Licenziamento collettivo Old Wild West, Cgil: "Da revocare" - Tempostretto

Licenziamento collettivo Old Wild West, Cgil: “Da revocare”

Redazione

Licenziamento collettivo Old Wild West, Cgil: “Da revocare”

lunedì 14 Febbraio 2022 - 07:22

In sciopero i lavoratori dell'Old Wild West di Messina dopo il licenziamento collettivo. Per la Cgilè illegittimo: "Va revocato"

MESSINA – Un licenziamento assolutamente “illegittimo” quello che nei giorni scorsi è stato attivato da parte della Rodeo Italia Srl nei confronti di sei lavoratori del ristorante “Old Wild West” del cntro commerciale di Tremestieri: “Non possono licenziare direttamente – spiega la segretaria generale del sindacato Filcams Cgil Messina Giselda Campolo – secondo la legge 428 del 1990 infatti avrebbero dovuto prima cedere quindi restituire il ramo d’azienda al centro, procedura che invece non è stata seguita. Questo licenziamento va quindi immediatamente revocato”.

Così venerdì mattina è scattato lo sciopero, già previsto in realtà anche per le spettanze che i dipendenti attendono e per le quali era già stata inviata una nota all’azienda, che ha sede a Vibo Valentia, nella settimana scorsa: si tratta di tredicesime e quattordicesime non pagate negli ultimi due anni e gli ultimi due stipendi non percepiti (dicembre 2021 e gennaio 2022). “Siamo fortemente preoccupati per le sorti occupazionali e il futuro delle famiglie – prosegue la Campolo – l’azienda da un lato vuole rimanere sul territorio, dall’altro però si libera di lavoratori e lavoratrici: non crediamo sia il modo giusto di fare impresa”.

Alla protesta, nel centro di Tremestieri, hanno partecipato i dipendenti, vittime dell’improvviso licenziamento, che la Rodeo Italia, nella lettera inviata alle rappresentanze sindacali a firma di Giuseppe Colace, giustifica per motivi dovuti a “ingenti perdite economiche che comportano l’esigenza di una revisione degli assetti organizzativi e dei modelli gestionali dell’impresa finalizzati al contenimento dei costi e al miglioramento dei processi in un contesto in cui l’impresa è chiamata a potenziare la propria competitività, eliminando le aree di diseconomia interna attualmente esistenti”.

L’azienda lamenta anche una “situazione critica anche finanziariamente per la forte esposizione nei confronti degli istituti di credito” e un “degrado del centro commerciale e crollo delle presenze” oltre ad un “aumento dei costi di gestione”. Ma la Cgil Filcams non ci sta e invoca il rapido pagamento delle spettanze dovute e la revoca del licenziamento che – urlano gli scioperanti – “Speriamo arrivi già oggi”.

Tag:

Un commento

  1. Nstwviva il duce 14 Febbraio 2022 16:15

    Se prima potevano aver una pur minima speranza di non venir licenziati, sfesd6con l’intervento dei sindacati verranno licenziati di sicuro, inoltre hanno ragione il titolare del locale sul fatto che il centro commerciale di tremestieri è ormai al fallimento totale.

    4
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007