Provincia:revocato il dirigente. Intanto la Sogas invia un decreto ingiuntivo - Tempostretto

Provincia:revocato il dirigente. Intanto la Sogas invia un decreto ingiuntivo

Rosaria Brancato

Provincia:revocato il dirigente. Intanto la Sogas invia un decreto ingiuntivo

mercoledì 27 Marzo 2013 - 15:56

La Sogas, società che gestisce l'aeroporto dello Stretto, manda un decreto ingiuntivo da 400 mila euro alla Provincia. Intanto a Palazzo dei Leoni scoppia il giallo dell'incarico di dirigente dell'area finanziaria. Angelo Scandurra, dopo aver vinto la selezione, si dichiara impossibilitato. "Chi firmerà entro il 31 marzo il patto di stabilità?"chiede Pippo Lombardo, pronto a rivolgersi alla Procura

La vicenda della certificazione del patto di stabilità a Palazzo dei Leoni assume sempre più i contorni di un giallo. In particolare a stupire è il fatto che l’incarico che spetta al ragioniere generale, quello cioè di dover materialmente firmare la certificazione che la Provincia ha rispettato la soglia di stabilità entro il 31 marzo, non entusiasmi nessuno. Tutt’altro. Persino il dirigente catanese che nei giorni scorsi aveva vinto il bando, Angelo Scandurra, ha improvvisamente cambiato idea e ieri è stata firmata la delibera di revoca. Prima di arrivare al bando pubblico c’erano già stati tre “no” da parte dei dirigenti di Palazzo dei Leoni e Ricevuto era stato costretto a bandire una selezione per un incarico di tre mesi. Chi è stato scelto però dopo 24 ore ha cambiato idea. “Ci sono troppi aspetti poco chiari- spiega il consigliere provinciale Pippo Lombardo, Sicilia Vera- La certificazione del mantenimento del patto di stabilità che deve essere firmata entro il 31 marzo dal ragioniere generale si sta rivelando l’ultimo misfatto della giunta Ricevuto. La revoca dell’incarico a Scandurra puzza di bruciato, dal momento che le motivazioni da lui addotte sono in netta contraddizione col fatto che ha partecipato al bando. Non può scoprire improvvisamente di non riuscire a conciliare i suoi impegni…” .

Facendo un passo indietro, l’ex dirigente Torrisi è andato in pensione e chi doveva prendere il suo posto, l’avvocato Antonio Calabrò, ha rinunciato per motivi personali e successivamente è andato in aspettativa. Una seconda dirigente, Annamaria Tripodo, ha presentato un certificato medico.La data del 31 marzo si avvicinava troppo così Ricevuto ha bandito una selezione per affidare l’incarico. A vincere è stato appunto Angelo Scandura, 50 anni, catanese, che però, appena 24 ore dopo aver preso l’incarico ha annunciato di essere impossibilitato a farlo. Da qui la determina di revoca, con una conseguenza, il posto è ancora vacante. Chi firmerà le carte entro il 31 marzo?

“La malattia perdurante dell’attuale ragioniere generale Calabrò e della sua sostituta Tripodo- prosegue Lombardo- in coincidenza con la scadenza del 31 marzo sono fatti che vanno chiariti. Non appena avrò la documentazione che ho richiesto valuterò se trasmetterla alle autorità competenti, la Corte dei conti e la Procura. Vorrei capire cosa si sta nascondendo o se si sta cercando di coprire la responsabilità di qualcuno. Mi auguro che il commissario che sarà nominato a giugno dalla Regione possa togliere il coperchio ad una pentola che bolle da troppo tempo”.

E chi da troppo tempo aspetta è la Sogas, società di gestione dell'aeroporto
dello Stretto che dopo aver reclamato le somme che Palazzo dei Leoni, che detiene il 14 % del pacchetto azionario, deve sborsare ha deciso di inviare un decreto ingiuntivo. Si tratta di oltre 400 mila euro, corrispondenti alle quote di
spesa che riguardano il 2010. In questi mesi sono stati vani da parte degli uffici della Sogas i tentativi di recupero delle somme in via bonaria. Stanchi di attendere i vertici della Sogas hanno dato mandato all’ufficio legale per
procedere al recupero forzato. Da alcune settimane inoltre è stato sospeso il collegamento con il pullman Federico tra Messina e lo scalo. All’appello mancavano 70 mila euro l’anno per coprire il costo del traghettamento, somma che avrebbe dovuto versare la Provincia a titolo di contributo per assicurare la continuità territoriale agli utenti del messinese. Ma senza soldi il servizio è saltato e i passeggeri sono costretti a salire sulla nave della Caronte a piedi e prendere il pullman che li porterà all’aeroporto solo a Villa San Giovanni. Stessa trafila al ritorno. Negli ultimi mesi a Reggio arrivavano venti passeggeri messinesi al giorno. Il timore è che questa cifra, adesso scenda di molto. Sono lontani i tempi degli annunci da parte di Ricevuto del famoso check-in a bordo della Metromare ed il collegamento diretto con lo scalo. L’aeroporto diventa sempre più lontano e la Sogas batte cassa per reclamare il dovuto.

Rosaria Brancato

Tag:

5 commenti

  1. Check in o up ? Nanni eri ottimista sul check in a bordo….puoi sempre dire che la colpa e’ di Crocetta che proprio mentre stava per essere funzionante ha tolto le Provincie…poi tutti questi dirigenti che si danno malati…forse per risollevare la Provincia ci vorrebbe non un check in ma un check up medico….

    0
    0
  2. Peppe Vallera 28 Marzo 2013 06:58

    I motivi che hanno causato la fuga dei dirigenti della provincia e del vincitore della selezione io li ho scritti.
    La redazione ha censurato il mio intervento, quindi non li conoscerete mai.
    Sempre che non li renda pubblici la Procura della Repubblica
    Giuseppe Vallèera

    0
    0
  3. ieri sono atterrato alle 10.30 con alitalia ho saputo che la linea federico per villa non c’era piu.Eravamo circa 20 un record!!! bus alle 11 e metromare delle 1240 in ritado partenza alle 1255 arrivo a messina 13.30 …3 ore non mi sembra l’aeroporto dello stretto!!almeno mettessero la metromare in coincidenza

    0
    0
  4. Check-in..alto mare!
    con tanti certificati di malattia dei dirigenti della Provincia al check-in mai realizzato sostituiamo un check up…

    0
    0
  5. Come il comune di messina, peggio ancora, la Provincia è l’ennesima dimostrazione dell’inadeguatezza, incapacità e scelleratezza di una intera classe politica. Adesso che è stato certificato il rispetto del patto di stabilità (è normale chiedersi come), tutto è a posto e ricevuto potrà andarsene nella consapevolezza di aver fatto un buon lavoro, lui, i suoi esperti, i suoi nominati e tutta la Compagnia “teatrale”. La città, senza aver pagato il biglietto, ha assistito da 5 anni ad una commedia peggiore dell’opera dei pupi.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007