Nel Mediterraneo è giunta al termine l'esercitazione Dynamic Manta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Nel Mediterraneo è giunta al termine l’esercitazione Dynamic Manta

Piero Genovese

Nel Mediterraneo è giunta al termine l’esercitazione Dynamic Manta

lunedì 27 Marzo 2017 - 05:09
Nel Mediterraneo è giunta al termine l’esercitazione Dynamic Manta

L’esercitazione NATO “Dynamic Manta", che si è svolta dal 13 al 24 marzo, a largo delle coste siciliane, è giunta al termine e ha visto impegnati mezzi aeronavali ed equipaggi provenienti da 10 Paesi Alleati, riuniti nel Mediterraneo Centrale per un addestramento alla lotta anti sommergibile e alla lotta contro i mezzi di superficie

Nei giorni scorsi, le coste siciliane sono state protagoniste in una maxi eserictazione della NATO che ha coinvolto ben 10 paesi alleati. L'operazione, denominata"Dynamic Manta", ha visto protagonisti sommergibili provenienti da Francia, Grecia, Italia, Spagna, Turchia e Stati Uniti, sono sotto il controllo del Comando Sommergibili NATO e ben dieci unità navali militari provenienti da Francia, Grecia, Inghilterra, Italia, Spagna, Turchia e Stati Uniti.

L’Italia, oltre a partecipare con il cacciatorpediniere Luigi Durand De La Penne, il sommergibile Pietro Venuti, e un elicottero SH90 della Marina Militare, ha fornito supporto logistico attraverso il Comando Marittimo della Sicilia, la Base Navale di Augusta e la Base Aerea di Sigonella. Le navi in addestramento inoltre, sono state supportate da 14 aerei da pattugliamento marittimo ed elicotteri di Canada, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Norvegia, Spagna, Turchia e Stati Uniti che hanno operato dalla base di Sigonella e da bordo delle navi.

L'operazione "Dynamic Manta 2017" ha rappresentato la principale esercitazione della NATO nel Mediterraneo, dedicata all’addestramento anti sommergibile con l’obiettivo di affinare capacità e tecniche dei sommergibili e delle navi dell’Alleanza Atlantica. Scenari realistici ed eventi con difficoltà crescente caratterizzeranno i temi addestrativi per incrementare la capacità di combattimento in contesti operativi multinazionali.

Gli attivisti del presidio No Muos si sono subito schierati contro questa tipologia di esercitazioni. A preoccupare gli aderenti alla protesta è stata la presenza di sottomarini a propulsione nucleare, già partecipanti all’edizione dello scorso anno. "Per l’ipotesi d’incidente atomico, infatti, manca ad oggi – ha spiegato il coordinamento – un piano di emergenza esterna aggiornato e accessibile al pubblico. E ciò, nonostante il porto di Augusta sia periodicamente interessato dal transito e dalla sosta del naviglio nucleare di Stati Uniti e altri Paesi Nato".

Gli stessi attivisti hanno affermato che "le continue esercitazioni militari nell’Isola, oltre a danneggiare l’ambiente e a iniettare nei territori una sub-cultura militarista di violenza e prevaricazione, bruciano ingenti risorse economiche sottratte alla scuola, alla cultura, alla sanità, al risanamento e alla messa in sicurezza dei territori. Gli stessi settori colpiti dai continui tagli prodotti dalle politiche di austerità imposte dall’Unione europea e dal Fondo Monetario Internazionale e così, mentre per uomini, donne e minori migranti il Mediterraneo è frontiera da sfidare per la sopravvivenza, gli eserciti Usa-Nato hanno e stanno trasformando questo stesso specchio d’acqua in un laboratorio di guerra permanente, che si affianca al ruolo operativo assunto dalla Sicilia come piattaforma offensiva proiettata nei teatri bellici africani, mediorientali e asiatici".

Un ruolo, quest’ultimo, che per i componenti del movimento, è aggravato dalla recente conferma del dissequestro del Muos di Niscemi da parte della Cassazione, mentre è in programma l’allargamento della base dei droni-killer di Sigonella.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. MessineseAttenta 27 Marzo 2017 08:49

    NO MUOS?
    NO BRAIN!!

    0
    0
  2. MessineseAttenta 27 Marzo 2017 08:49

    NO MUOS?
    NO BRAIN!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007