La sfida degli assessori per Messina, tecnici contro politici - Tempostretto

La sfida degli assessori per Messina, tecnici contro politici

Marco Olivieri

La sfida degli assessori per Messina, tecnici contro politici

mercoledì 18 Maggio 2022 - 07:30

Ultimi i sette assessori del centrosinistra, le squadre si fronteggiano per le amministrative privilegiando professionisti e profili civici

MESSINA – Identikit degli assessori designati. Un profilo da professionista, che dà il suo apporto tecnico, in area centrodestra di Croce e nel mondo trasversale alla De Luca/Basile. Un equilibrio fra politici e tecnici nel centrosinistra di De Domenico. Un profilo civico, da amante dei movimenti e dell’impegno politico, nella sinistra di Sturniolo e spazio a cittadini desiderosi di partecipare nello schieramento di Totaro/Zuccarello.

Questo scenario emerge in occasione della competizione per le amministrative. Una tendenza, quello nel segno del “tecnico è bello”, che caratterizza il centrodestra guidato dal candidato sindaco Maurizio Croce, mentre più equilibrati, fra profilo civico e politico, risultano il centrosinistra per Franco De Domenico e “Messina in Comune” per Luigi Sturniolo. Anche le squadre di assessori di Federico Basile e Salvatore Totaro, nel secondo caso ancora non complete, tendono, a privilegiare il pragmatismo delle competenze alla tradizionale trafila partitica, figlia di un’altra epoca.

Un po’ tecnici e un po’ politici: gli assessori di Basile

Tuttavia, Basile eredita la squadra di assessori di Cateno De Luca. In più viene assegnata la delega alle Politiche giovanili a Liana Cannata, ex “Vento dello Stretto” nell’area di centrodestra. Come considerare dunque gli assessori uscenti, già alla prova del governo? Un po’ tecnici e un po’ politici tranne Francesco Gallo, di formazione democristiana e già assessore della Giunta Genovese, di comprovata formazione politica.

Tuttavia, né la vicesindaca Carlotta Previti, né l’assessora Dafne Musolino, pure candidata alle europee per Forza Italia, possono essere considerate professioniste e cittadine prestate alla politica. Alla seconda prova, anche gli assessori di Basile hanno una natura politica più marcata. E il partito, seppure anomalo c’è, e lotta insieme altri agli schieramenti. Quel partito costruito da De Luca per riprendere la tradizione siciliana autonomista: Sicilia Vera, destinata a prendere nuova forma dopo la candidatura dell’ex sindaco alla presidenza della Regione.

Completano la squadra per Basile sindaco i già assessori Francesco Caminiti, Enzo Caruso, Alessandra Calafiore, Massimiliano Minutoli e Salvatore Mondello.

Il centrosinistra punta su quattro politici

Ieri De Domenico ha annunciato una parte della squadra: 4 assessori politici e tre dal profilo tecnico. Antonella Russo, Felice Calabrò, Cristina Cannistrà e Valentina Zafarana, quest’ultima vicesindaca designata, sono i politici, con solide esperienze: dal Consiglio comunale all’Ars. Due del Pd e due del M5s. Tre i cosiddetti tecnici: il regista cinematografico Christian Bisceglia, la dirigente scolatica Alessandra Minniti e il docente universitario Giovanni Randazzo.

Il centrodestra scommette sui professionisti

A parte la deputata Matilde Siracusano e il professionista Francesco Rella, ma con diverse esperienze politiche come consigliere provinciale e consigliere circoscrizionale, ecco fino ad ora la squadra di Maurizio Croce: l’avvocato Antonio Barbera (presidente del Circolo tennis e vela), l’ingegnere Santi Trovato, Giuseppe Grazia (“da 40 anni faccio bilanci”) e Roberto Cerreti, quest’ultimo già componente del Consiglio della Provincia regionale di Messina e con diversi ruoli tecnici.

Tanti i professionisti nella squadra di Croce: l’imperativo sembra quello di affrontare le emergenze con un’assunzione di responsabilità da parte di una Messina produttiva che vuole ripartire. I big dietro le quinte a creare le condizioni per vincere – da Calderone e Genovese a Picciolo, Amata e molti altri – e in scena unica figura prettamente politica, attualmente, l’onorevole Siracusano (Forza Italia), più Rella, in passato pure esperto per il sindaco Buzzanca.

In equilibrio tra impegno civico e impegno politico: ecco Messina in Comune

La proposta di Luigi Sturniolo, candidato a sindaco di “Messina in Comune”, realizza un equilbrio: il mondo civico, legato a movimenti e associazioni, in armonia con la dimensione politica, non strettamente partitica. Ecco la squadra: Barbara Bisazza, Clelia Marano, Francesca Fusco (ex sindacalista), Antonio Currò (segretario cittadino del Partito della rifondazione comunista), Giuseppe Cardullo, Gaetano Princiotta Cariddi.

Tre donne e un uomo per Totaro: dal tecnico Munaò all’artista Daniela Conti

Giuseppe Munaò (ex assessore nella Brianza lecchese) è il tecnico nella squadra del candidato a sindaco Salvatore Totaro. L’artista Daniela Conti, la professoressa Alessia D’Arrigo, la commercialista Valeria Gozzi fanno parte della squadra. Primi nomi con una prevalenza di elementi civici.

Sottolinea Daniele Zuccarello, presidente del movimento Futuro Trasparenza e Libertà: “Già assessore all’Ecologia, Ambiente, Sport e giovani in un Comune della Brianza lecchese, Munaò metterà a disposizione della nostra squadra l’esperienza accumulata in questi anni. A lui verranno conferite le deleghe all’Ecologia e all’Ambiente”. Munaò è anche ex responsabile del partito Italexit.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007