Lamorgese denuncia De Luca, in scena la Procura. Il sindaco: “Procedete pure” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Lamorgese denuncia De Luca, in scena la Procura. Il sindaco: “Procedete pure”

Redazione

Lamorgese denuncia De Luca, in scena la Procura. Il sindaco: “Procedete pure”

venerdì 03 Aprile 2020 - 18:33
Lamorgese denuncia De Luca, in scena la Procura. Il sindaco: “Procedete pure”

De Luca: "Il Ministro alla Giustizia autorizzi senza indugio, in tribunale porterò la documentazione che dimostra il crimine di Stato”

“Invito il Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ad autorizzare la Procura a procedere nei miei confronti. Questo è un processo che desidero affrontare, in considerazione di ciò che definisco – per quello che si è generato in Italia – un crimine di Stato. A supporto di tali affermazioni, in tribunale porteremo tutta la documentazione, per dimostrare che ciò con cui dobbiamo fare i conti, non è solo contro il Coronavirus, ma anche le nefaste conseguenze della malaburocrazia e della politica dei principianti allo sbaraglio”.

Non si è fatta attendere la risposta dell Sindaco di Messina, Cateno De Luca, sulla richiesta a procedere della Procura di Messina fatta al Guardasigilli, per il reato di vilipendio. De Luca ripercorre le tappe di questo scontro istituzionale con il Ministro Lamorgese. «Ricordo che l’iniziale denuncia da parte del Ministro dell’Interno è scattata a seguito delle affermazioni del Primo cittadino durante l’occupazione del Porto di Messina del 23 Marzo scorso, durante la quale ha mandato “a quel paese” il Viminale, denunciando un “depistaggio di Stato”. Parole giunte a seguito delle contestazioni – da parte del Ministero – dei dati sul flusso incontrollato di soggetti che affollavano lo Stretto, in attesa di imbarcarsi per la Sicilia. Dati comprovati da immagini e video, che secondo il Ministro Lamorgese erano mendaci».

Ma il sindaco non ha dubbi: «A smentire ciò che per me era una “sottostima dei numeri per nascondere la realtà dei fatti e giustificare attacchi e omissioni di un sistema di controllo farlocco”, sono i verbali delle forze dell’ordine a supporto di quanto affermato dal Sindaco peloritano, nel corso dei controlli durante il suo contestato presidio lungo la zona portuale di Rada San Francesco a Messina, che ha causato la denuncia di 10 soggetti per irregolarità delle dichiarazioni, a seguito della constatazione delle Forze dell’ordine e della Polizia di stato».

Tag:

5 commenti

  1. Lo Zampognaro vuol fare dimenticare che con questa querela si discuterà solo della sua offesa nei confronti dell’Istituzione Statale e non della sua teoria. Si discuterà del suo “vaffa” da perfetto scaricatore di porto, senza offesa per gli scaricatori.

    Ben altra cosa è il suo viaggetto al paese natio, Fiumedinisi, a prendersi uova e verdura dalla mamma. Vedremo se è legittimo o meno.

    0
    1
    1. Per il viaggetto ti ha risposto una persona ben educata avrebbe fatto le sue scuse ma si sa ………. invece perchè non si vede mai le centinaia di “cittadini” che vanno in giro come se nulla fosse ??????????

      0
      0
      1. Traduca per cortesia.

        0
        0
  2. De Luca finge di non sapere e parla come se i cittadini fossero ebeti. Il problema non è il merito (chiunque ha diritto di opinione e critica, a maggior ragione un sindaco) ma il metodo. E sotto questo profilo De Luca ha torto marcio.

    7
    1
  3. Accusa di vilipendio , difesa per questa accusa . Il resto è fumo negli occhi dei seguaci .

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x