche il sondaggio lanciato dal nostro giornale ha raggiunto in pochissime ore una percentuale schiacciante di sì all’isola. La consultazione è ancora aperta e potete esprimere il vostro voto nostra pagina Facebook

La mobilitazione social

Sono nati una serie di eventi promossi per salvare l’isola pedonale di piazza Cairoli, per mobilitarsi contro una scelta definita insulsa e controcorrente rispetto alla direzione in cui si muove il mondo. Sono pronte raccolte firme e iniziative per far sentire la voce dei tanti che vogliono che piazza Cairoli resti chiuse alle auto e aperta a chi vuole passeggiare senza clacson, pericoli, doppie file. Non è mancata neanche la satira con l’evento “Menzufriddu in doppia fila Accairoli”.

Il dietrofront


Così, di fronte al polverone che si è alzato, De Luca ieri sera ha fatto una clamorosa marcia indietro. E ha spiegato che la giunta si è «limitata a recepire una legittima istanza della cittadinanza sulla quale l’organo che dovrà pronunciarsi è sempre il Consiglio Comunale». Quindi, l’annuncio che era stato dato dopo la consegna delle firme di riapertura della piazza dal lunedì al venerdì è stato ribaltato dopo poche ore da un sindaco e un’amministrazione in evidente imbarazzo.

De Luca ha anche trovato un escamotage per tentare di evitare la figuraccia e ha spiegato che «il ruolo della Giunta è quello di recepire una proposta, legittimamente e democraticamente avanzata dai cittadini, e promuovere l’esame della stessa da parte del Civico consesso al quale spetta, in via esclusiva, decidere sulla pianificazione urbanistica e viaria della città».

In realtà per i progetti sperimentali e temporanei, così come per esempio avviene a Natale per via dei Mille, non serve il voto del consiglio. E in questo caso piazza Cairoli avrebbe dovuto riaprire intanto per tre mesi in via sperimentale.

Francesca Stornante

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

11 commenti

  1. manco avessero inventato una nuova formula di farmaco:da premio Nobel.Ecco il “valore” dei messinesi “adottivi o inurbati”!!!il risultato della “liberazione” di piazza Cairoli? spazio recuperato per i tanti SPASULATI bighellonanti.Lavoro???Ignoto e sconosciuto!!! Non vado oltre perché sa tanto di ….grottesco l’episodio.Gli stessi commercianti (non la cittadinanza!!!) lamentano l’agonia del commercio con la conseguente chiusura delle “putie”.E’ il TEATRINO DELLA DISPERAZIONE,il ballo sul Titanic…….. e si continua a ridere!!!!!

    1
    5
  2. …beh, quella di Letterio non è una risposta seria ! Però la chiusura di Piazza Cairoli deve essere accompagnata da altre restrizioni per permettere uno scorrimento veloce in modo da arrivare senza intoppi in Via Cannizzaro ! Come dire “altre putie da chiudere !

    1
    0
  3. GIANSISTO D'Agostino 15 Giugno 2019 12:03

    Forse nei sondaggi andrebbe spiegato che nel week end la piazza rimane pedonale.
    Ai cittadini credo che l’infrasettimanale aperta faccia comodo visto che da lunedi a venerdi la piazza è DESERTA. E’ soltanto una logica decisione legata alla viabilità, ma come sempre tutti vogliono solo fare polemica o estremizzare ideologie.La scelta migliore è sempre la più comoda per tutti, non è una questione politica, ma di semplice, media intelligenza !!!!!!

    0
    0
    1. Basterebbe un’intelligenza ben più modesta di quella media per capire che la solita solfa dell’isola pedonale vuota nei giorni infrasettimanali è una baggianata senza senso, sfornata dal classico messinese medio che fa i debiti per comprarsi il suv polacco, da schiaffare in terza fila davanti al bar Santoro. Questa castroneria vorrebbe far valere la logica che è meglio uno spazio pieno di suv polacchi, scorrazzanti sulle note di Gianni Celeste, che con pochi pedoni. Ed ha anche il coraggio di parlare di intelligenza media, latitante alle sue latitudini…

      0
      0
  4. Di Luca secondo me lui è favorevole alla riapertura, perché basterebbe che dicesse: raccogliete 110 firma per la pedonalizzazione è accolgo anche questa istanza. Addio Messina.

    0
    0
  5. Benvenuti a Scherzi a parte!!

    0
    0
  6. GENS MESSANENSIS HODIEQUE ANTE 15 Giugno 2019 17:13

    EGREGIO SINDACO CATENO DE LUCA,
    intanto mi fa molto piacere il fatto che tu tenga molto in considerazione (era ora) le istanze di noi cittadini messinesi (ti do atto di una dote non molto comune nella nostra classe politica) ; in secondo luogo, ti faccio rilevare come, il tram e l’autobus (sopratutto quello elettrico) possono esserci d grandissimo aiuto, visto che, piu’ di una volta noi cittadini messinesi vorremmo NON essere costretti a guidare per spostarci in città. Pertanto, ci faresti cosa estremamanete gradita, anzi utilissima, se tu riusicissi a rendere un tutt’uno tram ed autobus (sopratutto come biglietto e come possibilità di sfruttare le coincidenze), anziche’ tendere a sfasciare il tutto (oppure e’ la voce di qualche persona che rema contro ????? FACCI SAPERE. GRAZIE.

    0
    0
  7. Il signor mi smentisco subito De Luca,una ne pensa e cento ne “scafazza”,la solita figura da “xxxxx di paese” qual’e’. Quando si dimetterà veramente e la smetterà di minacciare e torpiloquire, come suo solito?

    0
    0
  8. Non ha un progetto per Messina. È uno stillicidio di iniziative che trovano immediato stop non appena si rende conto di non avere seguito mediatico. Senza una idea precisa di cosa voglia far diventare Messina continua a governare e farsi governare da facebook. Avere personalità non significa insultare chiunque ma difendere la propria visione delle cose. Facebook lo ascolta, gli amministratori di condominio che vedono avvicinarsi il caos che sarà la differenziata no. Che delusione, che sconforto.

    0
    0
  9. Incredibile questo sindaco ???? nella fretta di dire a tutti si non si rende conto di nulla, persino di cancellare uno dei pochi spazi di civiltà in città !
    I commercianti poi che festeggiano evidentemente non hanno capito nulla, nel resto del mondo il centro cittadino è pedonalizzato e nessuno protesta, qui invece voglio le doppie file, l’inquinamento e il posteggio selvaggio.
    Personalmente leggerò con attenzione l’elenco di chi chiede l’abolizIone dell’isola pedonale di Cairoli boicottando i loro negozi a cominciare dalla latteria santoro, nel frattempo organizzerò un gruppo per il boicottaggio sui social.

    0
    0
  10. Giansisto D’Agostino 16 Giugno 2019 21:31

    Caro Fabrizio la mia intelligenza è latitante quanto la tua educazione . Quella che invece non ti manca è la presunzione . Ripeto non faccio questioni ideologiche. Inoltre mi firmo col cognome, io!

    0
    0

Rispondi a Emmeaics Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007