Lombardo: "I messinesi devono fare meglio la differenziata" - Tempostretto

Lombardo: “I messinesi devono fare meglio la differenziata”

Redazione

Lombardo: “I messinesi devono fare meglio la differenziata”

venerdì 24 Giugno 2022 - 10:28

Dal presidente di Messina Servizi un monito per abbattere i costi e gli affari delle discariche

“Nell’indifferenziato troviamo il 27,8 % di materiale organico, il 15,5 % di carta e cartone, il 23,8% di plastica, l’1,5 di metalli, il 9,2 di tessile e legno, il 2,4 di vetro”. Lo dice il presidente di Messina Servizi, Pippo Lombardo, sulla base dell’analisi merceologica dei rifiuti.

Carenza di impianti in Sicilia

“Chiediamo ai cittadini un impegno maggiore nel diminuire i rifiuti indifferenziati, perché è ancora possibile recuperare almeno fino al 50 percento nella frazione indifferenziata. Tutto questo anche per azzerare l’aumento, non dipendente da noi, ma da politiche regionali scellerate, del costo del conferimento dell’indifferenziata che si è triplicato, passando da 120 a 360 euro a tonnellata. Riducendo i rifiuti che vanno a finire in discarica, come spiegato bene ieri dal procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, possiamo contribuire a contrastare un certo business dei rifiuti che è ancora nelle mani della mafia. La crisi del sistema dei rifiuti in Sicilia ha portato ad una complicata situazione che sta causando problemi seri in molte città della Sicilia, fortunatamente non a Messina, grazie alle politiche messe in atto dall’amministrazione De Luca. Le politiche poco attente della Regione sui rifiuti sono dovute tra l’altro ad una programmazione non oculata che ha portato ad una grave carenza di impianti”.

Non solo decoro

“A Messina dove la situazione è migliore – prosegue Lombardo – stiamo lavorando nell’ottica di promozione di un migliore riciclo e riuso e per proseguire la rivoluzione verde che abbiamo avviato. Dobbiamo essere consapevoli – conclude  Lombardo – che il maggiore utilizzo di buone pratiche non è solo una questione di decoro e pulizia, ma anche etica, perché utile per contrastare le ecomafie e promuovere una città verde completando la transizione ecologica”.

Articoli correlati

12 commenti

  1. Caro presidente lombardo prima di bacchettare i Messinesi che pagano e fanno la differenziata con margini di errori , perché non punite pesantemente quelli che non la pagano e che buttano la loro sporcizia nei cassonetti altrui ?
    Così almeno la smettete di chiedere soldi ai cittadini onesti

    17
    1
  2. Susanna Papalia 24 Giugno 2022 13:01

    E Messina servizi deve spazzare le strade e svuotare i cassonetti delle deiezioni

    12
    2
  3. il messinese è incivile per definizione

    1
    0
  4. La soluzione c’è. Tutti i messinesi perbene e civili se ne vadano via da questa città. Lasciate dentro zalli, cafoni incivili, insomma i messinesi. Lo stato alzi dei muri sino a circondare la città e lasci all’interno anche la monnezza, alla fine se la mangeranno.

    1
    0
  5. Cittadino sconvolto 24 Giugno 2022 21:43

    …finita la campagna elettorale in cui erano tutti bravi,gentili, affettuosi e sorridenti…ora ricomincia la litania del “Messinese lordo e nzivato”…., sporco e meritevole di una tariffa sulla “munnizza” alla massima aliquota….. Saranno 5 anni duri e asfissianti….saranno da migliorare le performance sul recupero dei crediti derivanti da multe,tariffe etc… insomma i cosiddetti residui attivi…. quando arriveranno le cartelle esattoriali invito i concittadini a guardarsi allo specchio e riflettere sul voto espresso nel segreto delle urne….dopo di che….zitti e correte a pagare…in dignitoso silenzio….. questo merita un voto sbagliato….Amen

    0
    0
  6. I messinesi più che fare bene la differenziata non dovrebbero buttare la spazzatura per strada! Intanto cominciamo da qui…

    0
    1
  7. Certo che non e’ facile fare bene la differenziata anche con tutta la buona volonta’,ma ricordo che i cittadini pagano molto di tassa di rifiuti ed il Comune oltre ad incassare bene adesso pretende che siano i cittadini a lavorare.Differenziare bene i rifiuti ,scendere e salire ogni giorno pattumelle ,lavare i piatti di plastica e quant’altro e’ diventato piu’ che un impegno un lavoro ma il Comune aumenta sempre di piu’ la tassa sui rifiuti. Fra poco ci diranno che dovremo essere noi a portare i rifiuti in discarica .A poco a poco faranno fare tutto il lavoro ai cittadini ma di tasse sempre di piu’

