Mafia tra le Madonie e i Nebrodi, 11 arresti dei Carabinieri - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Mafia tra le Madonie e i Nebrodi, 11 arresti dei Carabinieri

Alessandra Serio

Mafia tra le Madonie e i Nebrodi, 11 arresti dei Carabinieri

martedì 30 Giugno 2020 - 09:31
Mafia tra le Madonie e i Nebrodi, 11 arresti dei Carabinieri

11 arresti dei Carabinieri nel clan di San Mauro di Castelverde che comanda tra Palermo e Messina

Il mandamento di San Mauro Castelverde ha l’ultima parola in fatto di mafia anche nel messinese. Lo storico boss Domenico Mico Farinella è infatti molto noto anche nel comprensorio a cavallo tra la provincia di Messina e Palermo, grazie all’alleanza, stretta a suo tempo ma ancora in vigore, con Domenico Spinnato di Tusa, e i “duri e puri” di Mistretta.

Oggi i Carabinieri di Palermo hanno fatto scattare 11 provvedimenti cautelari tra i suoi fedelissimi, che si stavano riorganizzando per riprendere il comando, dopo la retata del 2015 nell’operazione Black Cat. Il blitz è scattato all’alba ed è stato battezzato Alastra. Mico Farinella è stato fermato a Voghera, dove era al soggiorno obbligato. Coinvolto anche il figlio Giuseppe, attraverso il quale aveva continuato a dettare legge da dietro le sbarre e, dopo la scarcerazione, eludendo i controlli della sorveglianza speciale.

Il gruppo aveva allungato le mani su diverse imprese commerciali della zona, estorcendo negozi e magazzini e imponendo le forniture del braccio destro del boss, il grossista di carni Giuseppe Scialabbra. Nel mirino del pizzo anche l’October Fest del 2018 a Finale di Pollina. Sequestrati un centro scommesse a Palermo e una farmacia a Finale, intestati a prestanomi dei boss, e altri beni per un valore complessivo stimato in un milione di euro circa.

Fondamentali per far scattare gli arresti sono state le denunce delle vittime del racket e la collaborazione con la giustizia del pentito Filippo Salvatore Bisconti, capo mandamento di Belmonte Mezzagno ed ex alleato dei Farinella.

I boss di San Mauro di Castelverde avevano continuato ad operare sentendosi forti dell’omertà intorno al gruppo. “Siamo meglio di Corleone, non abbiamo pentiti”, dicono nelle conversazioni intercettate. Si sbagliavano.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x