Lockdown a Messina alle 18? CMdB: "De Luca dica i dati ufficiali. Non si chiude una città sulla fiducia" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Lockdown a Messina alle 18? CMdB: “De Luca dica i dati ufficiali. Non si chiude una città sulla fiducia”

Rosaria Brancato

Lockdown a Messina alle 18? CMdB: “De Luca dica i dati ufficiali. Non si chiude una città sulla fiducia”

giovedì 19 Novembre 2020 - 12:41

Cambiamo Messina dal basso chiede di conoscere i dati ufficiali relativi alla situazione epidemiologica in città: "De Luca tira troppo la corda, prima o poi si spezza"

Il sindaco pensa ad un lockdown alle 18, con chiusura di tutti i negozi, supermercati compresi, e tutti a casa. Anzi De Luca ipotizza anche il coprifuoco alle 16. La decisione sarà presa in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, ma intanto fioccano le reazioni. Dopo il no di Confesercenti e Cub si registra l’intervento di Cambiamo Messina dal basso che chiede, prima di chiudere tutti in casa, di conoscere i dati ufficiali della città relativamente alla diffusione dei contagi ed ai dati epidemiologici.

Servono dati ufficiali

Cambiamo Messina dal basso è uno dei 134 promotori della petizione nazionale attualmente in corso, il cui testo è sul sito datibenecomune.it, che chiede al governo di dare piena trasparenza ai dati sulla pandemia. Se si vuole infatti che la società civile continui a supportare le istituzioni in questa fase così difficile, è necessario che siano resi noti e disponibili a tutti/e i dati dell’epidemia disaggregati a livello regionale, provinciale e soprattutto comunale; che siano resi noti “i dati relativi ai contagi all’interno dei sistemi, in particolar modo scolastici”; che vengano insomma pubblicati tutti i dati sulla cui base vengono assunte le decisioni a livello centrale e locale.

Quali sono i dati reali?

Nell’annuncio dei provvedimenti più drastici che dovrebbero essere assunti in queste ore dal sindaco di Messina in sinergia con la Prefetta manca proprio questo, ovvero la comunicazione dettagliata e chiara dei dati relativi al comune di Messina su cui si basano le decisioni che s’intendono assumere- scrive CMdB- Qual è realmente la situazione della pandemia a Messina città, quali sono le “vie del contagio”, qual è il livello del  Rt del comune di Messina, quanti casi documentati di contagio si sono registrati nelle scuole messinesi, quanti guariti, quanti posti reali di terapia intensiva e ordinari covid vi sono oggi o possono essere attivati a breve?

CMdB: De Luca tira la corda

Senza queste risposte qualsiasi decisione rischia di non aver alcun fondamento su basi certe e scientifiche ma sarebbe semmai frutto di reazioni emotive o strumentalizzazione politica. “Non si può costringere una città di 230mila abitanti ad accettare sulla fiducia ulteriori restrizioni che non sono in vigore neanche nelle zone rosse del Paese. Si applichino e si facciano rispettare le norme vigenti in tutta Italia, Sicilia compresa, a tutela e per la sicurezza di tutte/i, ma non si continui a “tirare la corda” della pazienza dei messinesi con il rischio che si spezzi

CmdB, che continuerà ad organizzare e/o partecipare ad iniziative di solidarietà con i cittadini e con le categorie lavorative più colpite da dpcm ed ordinanze, solleciterà un intervento della Regione e del Governo affinchè intervengano per impedire che vengano varati provvedimenti che possono ulteriormente aggravare la situazione economica cittadina ed incidere negativamente sulla vita quotidiana dei cittadini, inasprendo le tensioni sociali.

Articoli correlati

Tag:

9 commenti

  1. I dati stanno in tutti gli ospedali covid a messina, basta guardare i posti letto occupati, basta politica ed economia al primo posto bisogna mettere la salute dei cittadini messinesi

    8
    14
  2. Chi si farà carico dei ristori dovuti agli esercenti danneggiati?
    Qualcuno si è occupato di sondare questa questione?
    Se poi lo scopo è quello di appiattire la curva, la cui crescita è imputabile alla impossibilità di effettuare i controlli, come intende procedere ad appiattimento avvenuto per evitare dei nuovi picchi?
    Non solo non è chiaro sulla base di quali dati voglia bloccare tutto, ma anche quali siano le strategie post lockdown che intende adottare.
    Se intende battere i pugni sul tavolo del prefetto, forse dovrebbe farlo per chiedere un aumento dei controlli con mezzi e uomini, non per chiedere un blocco senza alcuna visibilità futura.

    15
    3
  3. Commercianti, artigiani, professionisti e zzalli compresi, l’hanno votato…ora protestano tutti! L’avete voluto, adesso ve lo “agguantate”. Il grosso problema è che lo deve subire anche chi non l’ha votato!

    23
    8
  4. Bravo De Luca chiudili tutti dentro la libertà non l’hanno voluta, così ora non andranno più sui colli o a Torre faro.

    3
    14
  5. ora basta con il protagonismo dirette tv e quant’ altro , non si fa teatrino sulla pelle delle persone De Luca BASTAAAAAAA!!!!!!!!!!

    17
    3
  6. Anticipare le chiusure non fa altro che aumentare la possibilità di assembramenti.

    3
    0
    1. D’accordissimo con te, ma questo soggetto non è in grado di ragionare!

      1
      0
  7. Basta con questo atteggismento che ha tanto le sembianze di dittatura…Non possiamo piu subire tutto questo…Un Sindaco è sindaco di tutti e non puo agire solo per “emozioni personali”…Il commercio è distrutto da mesi e lui vuole dargli il colpo di grazia…Non bisogna permetterlo…

    5
    1
  8. Tutti a mangiare a casa del sindaco

    4
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007