    1
    1
  8. Ma la cosa piu’ grave da denunciare e’ che adesso aumentano i balzelli indiretti sui rifiuti in quanto a molti condomini vengono fatte delle multe perche’ trovano il pelo nell’uovo e il pelo non ci deve essere e quindi multe salate.Oltretutto con la scusa che la differenziata non e’ fatta bene lasciano i rifiuti dentro i condomini privati .Un bell’alibi .Basta dire sempre che la differenziata non e’ fatta bene e scattano le multe e il non ritiro dei rifiuti.Ma scusate non paghiamo gia’ la tassa sui rifiuti ?E si che ci avevano assicurato che attuando la differenziata ,la tassa sui rifiuti sarebbe diminuita!!

    0
    0
    1. Pagare la tassa dei rifiuti è una cosa normale nei paesi civili, a meno che non si voglia vivere da sottosviluppati come in certe aree del mondo, quindi non vedo tutta questa meraviglia nel pagare le tasse, semmai il cittadino deve cercare di collaborare se non vuole passeggiare nella sua città avendo la sensazione di girare per una discarica. Tra l’altro non è neanche una cosa dell’altro mondo (visto che le sembra strano) portare alcune tipologie di rifiuti ai centri di raccolta come si fa qui in Toscana (io sono un messinese che vive qui da anni) anche qui paghiamo la spazzatura e pure salata ma le assicuro che nessuno abbandona per strada frigoriferi televisori o lavatrici! Quindi prima di fare i soliti discorsi qualunquisti sul famoso “governo ladro” facciamoci prima un esame di coscienza.

      0
      2
      1. Lei non deve fare finta di non capire.Qui non si tratta di inveire contro il governo ladro .Ci sono comuni che sperperano e non fanno i dovuti controlli e Comuni onesti.Nelle citta’ del nord ho visto operai che non tralasciano neanche una cicca per strada,mentre al sud lasciano i rifiuti presso i condomini privati attaccando il biglietto rifiuti non conformi.A Messina hanno inventato le multe per i rifiuti non conformi per fare cassa.Non penso che solo i messinesi non sappiano fare la differenziata.E’ un bell’alibi per fare multe salate. In quanto ai frigoriferi lasciati per strada ,lei vuole mettere tutti i messinesi sullo stesso piano anche quelli che pagano normalmente la tassa e si vedono fare le multe anche se trovano il pelo dentro l’uovo?

        0
        0
        1. Cara signora, io non ho messo tutti i messinesi sullo stesso piano, anche perché se tutti facessero come quei messinesi (un percentuale certo non bassa) di lasciare i rifiuti per strada a Messina per camminare bisognerebbe saltare come i canguri per evitare la spazzatura! Per fortuna non è proprio così… la verità sta a metà strada perché i Comuni saranno pure deficitari (qui i comuni forniscono a ogni famiglia i contenitori diversificati per cartone, plastica, vetro e umido, effettuando il ritiro nei giorni indicati con una puntualità svizzera) nel fornire i servizi e invogliare la cittadinanza, ma quest’ultima non ha proprio tutto questo senso civico nel cercare un cassonetto e non lasciare i rifiuti sui marciapiedi. Poi avrei qualche obiezione sul pelo nell’uovo a Messina perché spesso il pelo di cui parliamo, ha uno sportello di un frigorifero o un oblò di una lavatrice! Quindi c’è pelo e pelo….

          0
          0
  9. Antonio Celona 27 Giugno 2022 09:40

    Giusto….mentre ci siete, formate i netturbini o operatori ecologici…..se più vi piace..
    Ad esempio gli farei capire che se lanciano i sacchetti verso il cassone del camion….e non centrano il bersaglio, ciò che si sparge per la strada andrebbe raccolto…oppure che se proprio li, dove passano, c’è qualcosa per strada, andrebbe raccolto a prescindere….. o ancora…che quando arrivano davanti al cancello di un condominio,
    invece di strombazzare cafonescamente com’è loro abitudine fare, potrebbero alzare i loro delicatissimi glutei…scendere dal mezzo e con un semplice sforzo delle dita…anch’esse delicate, pigiare il tasto del citofono….ma si capisce che se usano le dita per utilizzare il telefono, risulterà abbastanza impegnativo suonare anche il citofono…..li avete così tanto “ben addestrati” che andrebbero definiti “CHIRURGHI ECOLOGICI”

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007