Lavoro nero. Controllate 24 ditte, 17 erano irregolari. Multe per 160mila euro - Tempo Stretto

Lavoro nero. Controllate 24 ditte, 17 erano irregolari. Multe per 160mila euro

Redazione

Lavoro nero. Controllate 24 ditte, 17 erano irregolari. Multe per 160mila euro

sabato 24 Agosto 2019 - 12:07
Lavoro nero. Controllate 24 ditte, 17 erano irregolari. Multe per 160mila euro

117 i lavoratori sottoposti a controllo, di cui 38 totalmente in nero

MESSINA – 17 ditte su 24 irregolari. E’ il bilancio dell’ultimo mese di attività del nucleo carabinieri Ispettorato del Lavoro. 117 i lavoratori sottoposti a controllo, di cui 38 totalmente in nero. In dieci casi le attività sono state sospese per aver impiegato personale in nero, provvedimento già revocato dopo la regolarizzazione dei lavoratori e il pagamento della sanzione.

9 datori di lavoro sono stati denunciati, a vario titolo, per violazioni delle norme di sicurezza nei luoghi di lavoro (mancata formazione ed informazione dei lavoratori, mancata fornitura dei dispositivi di protezione individuale, mancata sottoposizione personale a visite mediche obbligatorie), violazione delle norme a tutela dei lavoratori minori, ed utilizzo di impianti di videosorveglianza per il controllo dei lavoratori a distanza senza autorizzazione dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Messina.

Le sanzioni amministrative e le ammende ammontano ad oltre 160mila euro complessivamente.

Tag:

Un commento

  1. Finalmente qualcuno vede la galassia del lavoro nero.Purtroppo ci vogliono ci vogliono anni luce per scovareli tutti.Chi comincia finisce 😊😊😊

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007